Come fare i fichi caramellati

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come fare i fichi caramellati
15

Introduzione

Chi ha detto che la frutta, oltre a far bene, non può soddisfare anche il più esigente dei golosi? L'idea di fare fichi caramellati nacque tra i contadini romagnoli, diventando presto uno dei modi migliori per conservarli, in alternativa alla marmellata. Inoltre, la facile preparazione rende questa conserva adatta anche a chi, con i fornelli, non va proprio d'accordo! I fichi caramellati possono essere mangiati da soli o impiegati come accompagnamento, possono essere usati per guarnire dei dolci o delle ricette, e le varianti possono essere infinite. In questa guida vedremo come preparare questa dolcissima ricetta, i fichi caramellati!

25

Occorrente

  • 1 kg di fichi
  • 400 ml di acqua
  • 200 g di zucchero
  • Vasetti di vetro sterilizzati
35

Per prima cosa, occorre lavare bene i fichi sotto l'acqua corrente. È preferibile scegliere dei fichi neri, dato che si prestano meglio a questa preparazione. Dopo averli lavati, si devono adagiare i fichi in una pentola aggiungendo l'acqua, lo zucchero e lasciandoli riposare qualche ora (indicativamente, una notte). Dopo averli fatti macerare, si può procedere alla cottura, quindi portare ad ebollizione e far bollire per qualche ora a fiamma bassa, finché lo sciroppo che si creerá non sarà denso e dorato.

45

Dopo aver terminato la cottura dei fichi, si possono conservare in appositi vasetti di vetro, in un luogo preferibilmente buio ed a testa in giù. Sarebbe consigliabile attendere almeno tre mesi prima di gustare i fichi caramellati, senza temere nulla riguardo la conservazione, dato che lo zucchero presente è un ottimo conservante. Alcune alternative prevedono l'utilizzo delle mandorle all'interno dei fichi, o dell'aceto nello sciroppo di acqua e zucchero, così come della scorza di limone grattuggiata o a listarelle, o della cannella dentro al vasetto col fico... Insomma, se la semplicità vi fa storcere il naso, starà a voi scegliere e provare gli ingredienti che più vi attirano o vi ingolosiscono.

Continua la lettura
55

Una delle varianti più diffuse e decisamente degne di essere menzionata, è quella che prevede la cottura al forno al posto di quella nella pentola. Il procedimento è simile alla variante già vista quindi, come prima cosa, si procederà col lavare accuratamente i fichi. Dopodiché, dovranno essere posizionati in una teglia, cosparsi con dello zucchero e, anche in questo caso, i fichi dovranno riposare almeno una notte. Una volta fatti riposare, la teglia andrà infornata a 100°C finché i fichi non avranno assunto il colore dorato che li contraddistingue. Andranno conservati in dei vasetti con all'interno un superalcolico a piacere, il più usato è il rum. Anche in questo caso, la fantasia la fa da padrona e gli ingredienti aggiuntivi da scegliere vanno incontro ai gusti di chiunque, rendendo i fichi caramellati un piccolo peccato di gola adatto a chiunque.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come conservare i fichi d'India sbucciati

I fichi d'India sono un particolare frutto dalle straordinarie proprietà. Questi frutti nascono da piante altre anche 3 metri, che somigliano a cactus, foglie verdi e larghe, con spine. Nella fioritura è possibile notare fiori dai colori vivacissimi...
Consigli di Cucina

Idee golose per una festa di Carnevale con i bambini

Riuscire a organizzare una festa di Carnevale con i bambini è un compito facile e divertente. Ma per renderla perfetta, occorre che adoperiate delle idee golose. Tante sono le ricette che potete portare in tavola per loro, cominciando da piccoli panini...
Consigli di Cucina

5 condimenti per i cavoletti di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles conosciuti anche con il nome di cavolini, appartengono alla stessa famiglia dei broccoli. In Italia non vengono molto usati, anche perché la loro coltivazione è più diffusa nel nord Europa. Esistono moltissime ricette per presentare...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a giugno

Ogni frutto e ogni tipo di verdura cresce e matura in periodi diversi dell'anno. Alcune specie preferiscono i climi caldi, altre quelli più rigidi. Altre ancora sono presenti tutto l'anno. Nei primi casi parliamo di frutta e verdura di stagione. Possiamo...
Consigli di Cucina

Le migliori marmellate da abbinare ai formaggi

Quando si degustano dei formaggi gustosi e di vari tipi e di diverse stagionature, è ormai di moda associare e abbinare una confettura che si adatti alla tipologia di formaggio che sia in grado anche di esaltarne i sapori e gli odori. Spesso abbinare...
Consigli di Cucina

Frutta secca: 10 ricete per utilizzarla

Un ingrediente che si può utilizzare per poter realizzare qualsiasi tipo di ricetta è la frutta secca. Quest'ultimo è un alimento ricco di caratteristiche benefiche per l'organismo. Si tratta di frutta essiccata, attraverso un processo che la priva...
Consigli di Cucina

5 varianti per fare le crepes

Le crepes sono una ricetta di origine francese, ma che in molte varianti è diffusa praticamente ovunque in Europa: un semplice impasto a base di uova, farina e latte, viene cotto su una superficie arroventata e diventa così una crespella croccante,...
Consigli di Cucina

5 modi per preparare la mostarda in casa

La mostarda è una sfiziosa preparazione adatta ad accompagnare carni e arrosti. Si produce con verdure e frutti, con l'aggiunta di aromi per dare un gusto pungente. Generalmente si tratta di una salsa dal mix equilibrato tra dolce e piccante. Si possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.