Come fare il Kombucha Tea

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Kombucha Tea è una bevanda orientale giunta a noi partendo originariamente dalla Cina, attraverso la sua successiva diffusione in Russia; considerata un elisir di lunga vita dalle proprietà disintossicanti e digestive, secondo la tradizione cinese è un vero e proprio farmaco in grado di curare numerose malattie. In Europa e nei nostri giorni, grazie alla recente attenzione rivolta alle pratiche orientali, si sta diffondendo sempre più l'utilizzo di questa bevanda energetica, derivata dal fungo di Kombucha. Il nostro scopo, ora, è quello di illustrarvi come fare per produrla in casa e provare direttamente il sapore acidulo di questo miracoloso tea.

26

Occorrente

  • Fungo madre kombucha. Puoi trovarlo in internet o meglio da qualche amico fidato. Non serve ricomprarlo ogni volta
  • Un po' di tè kombucha
  • Tè in bustine o in foglie
  • Zucchero bianco o grezzo di canna (potete provare varie combinazioni)
  • Pentola grande per il tè per la fermentazione
  • Barattolo grande di vetro
36

Il primo passaggio è il cuore del procedimento. Questa è la fase della fermentazione, nella quale il nostro fungo cresce e si sdoppia. Pulite perfettamente il contenitore di vetro che utilizzerete. Sterilizzatelo facendolo bollire in acqua calda. Se è la prima preparazione aggiungete il liquido avuto assieme alla coltura e un cucchiaio di aceto di mele per aiutare la fermentazione. Per le volte successive è necessario conservare sempre una certa quantità di preparato. La proporzione dovrà essere circa il 10% del totale che verrà preparato la volta successiva. Inserite il fungo Kombucha nel liquido e copritelo con il rimanente tè. Coprite il recipiente sigillando l'imboccatura con un elastico, e lasciate a fermentare il tutto per cira 8-12 giorni al buio ad una temperatura tra i 21° e 30° gradi.

46

Il secondo passaggio consiste nel preparare del normalissimo tè (è comunque un passaggio da non sottovalutare assolutamente), seguendo le preferenze personali: tè nero, tè verde o tè al limone vanno benissimo. Quello che cambia sono le dosi. In questo caso devi preparare circa 3 lt. Di acqua e farla bollire 5 minuti per purificarla. Successivamente lascia in infusione 5 bustine di te del gusto desiderato. Aggiungi una tazza di zucchero, circa 80-100 gr. Per ogni litro d'acqua, che servirà per la fermentazione e copri la pentola, lasciando che il tè raggiunga la temperatura ambiente. I filtri del tè possono esser lasciati dentro fino al completo raffreddamento.

Continua la lettura
56

Trascorso il tempo necessario, verificate la situazione sorseggiando con una cannuccia, mai direttamente, il tè. Il sapore dovrebbe essere acidulo, inoltre la coltura dovrebbe galleggiare in prossimità della superficie. Rimuovi delicatamente la coltura e ricoprila con un po di tè per mantenerla per la volta successiva.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • leggete il libro "Kombucha" di Sven-Jorg Buslau. Editore: Tecniche Nuove Edizioni
  • durante la preparazione indossate guanti NON in lattice per evitare di contaminare il fungo e distruggere i batteri buoni della coltura

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Guida alle tipologie di birre

La birra è da sempre una bevanda gustosa che si accompagna a molti cibi e al contempo sta bene anche da sola. In commercio troviamo una vasta gamma di birre, ciascuna delle quali rientra in una specifica classificazione. Un metodo di valutazione di questo...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla pesca

La grappa è una bevanda che risale addirittura agli inizi del medioevo, essa va di pari passo con la produzione di vini pregiati. Una volta era considerata anche una specie di birra primitiva ma, col tempo si è trasformata nel tempo in una bevanda spesso...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra alla menta

All'interno di questa breve ma interessante guida, andremo a parlare di alimentazione, concentrando sulla preparazione di una variante di una bevanda assolutamente essenziale: la birra. Infatti, come avrete colto tramite la lettura del titolo di questa...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino di mele

Il vino di mele, meglio conosciuto come sidro, è una bevanda lievemente alcolica che affonda le proprie origini in tempi lontani. Nettare dolce e frizzantino tanto amato dalle popolazioni del Nord Europa, come i Bretoni e i Normanni, il vino di mele...
Vino e Alcolici

5 regole per fare un buon vino

Il vino è una bevanda molto gradita in tutto il mondo. Si ottiene dalla fermentazione lunga o breve del mosto che si ricava dalla spremitura degli acini di uva. Molti vorrebbero conoscere il segreto per ottenere un buon vino fatto in casa. Qui di seguito...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di castagne

Ecco una guida, mediante il cui aiuto, vogliamo far fare ai nostri lettori una sorta di viaggio culinario, in modo tale da poter conoscere nello specifico, i piatti e le preparazioni, che sono tipiche di alcune zone della nostra bella Italia. In particolare...
Consigli di Cucina

5 bevande della tradizione greca

La Grecia è una nazione balcanica che si affaccia sul mar mediterraneo. È affascinante, antica, quotatissima dai turisti e ricca di storia e tradizione. È tutta da scoprire! Se hai intenzione di visitarla e vuoi farti un po' di bagaglio culturale per...
Vino e Alcolici

Come fare il vino frizzante in casa

Una delle bevande alcoliche più longeve ed apprezzate al mondo è sicuramente il vino. Si tratta di una bevanda che si ricava dalla fermentazione dell'uva e che ha origini molto antiche. In modo particolare in Italia si sviluppano tantissimi vitigni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.