Come fare gli Acarajè

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come fare  gli Acarajè
17

Introduzione

Tipico dello stato del Bahia, l'acarajè è uno dei classici street food da gustare in strada, in una delle tante bancarelle che lo servono appena fritto. Si tratta di un piatto diffuso anche nella cucina africana, oltre che nella gastronomia brasiliana, il cui consumo è legato a rituali di natura religiosa. L'ingrediente principale per la preparazione dell'impasto è il fagiolo, precisamente la nostra varietà con occhio nero. Per fare in casa gli acarajè servono inoltre cipolla e sale, più l'olio per la frittura. Nella ricetta originale è previsto l'impiego dell'olio di dende, una palma brasiliana, che in questo caso sarà sostituito con l'extravergine o con un buon olio di semi a scelta. Vediamo, dunque, come fare gli acarajè.

27

Occorrente

  • Per l'impasto: 300 gr di fagioli secchi; 1 cipolla bianca grande, sale q.b., coriandolo q.b. (facoltativo).
  • Per la farcitura: salsa piccante, gamberetti fritti, insalata verde
  • Per friggere: 1 litro di olio extravergine di oliva (o di semi)
37

Con un mixer, tritate grossolanamente i fagioli secchi e ancora crudi: fate attenzione a non avviare il frullatore ad una velocità eccessiva, i fagioli non devono essere polverizzati, ma ridotti in pezzi. Trasferiteli quindi in una terrina e copriteli con acqua fredda, lasciandoli in ammollo per almeno un giorno. Dopo 24 ore, grazie al bagnomaria, sarà più semplice eliminare le bucce: basterà immergere una mano nella terrina, mescolare i fagioli e agitare leggermente il contenitore. In questo modo, tutte le scorze verranno a galla e potrete man mano raccoglierle con l'aiuto di una schiumarola.

47

Potete a questo punto frullare i fagioli, fino ad ottenere una pasta cremosa e densa: la consistenza dell'impasto è fondamentale per la buona riuscita della ricetta, controllate quindi che la massa, una volta battuta, risulti abbastanza spumosa. Tritate la cipolla finemente al coltello o, se preferite un risultato più omogeneo, frullatela con l'aggiunta di pochissima acqua. Aggiungete la cipolla alla crema di fagioli, mescolate e aggiustate di sale a seconda dei vostri gusti. Chi ama i sapori speziati potrà unire anche una manciata di coriandolo fresco.

Continua la lettura
57

In una pentola capiente fate scaldare l'olio e portatelo a temperatura: immergete il manico di un cucchiaio di legno fino a raggiungere il fondo della casseruola e controllate che compaiano le bollicine. Per formare gli acarajè, riempite un cucchiaio con la pasta e lasciate scivolare delicatamente l'impasto nell'olio. Friggete al massimo cinque pastelle per volta, in modo da non abbassare la temperatura dell'olio. Cuocetele da entrambi i lati fino a doratura, poi asciugatele con carta assorbente da cucina. Dividetele quindi a metà e farcitele con il ripieno tipico, a base di gamberetti, salsa piccante e insalata.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La ricetta prevede che nel ripieno sia presente anche il vatapà, una crema piccante di pesce, che può essere sostituita con un semplice purè di patate.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come preparare un menù brasiliano

La cucina brasiliana è piuttosto particolare e si differenzia rispetto a quella europea. Al contrario di quanto, erroneamente, si possa pensare, essa non ha nulla in comune con la tradizione culinaria spagnola. Gli elementi che le fanno da sfondo sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.