Come fare i grissini di quinoa

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I grissini sono degli alimenti, che appartengono alla categoria dei pani. Questi vengono utilizzati per accompagnare i pasti. Oppure, adoperati per servire gli antipasti o buffet. La particolarità dei grissini viene caratterizzata dalla sua speciale forma allungata. Inoltre, al palato risulta croccante e fragrante. Mentre, per quanto riguarda il sapore cambia secondo l'impasto e gli ingredienti aggiunti. La versione classica è quella fatta con della farina di grano. Ma, per alcune varietà si possono impiegare altri tipi di farina, come quella di diversi grani e cereali. Uno delle farine che oggi viene spesso usata e quella di quinoa. Questa viene utilizzata tantissimo e sostituita per tipo e abitudini alimentari. Nella seguente guida vi spiego come fare i grissini di quinoa.

27

Occorrente

  • 200 farina di quinoa più quella per la lavorazione
  • 3 cucchiai di olio evo
  • Rosmarino
  • Acqua quanto basta
  • Sale fino
  • sale grosso
  • 1 tuorlo
37

Prendere gli ingredienti

La ricetta che vi propongo sono dei grissini fatti con la quinoa. Questa è una parente lontana dei cereali e la potete usare come alternativa alla pasta e al riso. Inoltre, ha la qualità di poterla ridurla in farina, proprio come tutti gli altri cereali e grani. La quinoa è una pianta erbacea, contiene calcio ed è facilmente digeribile. I grassi contenuti nella quinoa sono di tipo buoni e protettivi del cuore. La potete prendere in qualsiasi supermercato e negozio alimentare. L'importante che acquistate la quinoa ridotta in farina. Inoltre, per fare l'impasto dovete procurarvi dell'olio evo, che vi servirà per lavorare la pasta dei grissini. Infine, potete acquistare anche delle spezie a scelta. Quindi, assicuratevi di avere tutto il necessario e iniziate a impastare i grissini.

47

Impastare i grissini

La prima cosa che dovete fare è quella di setacciare la farina di quinoa. Mettetela in una terrina e aggiungete un pizzico di sale e il rosmarino. Mescolate tutto per bene e versatela sopra una spianatoia. Disponete sopra il composto tre cucchiai di olio evo e cominciate a impastare con le mani. Dopodiché, unite l'acqua tiepida necessaria e continuate a lavorare la pasta. Una volta che avete ottenuto un impasto omogeneo e non appiccicoso, mettetelo in una ciotola. Copritelo con un telo infarinato, per un'ora circa. Trascorso il tempo di riposo, schiacciate la pasta con le mani e impastatela energicamente e aggiungete del pepe e rosmarino. Ricavate poi dei cordoni lunghi trenta centimetri e spessi mezzo centimetro. Infine, allungandoli una alla volta con le mani.

Continua la lettura
57

Cuocere i grissini

A questo punto, prendete una teglia e foderatela con della carta da forno. Disponete sopra i grissini di quinoa e lasciateli lievitare ancora venti minuti. Dopodiché, copriteli con un canovaccio infarinato. Passato il tempo, spennellate i grissini con il tuorlo, stemperato con poco acqua. Aggiungete sopra del sale grosso e cuocete in forno a 180° per trenta minuti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Volendo potete sostituire il rosmarino a semi di finocchio o origano
  • Lasciate lievitare la pasta
  • Volendo per renderli più leggeri potete evitare di spennellare i grissini con il tuorlo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come fare i grissini integrali

I grissini sono una specialità della cucina torinese la cui invenzione risale al 1679 e si deve ad un fornaio di nome Antonio Brunero. Hanno la caratteristica di essere friabili e croccanti. Sono ottimi sia come semplice snack, sia per accompagnare i...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza con la farina di quinoa

La quinoa è un vegetale dalla cui pianta erbacea si ricavano sia frutti che semi. Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae ed è tipica dei territori delle Ande del sud America, dove viene coltivata in abbondanza. La quinoa è ricca di amido; proteine;...
Pizze e Focacce

Come preparare il pangrattato in casa

Preparare il pangrattato in casa è davvero semplice. Oltre ad essere un ottimo modo per riciclare il pane avanzato. È pur vero che spesso la tentazione del suo acquisto è più forte. Ma è bene ricordare l'importanza e la genuinità delle preparazioni...
Pizze e Focacce

Come fare i cestini di pane per insalate

In prossimità delle feste, quando si allestiscono quelle belle tavole imbandite che tutti ci invidiano, l'unica nostra preoccupazione sarà quella di non far mancare nulla ai nostri ospiti. Un detto dice "anche l'occhio vuole la sua parte", ed è assolutamente...
Pizze e Focacce

Ricetta: sformato di grano saraceno

Lo sformato di grano saraceno è un ottimo modo per gustare questo pseudocereale. Prima di vedere la ricette, scopriamo perché fa bene. Prima di tutto è senza glutine (come la quinoa) e quindi adatto anche ai celiaci. È molto ricco di fibre che agevolano...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza alla norma

Di pizze ce ne sono per tutti e di tutti i gusti, da quelle semplici a quelle più elaborate o quelle tradizionali e tipiche regionali. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustreremo come preparare la pizza alla norma, tipica ricetta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.