Come essiccare lo zenzero

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ci sarà sicuramente capitato, di voler essiccare alcuni particolari alimenti in modo da riuscire a conservarli in maniera perfetta nel tempo e consumarli quando ne abbiamo bisogno. Per riuscirci, sopratutto se è la prima volta che proviamo ad eseguire questo tipo di operazioni, dovremo cercare su internet delle guide che ci mostrino tutte le varie tecniche per riuscire ad ottenere l'essiccazione in maniera perfetta, in base al cibo di nostro interesse. In questo modo potremo piano piano, imparare ad essiccare i vari tipi di alimenti, semplicemente mettendo in pratica le indicazioni riportate nella guida. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad essiccare correttamente lo zenzero.

25

Occorrente

  • Rizoma di zenzero fresco
  • Forno microonde
  • Robot da cucina
35

Operazioni preliminari

Se decidiamo di essiccare lo zenzero, al momento dell'acquisto, assicuriamoci che si tratti di rizomi raccolti a otto o dieci mesi dall'impianto. In questa fase di vita, infatti, sono più fibrosi e piccanti e si prestano meglio al processo di essiccazione. Prima dell'essiccazione vera e propria peliamo il tubero oppure immergiamolo all'interno di una bacinella piena di acqua bollente. In questo modo ci assicureremo di avere un rizoma ben ripulito dalla possibile presenza di terra. Non appena avremo concluso questa fase, tagliamo accuratamente il rizoma in pezzetti.

45

Essiccazione al sole

In base dell'utilizzo che ne vorremo fare successivamente, potremmo anche decidere di grattugiarlo per ottenere una sorta di polvere di zenzero, in alternativa dei cubetti andranno più che bene. Fatto questo potremo procedere in due diversi modi: il primo prevede un'essiccazione più classica e tradizionale al sole, questa tipologia di operazione naturalmente prevede tempi abbastanza lunghi. Dovremo infatti, lasciare i cubetti di zenzero riposti in un piatto, o in un contenitore aperto, al sole fino a quando non saranno completamente essiccati.

Continua la lettura
55

Essiccazione in microonde

La seconda tipologia di procedura per essiccare lo zenzero è piuttosto rapida e concerne l'utilizzo del microonde. In questo secondo modo dovremo mettere lo zenzero in microonde per cinque minuti al massimo vattaggio. Trascorso il tempo necessario, diamo una mescolata e reinseriamo in microonde per altri cinque minuti ad un vattaggio leggermente inferiore, quindi rimescoliamo nuovamente e reinseriamo in microonde per altri dieci minuti al minimo vattaggio, fino a completa essiccazione. A questo punto, se non l'abbiamo già tritato prima di essiccarlo, potremmo farlo a fine procedimento, con l'ausilio di un omogenizzatore o un robot da cucina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come essiccare i semi di girasole

I semi di girasole sono degli ingredienti naturali molto versatili. Utilizzati in cucina, si rivelano utili anche per la produzione di olio, cosmetici e preparati. Possiedono interessanti proprietà nutrizionali e sono in grado di apportare benefici alla...
Consigli di Cucina

10 consigli per essiccare le erbe aromatiche

In cucina molto spesso servono le erbe aromatiche per condire al meglio i vari ingredienti da cuocere in forno, in padella o alla brace. Le erbe aromatiche possono essere acquistate al mercato o al supermercato e possono anche essere conservate in casa...
Consigli di Cucina

5 abbinamenti per lo zenzero

Lo zenzero trova certamente posto fra le spezie più utilizzate in tutto il mondo. Inizialmente utilizzato in Oriente, il suo utilizzo è ormai annoverato nelle cucine di tutto il mondo. La parte commestibile di questa spezia è costituita da rizoma,...
Consigli di Cucina

Come essiccare le spezie

Le spezie sono delle erbe aromatiche che possiedono grandi proprietà benefiche. Esse venivano utilizzate in passato in campo medicinale ma oggi sono adoperate soprattutto in campo culinario in quanto sono in grado di conferire ai piatti un gusto unico...
Consigli di Cucina

Come essiccare i pomodori in forno

I pomodori di stagione, succosi e sodi, si prestano a numerose preparazioni culinarie. Le grandi quantità, con il tempo, possono guastarsi. Per evitare inutili sprechi, essiccare i pomodori in casa, al sole oppure in forno. Solitamente, si preferiscono...
Consigli di Cucina

Come essiccare il timo fresco

Conservare gli alimenti, le erbe e i frutti della terra è una preoccupazione dell'uomo. Con la pratica e lo studio gli antenati svilupparono diversi metodi. L'essiccazione dà la possibilità di sottrarre all'elemento una percentuale d'acqua; questo...
Consigli di Cucina

Come essiccare i semi di zucca

La conservazione dei semi di zucca è un'operazione piuttosto comune e molto semplice da effettuare, che permette di rinnovare anno dopo anno il ciclo riproduttivo della stessa pianta. Con una sola manciata, inoltre, è possibile ottenere un grande numero...
Consigli di Cucina

Bimby: come fare una bevanda dimagrante allo zenzero

In natura esistono una serie di prodotti che fanno bene al nostro organismo, come ad esempio lo zenzero, una pianta ad alto contenuto curativo. Una bevanda a base di quest'ultimo serve da stimolante, antinfiammatorio e come digestivo. Lo zenzero ha anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.