Come fare i cardi in agrodolce

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come fare i cardi in agrodolce
16

Introduzione

Il cardo è un ortaggio che assomiglia al sedano, anche se molto più lungo. Il suo sapore è amarognolo ed è simile al carciofo. In cucina il cardo è poco conosciuto, è molto utilizzato nella cucina piemontese. Infatti è famosa la bagna cauda che come ingrediente principale ha proprio il cardo. Cucinare il cardo non è difficile, richiede però molto tempo sia la pulitura che la cottura. Dato che il cardo impiega molto tempo a cuocersi bisogna anticiparsi di qualche ora per fare in modo che si cuocia bene. Il cardo fa molto bene a chi soffre di eccessiva secrezione gastrica oppure a chi ha problemi di ipersalivazione. Un piatto molto saporito che si serve come antipasto o come contorno è: i cardi in agrodolce. La difficoltà sta solo nella pulitura e nella lunga bollitura ma questa ricetta è particolarmente gustosa ed economica. Vediamo come preparare i cardi in agrodolce.

26

Occorrente

  • cardi: gr. 600
  • aceto di vino bianco : un cucchiaio
  • zucchero: mezzo cucchiaio
  • uvetta passa : 20 gr.
  • sale e pepe: q.b.
  • Aglio: uno spicchio
36

Reperire i cardi al mercato non è facile, informatevi quindi prima dove acquistarli e assicuratevi che non siano troppo sporchi di terra. Una volta acquistati lavateli bene sotto il getto dell'acqua corrente e puliteli bene sfilacciando la parte esterna delle coste, aiutandovi con un coltello. Ora mettete sul fuoco una capace pentola di acciaio, riempitela d'acqua e portate l'acqua a bollore. Subito dopo buttate i cardi nel'acqua bollente tagliandoli in quattro parti. Per cuocersi bene i cardi hanno bisogno di un'ora e mezza; assaggiateli, non devono essere troppo molli ma neanche troppo duri. Quando sono cotti scolateli e tagliateli a tocchetti. Ora mettete i cardi così tagliati in un recipiente di vetro o di ceramica e coprite con un piatto.

46

Nel frattempo preparate la salsa: sbucciate lo spicchio d'aglio, tritatelo e mettetelo in una ciotola con lo zucchero e l'uva passa. Se questa non vi piace potete anche non metterla. Salate il composto, mescolate bene e condite con l'olio extravergine d'oliva e poi aggiungete l'aceto bianco. Trasferite i cardi così conditi in un piatto rotondo da portata, mescolateli bene a aggiungete un po' di pepe, se lo gradite. Vanno serviti tiepidi.

Continua la lettura
56

Se lo gradite potete sostituire lo zucchero semolato con lo zucchero grezzo di canna o addirittura con il miele di acacia. In questo caso mescolate bene. Questo piatto è una specialità ligure ed è indicato da servire a pranzo accompagnato a del vino fresco bianco. Il cardo non è consigliato a chi soffre di gastrite o di cistite ed è invece ottimo per chi ha problemi alle vie biliari. È consigliabile mangiarlo a pranzo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • pulite bene il cardo aiutandovi con un coltellino affilato

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare i cardi fritti

I cardi sono degli ortaggi che crescono durante la stagione invernale ed hanno un sapore leggermente amaro simile al carciofo. Vengono molto apprezzati in cucina, soprattutto nella gastronomia siciliana con i famosi carduna 'a pastetta. Si tratta di un...
Antipasti

Ricetta: i cardi in pastella

I cardi fritti sono una ricetta tipica di varie regioni italiane: a Roma vengono ad esempio chiamati "gobbi" mentre in Sicilia sono noti come “carduna”. Serviti solitamente in occasione del cenone della vigilia di Natale, i cardi sono i protagonisti...
Antipasti

Ricetta: cardi gratinati alle acciughe

Ecco una nuova guida, che propone a tutti i nostri cari lettori, la realizzazione di una nuova ed interessante ricetta. Nello specifico cercheremo d’imparare come preparare, in cucina, i famosi cardi gratinati alle acciughe. Questo sarà un piatto,...
Antipasti

Ricetta: cardi gratinati al forno con besciamella

Il cardo è una pianta erbacea molto popolare nel Mediterraneo e nel Nord Africa, e spesso anche i Marocchini lo utilizzano per preparare dei tajine col pollo, l'agnello ed il manzo. Il cardo è maggiormente disponibile durante i mesi invernali, somiglia...
Antipasti

Come preparare i cardi in salsa di tonno e peperoncino

Il cardo è un ortaggio cui sapore sembra stare a metà fra il carciofo e il sedano: tipicamente invernale, certo non può vantare la sua presenza in molte ricette tradizionali, ma possiamo imparare a conoscerlo e a cucinarlo per proporre un'alternativa...
Antipasti

Come preparare le verdure in agrodolce

Le verdure miste in agrodolce rappresentano senza dubbio uno squisito contorno. Si tratta di un piatto sano, che può accompagnare pietanze di carne e di pesce, oppure può essere servito come antipasto su fette di pane abbrustolito. È ottimo anche per...
Antipasti

Consigli per delle ottime cipolline in agrodolce

Golose e croccanti, sono le cipolline in agrodolce! Una preparazione davvero sfiziosa da servire in moltissime occasioni. Perfette come antipasti, sono anche l'accompagnamento ideale per piatti a base di carne. Preparare le cipolline in agrodolce è davvero...
Antipasti

Ricetta: cavoletti di Bruxelles in agrodolce

I secondi piatti generalmente vengono accompagnati con dei contorni. Questi devono abbinarsi bene e creare un'ottima armonia con la ricetta. Un alimento che di solito viene poco considerato, sono i cavoletti di Bruxelles. Una varietà di cavoli, che va...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.