Come dolcificare il tè verde

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il mattino appena svegli, ci incamminiamo verso il bagno per sistemarci. Dopodiché ci si va a preparare un ottima colazione, per dare la carica al nostro corpo. Questo è importantissimo per affrontantare al meglio la giornata di lavoro. La bevanda favorita dalla maggiar parte delle persone, viene rappresentata dal caffè. Ma oltre al caffè troviamo il latte, e il tè. Il tè contiene come il caffè la teina, o caffeina. Quindi ai soggetti che stanno alla larga dal caffè, dato il suo gusto particolare, può benissimo optare per il tè. Tra i vari tipi di tè troviamo il tè classico, il tè nero, il tè con aroma al limone, al mirtillo, o il famosissimo tè verde. In questa guida, attraverso passaggi, facili e veloci, vedremo come dolcificare il tè verde.

25

I benefici

Il tè riduce i tassi di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Mentre la presenza di tannini sfiamma le mucose di intestino e stomaco e le catechine presenti in dose massiccia sono in grado di proteggere le cellule celebrali. Inoltre è un ottimo drenante dei liquidi in eccesso. Il tè verde, visto la presenza di caffeina, può scatenare ansia e stati nervosi con tachicardia. Per questo è bene berlo non molto concentrato, a digiuno o alla sera prima di coricarsi. Il dosaggio indicato in catechine al giorno è di circa 254 mg che corrispondono a 2 o 3 tazze di infuso al giorno da bere caldo o freddo con aggiunta di dolcificanti oppure da solo. Ora vedremo quali sono i migliori metodi per dolcificarlo.

35

L'infuso

Per uso esterno ha proprietà lenitive, anti-prurito ed cicatrizzanti in caso di ferite sanguinanti. Il tè verde data la presenza di caffeina, può scatenare ansia e stati nervosi con tachicardia. Per questo è bene berlo non molto concentrato, a digiuno o alla sera prima di coricarsi. Il dosaggio indicato in catechine al giorno è di circa 254 mg che corrispondono a 2 o 3 tazze di infuso al giorno da bere caldo o freddo con aggiunta di dolcificanti oppure da solo. Ora vedremo quali sono i migliori metodi per dolcificarlo.

Continua la lettura
45

Lo zucchero

Infine ci sono i dolcificanti sintetici come l'aspartame, la saccarina, e il ciclamato, di dubbia sicurezza, da usare con prudenza. Ora in commercio è arrivata la stevia un dolcificante naturale con un altissimo potere dolcificante. Essa è in grado di sostituire gli altri più pericolosi. La stevia la si consiglia per persone affette da diabete e obesità. Favorisce anche il calo ponderale data l'assenza delle calorie e principi nutritivi. In questa guida abbiamo visto come dolcificare il tè.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il tè verde data la presenza di caffeina, può scatenare ansia e stati nervosi con tachicardia. Per questo è bene berlo non molto concentrato, a digiuno o alla sera prima di coricarsi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come dolcificare la spremuta di pompelmo

La spremuta di pompelmo è una bibita rinfrescante e dissetante ricca di proprietà benefiche. I vantaggi che derivano da un consumo costante di questa bibita a base di agrume sono diversi: stimolazione dell'apparato digerente; notevole contributo energetico;...
Analcolici

Preparare un ottima tisana mattutina al the verde.

Le tisane sono delle preparazioni erboristiche che sfruttano i principi attivi delle piante per alleviare una serie di disturbi o per infondere una sensazione di benessere alla mente e al corpo. Concedersi una buona, profumata tisana, infatti, è anche...
Analcolici

Come preparare il caffè verde

Il caffè verde rappresenta una valida alternativa al caffè tradizionale, anche se viene ricavato dalla medesima pianta: l'unica differenza è che i chicchi del caffè verde non hanno subito il processo di torrefazione e, quindi, non perdono le loro...
Analcolici

Come preparare il tè verde al limone

Il tè verde al limone è una gustosa bibita che può essere gustata sia calda che fredda. Estremamente dissetante, questa bevanda, ha anche molti effetti benefici sull'organismo quali l'effetto disintossicante e rienergizzante. Se anche voi volete gustare...
Analcolici

Come fare dei cocktails al tè verde

Fare dei cocktails al tè verde è una fresca e sana variante dei comuni cocktail; il tè verde rappresenta una bevanda antiossidante e questa caratteristica si può abbinare ad altri ingredienti, sia che si tratti di preparare cocktails analcolici che...
Analcolici

Come preparare il tè alla salvia

Infusi, tisane e tè sono bevande con caratteristiche benefiche per il nostro organismo. Alcune hanno proprietà calmanti e lenitive. Altre aiutano a combattere infezioni e piccoli malanni di stagione. Qualunque sia la nostra esigenza, è altamente probabile...
Analcolici

Come preparare l'acqua di avena

L'avena sativa è una pianta annuale della famiglia delle Graminacee. Da essa si ricava una bevanda dalle molteplici proprietà: l'acqua di avena. Ottimo ricostituente, ricchissima di fibre e sostanze proteiche, questa bevanda è semplice da preparare...
Analcolici

Come fare un frullato gustoso

I frullati rappresentano una particolare categoria di bevande in grado di presentare innumerevoli benefici se vengono preparati in modo sano e nutriente. Essi, infatti, sono generalmente preparati con frutta fresca, preferibilmente di stagione, e vengono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.