Come fare dei teschi di avocado

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Halloween è una meravigliosa festa pagana di origine celtica. Si celebra la fine dell'estate (dei raccolti) e l'inizio dell'inverno, e per molti è anche l'inizio di un nuovo anno per le streghe. Non solo la zucca, ma anche altri frutti possono essere utilizzati per le decorazioni. Ecco una semplicissima e pratica guida su come fare dei teschi di avocado.

25

Il disegno

I teschi sembrano semplici, ma non si può tentare di intagliare un frutto particolare come l'avocado (che già di suo è viscido ha una forma singolare), senza prima un'infarinatura di intaglio. Ma se vogliamo tentare di creare comunque delle decorazioni spaventose, la prima cosa da fare e imparare a disegnare il teschio su un foglio per iniziare a definire le proporzioni. Con una matita disegna al centro del foglio un cerchio, per la posizione frontale traccia una croce che divida il cerchio in quattro parti uguali. Poi disegna due linee verticale che partono da quella orizzontale (una per lato). Fai una forma a "u" per chiudere il mento, disegna due cerchi uguali sempre sulle linea centrale (sono gli occhi, che possono essere anche triangolari o di diverse forme). Non ti rimane che disegnare un triangolo, con il vertice verso l'alto per il naso, la bocca e poi i denti. Ora ricalca le linee che definiscono il teschio e cancella tutte quelle che non ti servono.

35

L'incisione sulla buccia

Ora che avete un disegno accanto che vi aiuta, acquistate degli avocado di dimensioni diverse, ma che non siano ne troppo acerbi (altrimenti troppo duri), ne troppo maturi (altrimenti troppo morbidi per mantenere l'intaglio). Ora ci sono due possibilità: decidete se volete cimentarvi nel intagliare la buccia dovete o il frutto per intero. Non essendo una zucca, l'avocado è un frutto difficile da svuotare lasciandolo intero, quindi tagliatelo a metà, togliete il seme, svuotatelo della polpa con un cucchiaio e con un coltellino intagliate dall'interno del frutto gli occhi tondi, il nasino triangolare ed un piccolo sorriso, seguendo il disegno fatto precedentemente per le distanze e le misure.

Continua la lettura
45

Il frutto intero

Mentre per a mio avviso un teschio più pauroso più facile nell'esecuzione, vi consiglio di utilizzare un frutto intero. Capovolgetelo con la parte più piccola verso il basso, vi consiglio di iniziare dalla bocca incidete il "sorriso" non andando in profondità, ma togliendo solo la buccia (volendo si possono intagliare i dentini come nel vostro disegno), per il naso rispettando il triangolo è più d'effetto un cuore capovolto (incidete e scavate il frutto un po' per dare profondità), per gli occhi scavate i due cerchi fino al nocciolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Colazione con l'avocado: 5 ricette

Anche se è solo da poco entrato a far parte della dieta italiana ne ha già scalato le vette, con il suo invitante color verde brillante e la sua fama da superfood, l'avocado è un frutto dai mille usi e dalle mille proprietà. Ma la questione è come...
Consigli di Cucina

10 ricette vegan con l'avocado

L'avocado è un frutto originario del Centro America dalla polpa morbida e burrosa contenente un'alta percentuale di grassi e pochissimi carboidrati; nel '700 veniva infatti usato sulle navi come sostituto del burro dai marinai e spalmato sulle gallette...
Consigli di Cucina

Ricetta: riso venere con gamberetti e avocado

È arrivata l'estate e con essa, purtroppo, anche il caldo e l'afa. Cambiano le nostre abitudini e soprattutto, cambia il nostro modo di portare il cibo in tavola. Timballi di riso, minestre, intingoli vari e piatti super-calorici vengono infatti, sostituiti...
Consigli di Cucina

Come utilizzare la salsa guacamole

Il guacamole, la famosissima salsa messicana conosciuta ormai in tutto il mondo, è una salsa cremosa a base di avocado fresco. La ricetta originale, che risale addirittura ai tempi degli aztechi, prevedeva una semplice purea di avocado, succo di lime,...
Consigli di Cucina

Come farcire i toast

Per un pranzo veloce e sfizioso, o per rendere davvero speciale una colazione salata, i toast sono l'idea golosa e perfetta! Prepararli è davvero semplicissimo e possono essere farciti in moltissime varianti prelibate. A seconda della stagione, o del...
Consigli di Cucina

Come fare una mousse salata

Se siamo alle prime armi con il mondo della cucina per riuscire ad apprendere tutte le tecniche necessarie per ottenere delle pietanze prelibate e conoscere le varie ricette, potremo o frequentare dei corsi di cucina che spesso risultano molto costosi...
Consigli di Cucina

Come conservare la guacamole

Una particolare salsa utilizzata nei piatti più piccanti e speziati è sicuramente la guacamole, tipica del Messico, a base di avocado, limone ed altri ingredienti. La ricetta di questa salsa può variare a seconda dei propri gusti ed in base all'utilizzo...
Consigli di Cucina

Idee per un buffet di Comunione fatto in casa

Nella vita di vostro figlio ci sono tante fasi importanti, sia a livello personale che a livello spirituale. Per quanto riguarda quest'ultima parte, sicuramente la comunione è una tappa molto importante per il suo percorso cristiano-cattolico. Ovviamente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.