Come fare i cocktail invernali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se amate sorseggiare un cocktail in compagnia di amici, magari a casa propria, allora troverete interessante l'argomento di cui tratteremo in questa guida, ovvero come fare i cocktail invernali. In questa stagione si sa, viste le basse temperature e la voglia di stare al chiuso, sono di gran lunga preferiti i cocktail alcolici in grado di scaldarci un po' e allora vediamone insieme qualcuno e soprattutto come prepararli.

26

Vin Brulè

Iniziamo il nostro viaggio tra i cocktail invernali con il Vin Brulè che letteralmente significa "vino bruciato". Esso è molto diffuso in diversi paesi ed è anche semplice da realizzare. Lo troviamo specialmente nell'Italia Settentrionale; viene servito in tazze di ceramica nei mercatini natalizi. Per la sua preparazione occorre: 1 l di vino rosso, 200 g di zucchero, cannella, 1 arancia, 1 limone, chiodi di garofano e noce moscata. In un tegame dobbiamo versare lo zucchero, le scorze degli agrumi, le spezie ed il vino. Poi portiamo il composto ad ebollizione e dopo averlo filtrato il cocktail è pronto.

36

American Grog

Un altro cocktail, che è una bomba per quelli che soffrono maggiormente il freddo, è l' American Grog; esso è una variante del classico Grog. Per preparare questo cocktail abbiamo bisogno di 3/4 di rum al quale dobbiamo aggiungere 1/4 di succo di limone e dell'acqua bollente. In seguito dobbiamo mescolare e dobbiamo aggiungere un cucchiaio di zucchero; poi, riempiamo con whisky secondo i nostri gusti.

Continua la lettura
46

Rum caldo al miele

Molto buono e da provare è il Rum caldo al miele. Per preparare questo cocktail occorrono: 500 ml di latte e 2 stecche di cannella, 300 ml di rum e zucchero q. B. Si porta ad ebollizione il latte con le stecche di vaniglia e poi si filtra; si aggiunge il rum e si mescola. Prendiamo dei bicchieri da cocktail, mettiamo un cucchiaio di miele in ogni bicchiere e poi versiamo il cocktail. Diamo una spolverata di zucchero e gustiamoci il nostro Rum caldo al miele.

56

Hot Toddy

L'Hot Toddy è molto indicato per stemperare le temperature polari. Questa bevanda è tipica della Scozia; essa veniva bevuta prima di andare a dormire per alleviare i sintomi dei malanni invernali. Mettiamo in una tazza un cucchiaio di miele, una dose di whisky, alcuni chiodi di garofano e una stecca di cannella. Poi, aggiungiamo dell'acqua bollente e delle gocce di limone; bisogna sorseggiare la bevanda dopo che si è stemperata.

66

Irish Coffee

Per finire vi consigliamo Irish Coffee, un drink di antica tradizione che veniva servita negli aereoporti e porti per scaldare i passeggeri. Preparalo è molto semplice, basta del caffè caldo zuccherato al quale si aggiunge poco whisky irlandese e per finire della panna montata. Il cocktail va preparato dentro ad una tazza da caffè precedentemente riscaldata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Margarita

Il cocktail è una bevanda che si ottiene tramite la miscela di diversi ingredienti alcolici, non alcolici e aromi. Tuttavia se eseguito senza l'uso di componenti alcoliche viene detto cocktail analcolico. Il cocktail può presentare all'interno del bicchiere...
Vino e Alcolici

5 cocktail con il mango

Molti di noi dopo una stressante settimana di lavoro, amano uscire nel fine settimana. Se siamo giovani, sicuramente i luoghi più frequentati sono le discoteche, pub e luoghi all'aperto. Luoghi in cui possiamo ballare ma anche bere un buon cocktail....
Vino e Alcolici

I migliori cocktail per l'estate

I cocktail sono delle bevande ghiacciate ricche di tantissimi sapori ed adatte sia per l'inverno che per l'estate. Esistono moltissimi tipi di cocktail, alcolici, analcolici, ma anche aromatici. Tramite questo tutorial vi spiegheremo quali sono i migliori...
Vino e Alcolici

5 cocktail che non possono mancare ad una festa

Esistono cocktail di ogni tipo e per ogni occasione, cocktail dolci o amari, cocktail ghiacciati o flambé, delicati o esplosivi. Non tutti sanno preparare un cocktail con maestria, ma tutti ci possono provare e, con la pratica, raggiungere buoni livelli....
Vino e Alcolici

5 Cocktail con zenzero

I cocktail sono bevande formate da una miscela di più ingredienti. Solitamente si distinguono in cocktail alcolici e cocktail analcolici; mentre alcuni sono consigliati aperitivi, altri sono considerati dei cocktail after dinner, cioè da consumare dopo...
Vino e Alcolici

5 cocktail a base di rum bianco

C'è chi ama bere un buon cocktail in compagnia di amici in un bel locale, ma c'è anche chi ama realizzarlo in casa attraverso gli ingredienti giusti e i giusti dosaggi. Se siete amanti del rum bianco per esempio, potete realizzare attraverso l'aggiunta...
Vino e Alcolici

Come fare i cocktail al melograno

La realizzazione dei cocktail a volte ci può celare qualche difficoltà e qualche ostacolo. Bisognerebbe a tal proposito avere le idee chiare per poterne realizzare uno in maniera semplice. Esistono dei cocktail classici che ci permettono di andare sul...
Vino e Alcolici

Come fare il bamboo cocktail

Quando organizziamo una festa, ovviamente, non manca mai l'angolo bar e ad affiancare i soft drink ci pensano i cocktail. Ne esistono un'infinità e grazie al web possiamo reperire le ricette facilmente. Nelle lista delle varie tipologie, troviamo il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.