Come fare i tappi di sughero

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I tappi di sughero rappresentano la soluzione ideale per le chiusure sotto vuoto delle bottiglie: li possiamo infatti trovare nelle bottiglie da spumante, nel vino, champagne e così via. Li conosciamo anche per il fattore dello stappo, cioè quando una bottiglia viene aperta in occasione giornate di festa e i bambini li inseguono per impossessarsene; si dice anche che se viene toccato porta fortuna. Alla fine è un semplice tappo di normale sughero, ma diciamo che raccoglie in sè aspetti e valori. Oltretutto oggi, con l'idea che c'è di utilizzare elementi di riciclo nel design, il tappo di sughero rappresenta uno strumento che viene usato anche per realizzare delle piccole creazioni. Inoltre, è possibile realizzare autonomamente proprio i tappi, da utilizzare per le nostre bottiglie i per dare via ad altri oggetti. Con i passi che seguono vi spiegheremo come si deve procedere per fare dei tappi.

25

Come ottenere il sughero

La prima operazione da compiere è sicuramente quella di decorticare un albero adeguato: solitamente gli alberi per sughero si trovano in Portogallo, Italia, Spagna e nel nord-Africa e l'operazione viene fatta a mano con l'uso di un'accetta, che consente di estrarre solo il fellogeno altrimenti si rischia di non far ricrescere più la corteccia. Una volta raccolto, bisogna metterlo in un ambiente chiuso, protetto, per non rischiare di essere contaminati dai batteri.

35

Come lavorare la corteccia

Il primo passaggio da compiere è quello di far bollire la corteccia. La bollitura serve a disinfettare, a pulire la corteccia e a renderla molto elastica. Una volta fatto questo, la corteccia dovrà essere pressata, dopodichè verrà sottoposta ad una prima selezione. Fatto questo, si passa alla fase di rifilatura della corteccia. Gli scarti non verranno gettati, ma possono essere riutilizzati creando dei tappi tecnici, ovvero basterà incollare tra loro i trucioli e la segatura pressati. A questo punto del procedimento avviene il carotaggio. Il carotaggio è la fase in cui vengono scelti i pezzi di legno migliori dai quali verranno estratti i tappi.

Continua la lettura
45

Come ottenere i tappi

Una volta che sono stati estratti i tappi, si passa ad un'altra selezione. Ora si dovranno scegliere i tappi migliori. Questa operazione viene effettuata da una macchina che possiede un lettore ottico. Dopodichè la medesima macchina, grazie ad un getto d'aria, dividerà i tappi per qualità e misura. Una volta che sarà completata anche questa selezione si passa all'ultima fase, nella quale verrà effettuata anche un'ultima selezione. Questa parte non viene effettuata da una macchina, bensì manualmente. Tutti quei tappi che sono formati da un unico pezzo e durante questa fase verranno suddivisi per altezza, porosità e per piccole lesioni (nel quale ci dovessero essere). Da tutte queste operazioni possono uscire fino a 5 tipi di tappi, che variano tra loro per la qualità, la quale ne fa lievitare anche il prezzo. Naturalmente i tappi migliori verranno utilizzati per quelle bottiglie che dovranno durare per decenni.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fare la giardiniera di peperoni

Questa è la stagione ideale per preparare le giardiniere in casa, un modo semplice per conservare le verdure di stagione per poterle gustare durante l'anno. Quasi tutte le verdure si prestano per questo modo di conservazione e in particolare i peperoni....
Vino e Alcolici

Come vinificare il vino bianco

La vinificazione (cioè il metodo con cui si ottiene il vine dall'uva) è un'arte antica e preziosa, capace di produrre vini di altissima qualità. Ovviamente la vinificazione è un processo lungo e che necessita di cura e molta attenzione. Eppure, è...
Vino e Alcolici

Come fare il vino frizzante in casa

Una delle bevande alcoliche più longeve ed apprezzate al mondo è sicuramente il vino. Si tratta di una bevanda che si ricava dalla fermentazione dell'uva e che ha origini molto antiche. In modo particolare in Italia si sviluppano tantissimi vitigni...
Vino e Alcolici

Come conservare il vino aperto

Il vino è una bevanda molto amata dagli italiani; il tasso alcolico varia in base alla fermentazione. In commercio esistono vini rosati, vini bianchi, vini frizzanti e vini rossi. Per ogni tipo di vino bisogna abbinare anche il piatto da mangiare, ad...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla pesca

La grappa è una bevanda che risale addirittura agli inizi del medioevo, essa va di pari passo con la produzione di vini pregiati. Una volta era considerata anche una specie di birra primitiva ma, col tempo si è trasformata nel tempo in una bevanda spesso...
Dolci

Ricetta: confettura di cachi

Se hai voglia di una marmellata originale e fragrante dai caldi colori autunnali, dai un'occhiata a questa ricetta!La confettura di cachi è particolare e coloratissima (e anche molto difficile da trovare in commercio!) e puoi usarla sia per i dolci,...
Primi Piatti

Come preparare le conserve di sughi pronti

Al giorno d'oggi, tutti noi, per praticità o mancanza di tempo, acquistiamo prodotti già pronti da usare in cucina. Il problema è che questi cibi contengono conservanti che possono essere dannosi per il nostro organismo. In questa utile guida, scopriremo...
Consigli di Cucina

Come fare i peperoni sott'olio

Esistono tanti modi per conservare le verdure di stagione, per poi poterle gustare durante i periodi in cui al mercato troviamo solo prodotti di importazione estera o provenienti da serre, con costi talvolta esorbitanti. Perché allora non dedicare un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.