Come farcire una piadina vegetariana

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La piadina è una sfoglia di farina che si può farcire in vari modi. Essa è un prodotto tipico dell'Emilia Romagna che si può mangiare in qualsiasi occasione: pranzo, cena oppure come stuzzichino pomeridiano. La piadina bisogna servirla piegata in due e con una farcitura in mezzo. Le farciture più comuni sono quella al prosciutto, ai funghi, alla salsiccia. Con un po' di fantasia si può preparare in base ai propri gusti. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile farcire una piadina vegetariana.

26

Occorrente

  • Piadina - melanzane - aglio - menta - olio extravergine di oliva - olive - sale - pepe
36

Grigliare le melanzane

La prima cosa da fare per farcire una piadina vegetariana è quella di prendere le melanzane, sbucciarle e tagliarle a fette sottili. Successivamente si devono mettere in ammollo dentro un recipiente con acqua e sale. Questa operazione è fondamentale per togliere quel sapore amarognolo che caratterizza le melanzane. In seguito si devono asciugare utilizzando uno strofinaccio. A questo punto bisogna aggiungere un poco di sale e di pepe e si fanno grigliare da entrambi i lati. Il tempo di cottura varia in base ai propri gusti.

46

Come insaporire le melanzane

Dopo aver ultimato questa operazione bisogna prendere tutte le fette di melanzane e trasferirle dentro una ciotola capiente. Successivamente si devono aggiungere un poco di olio extra vergine di oliva, l'aglio tritato, qualche foglia di menta tagliata in piccolissimi pezzetti ed una manciata di olive, prive di nocciolo e tagliate a rondelline. Poi, si mescola il tutto e si lascia riposare per almeno mezz'ora; in questo modo si fanno insaporire per bene le melanzane. Queste ultime possono anche essere preparate il giorno prima; in questo caso sono sicuramente più saporite ed occorre meno tempo per preparare le piadine.

Continua la lettura
56

Farcitura della piadina

Quando si fa farcitura bisogna spalmare in metà piadina un formaggio cremoso. In alternativa si possono utilizzare: mozzarella, sottiletta oppure della provoletta. A questo punto si prendono ad una ad una le fette di melanzane e si fanno colare per togliere l'olio in eccesso. Successivamente si mettono dentro la piadina, poggiandole sopra il formaggio. Lo stesso procedimento va fatto con le olive, dopo che sono state private dell'osso. Adesso bisogna ripiegare la piadina e metterla nuovamente sulla piastra. Si lascia per qualche minuto, cioè giusto il tempo per farla scaldare un po' e far sciogliere il formaggio. La piadina adesso è pronta; si deve mettere su un piatto e servirla con qualche pomodorino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

5 modi per farcire i panini al latte

I panini al latte sono un vero must che, ad una festa o un pranzo a buffet, non può mai mancare. Dolci e morbidi questi panini sono perfetti per essere farciti e conservati a lungo. In questa guida vi insegnerò 5 modi per farcire i panini al latte per...
Consigli di Cucina

5 idee per farcire la pasta brisè avanzata

La pasta brisè, è originaria della Francia e rappresenta una base molto usata nella preparazione di torte salate. La quiche lorraine ne è un classico esempio. È possibile farla in casa, ma si può trovare nel banco frigo di ogni supermercato. Capita...
Consigli di Cucina

5 modi per farcire le brioches salate

Le brioches salate, sono un perfetto finger food da servire in svariate occasioni. Perfette per le feste, per i buffet, per i pranzi veloci o per dei pratici pranzi a sacco, le brioches salate sono davvero irresistibili in tutte le maniere. Se avete intenzione...
Consigli di Cucina

Come farcire la pasta fillo

La pasta fillo è una pasta dalla sfoglia sottilissima e dalle origini greche. Infatti il nome "fillo" nella lingua greca significa "foglia", ad indicare l'aspetto di questo tipo di pasta. La pasta fillo è a base semplicemente di farina, acqua ed olio....
Consigli di Cucina

10 modi di farcire la pasta brisè

La pasta brisè è un'invenzione davvero eccezionale, poiché è una pasta che si compra già pronta e si presta a tantissimi ricette, sia salate che dolci, veloci e semplici da preparare. Trova d'accordo grandi e piccini in quanto la sfoglia si amalgama...
Consigli di Cucina

Come farcire la torta paradiso

La torta paradiso è uno di quei dolci che si presta ad una miriade di preparazioni. Tuttavia, può essere consumata così come si presenta: per una buona colazione, per una sana merenda, oppure rendendola ancora più golosa aggiungendo panna o creme...
Consigli di Cucina

Come farcire i toast

Per un pranzo veloce e sfizioso, o per rendere davvero speciale una colazione salata, i toast sono l'idea golosa e perfetta! Prepararli è davvero semplicissimo e possono essere farciti in moltissime varianti prelibate. A seconda della stagione, o del...
Consigli di Cucina

Come farcire un toast vegetariano

Se per anni i toast sono stati associati al classico ripieno di prosciutto e formaggio, oggi sono innumerevoli le varianti che si possono preparare. Per realizzare un toast diverso da solito, e allo stesso tempo genuino e leggero, potete provare una farcitura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.