Come fare il cinghiale in civet

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come fare il cinghiale in civet
17

Introduzione

Il cinghiale in civet è un secondo piatto ricercato, particolare e tipico della tradizione piemontese. Questa gustosa pietanza, è caratterizzata da sapori molto particolari conferiti dalla carne del cinghiale e dalla marinatura ottenuta con molteplici aromi. È perfetta da servire ad una cena tra amici e parenti in una serata fredda invernale. In questa guida illustreremo, passo dopo passo, la ricetta di questo piatto sfizioso e daremo alcuni utili consigli per farlo alla perfezione. Scopriamo insieme, allora, come procedere nel dettaglio.

27

Occorrente

  • 800 gr di polpa di cinghiale; 1 cipolla; 1 carota; 1 costola di sedano; erbe aromatiche; chiodi di garofano q.b; cannella q.b; 300 ml di brodo di carne; 1 litro di vino rosso; 1 bicchierino di brandy; 1 bicchiere di aceto di vino; 125 ml di olio d'oliva; sale q.b.
37

Acquistare della carne di cinghiale già pulita

Acquistate della carne di cinghiale già pulita e priva delle parti più dure. Servitevi dal vostro macellaio di fiducia per acquistare un pezzo fresco e tenero. Questa carne, ha un sapore davvero delizioso, leggermente simile a quella di maiale, ma sicuramente più tenera e gustosa. Iniziate con la preparazione del cinghiale, mettendo i vari pezzettini di spezzatino crudo in una ciotola abbastanza capiente insieme a mezzo litro di vino rosso. Quest'ultimo deve essere abbastanza forte per regalare al piatto un sapore ancora più intenso.

47

Marinare la carne

Sempre all'interno della ciotola, mettete anche l'aceto di vino, le erbe, la cannella ed i profumatissimi chiodi di garofano. Lasciate marinare la carne per un'intera notte per farle assorbire perfettamente i diversi aromi. All'indomani, scolate la carne accuratamente, conservate il vino della marinatura e mettetela in una casseruola con un filo d'olio extravergine di oliva. Fate rosolare la carne su ogni singolo lato insieme alle spezie marinate con essa precedentemente. Aggiungete un bicchierino di brandy, le carote, il sedano e la cipolla tagliati in piccoli cubetti.

Continua la lettura
57

Cuocere il cinghiale

Versate, all'interno della casseruola e poco per volta, il vino rimasto dalla marinatura della carne ed un litro dibrodo di carne, preferibilmente fatto in casa e non confezionato. Salate in base ai vostri gusti e coprite con un coperchio. La carne per assorbire tutti i sapori, dovrà cuocere a fiamma bassa per almeno due ore e mezzo. Una volta pronto, servite il cinghiale su di un vassoio e ricopritelo con il sugo rimasto nella pentola, qualche foglia di timo fresco e della polenta calda appena fatta.
Questa metodologia di cottura del cinghiale, favorisce la distribuzione dei diversi sapori in modo omogeneo, inoltre, è una ricetta che esalta tutta la particolarità di questo tipo di carne. Avete realizzato un piatto ricco di sapori vivaci ed accattivanti, che entusiasmerà tutti gli ospiti seduti alla vostra tavola.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per accompagnare il piatto, scegliete un vino rosso molto corposo e forte.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: polenta al ragù di cinghiale

La polenta è un cibo entrato a far parte da tempo della cultura culinaria italiana sopratutto nei paesi del nord, ma si prepara in tutta Italia sopratutto nelle stagioni più fredde. Ancora di più è consumata in inverno col clima molto rigido servita...
Carne

Ricetta: cinghiale al ginepro

La carne di cinghiale è sempre più diffusa nelle cucine italiane. Sono numerosissime le ricette che tentano di far esaltare il sapore forte e intenso di questa carne. Cotta, infatti, con le dovute attenzioni può essere una vera gioia per il palato....
Primi Piatti

Come cucinare il sugo al cinghiale

Il cinghiale è un mammifero che vive nei boschi. Esso si nutre di radici, tuberi, ghiande, insetti e piccoli mammiferi e da sempre viene cacciato per la sua carne molto saporita, il che ha contribuito a ridurre la sua diffusione. La carne del cinghiale...
Carne

Come preparare il cinghiale con verdure

Il cinghiale in umido con verdure è un secondo piatto estremamente nutriente e gustoso. Una cremina dal sapore intenso si unisce garbatamente alla carne, esaltandone la gustosità. Le verdure rendono il piatto particolarmente deciso ed appetitoso. Per...
Carne

Ricetta: polenta con sugo di cinghiale

La polenta con il sugo di cinghiale è una ricetta tipica della zona appenninica e precisamente molto diffusa nelle regioni della Toscana e dell'Umbria. Si tratta di un piatto tipicamente invernale e ricco di calorie, che può essere presentato in tavola...
Carne

Come preparare il cinghiale alla cacciatora

Tra le ricette toscane una delle più antiche è quella del cinghiale alla cacciatora. Si tratta di un piatto che può essere mangiato sia come pasto completo sia come secondo. L'importante è, però, l'acquisto della carne di un cinghiale giovane che...
Carne

Come preparare il cinghiale alle olive

Il cinghiale alle olive è una pietanza saporita ed appetitosa, tipica della tradizione culinaria toscana. Si tratta di una preparazione di origine contadina, fatta di ingredienti semplici e genuini. Le olive nere si legano piacevolmente alla sapidità...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli di cinghiale

Preparare i ravioli di cinghiale richiede tempo ed impegno, ma il risultato vi darà sicuramente delle grandi soddisfazioni. Seguendo i passi della ricetta potrete realizzare un piatto gustoso, dal sapore deciso e dal profumo avvolgente. Vediamo allora,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.