Come fare il pane nero

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il pane nero è una variante di pane, soprattutto preparata nella splendida Sicilia occidentale. È famoso quello di Castelvetrano, pane che ha spinto i giovani ad aprire rivendite anche all'estero, così da offrire la prelibatezza a chi non lo conosce. La farina utilizzata nella preparazione del pane nero, è quella di segale ed è proprio per questo che questa variante è da preferirsi a quella bianca, perché più leggera e di sicuro digeribile. Il pane di questo tipo è integrale, ed è per questo motivo che è anche più consigliato nelle diete dai dietologi, perché necessario a fornire il giusto apporto calorico di carboidrati. In questa guida vedremo dunque come fare il pane nero in casa.

25

Occorrente

  • 200 grammi farina 0
  • 300 grammi farina si segale
  • 300 grammi di acqua
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 bustina di lievito
35

Il primo passo da compiere per cominciare la procedura della preparazione del pane è quello che riguarda l'accorpamento di tutti gli ingredienti. Si precede, prima, mescolando insieme tutti gli elementi secchi, quali le farine, il sale, lo zucchero ed infine il lievito. Mescolate tutto per bene con un cucchiaio, stando bene attenti a non creare grumi. In un'altra ciotola, mettete insieme acqua ed olio. Se impastate a mano, servitevi di una tavolozza, mettete per prima l'impasto farinoso e fate un buco al centro. Aggiungete a poco a poco i liquidi, cercando di ottenere una palla liscia. Lavorate la energicamente per almeno 10 minuti.

45

Ora mettete tutto l'impasto ottenuto dal precedente passaggio, in una ciotola coperta da un canovaccio umido e riponetelo nel forno preriscaldato e poi spento. In questo modo la lievitazione avverrà più omogenea e molto più velocemente. Attendete circa mezz'ora. Trascorso questo lasso di tempo, prendete l'impasto dal forno e lavorate lo un altro po a mano per qualche minuto. Adesso è l'ora di dare forma al vostro pane. Se fino a qui avete qualche dubbio, ricominciare a ripercorrere la guida dall'inizio, in modo tale che la procedura vi risulterà più facile da comprendere.

Continua la lettura
55

Dividete l'impasto del pane, in modo da ottenere il numero e la forma di pagnotte che desiderate. Nel caso in cui desideriate una forma più quadrata, non vi resta che utilizzare uno stampo quadrato, simile a quello del plum-cake. Adesso rimettete il tutto all'interno del forno, sempre spento, e lasciate riposare per circa tre ore scarse. Il pane lievitata, fino a triplicare il suo volume. Passate le tre ore, quello che vi resta da fare e riscaldare il forno a 200 gradi, infornare il vostro pane nero e aspettare che si cucini.  

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta del pane chapati indiano

Il chapati, tradizionale pane indiano non lievitato, è una sorta di focaccia sottile e allo stesso tempo morbida. Simile al noto pane azzimo, la sua ricetta si tramanda ormai da millenni. Il chapati si prepara con ingredienti semplici e poveri, ovvero...
Cucina Etnica

Come preparare le uova nel pane

Le uova sono un alimento molto gustoso, oltre che nutriente e proteico, ideali per iniziare la giornata. Infatti, esse sono utilizzate (soprattutto all'estero ed in particolare nei paesi anglosassoni) come piatto centrale di ogni colazione. Proprio per...
Cucina Etnica

Cous cous con riso nero e gamberetti

Il cous cous e il riso nero sono due cereali molto saporiti e cromaticamente d'impatto. Il cous cous è un alimento, composto da dei granelli semola di grano duro, molto utilizzato nel nord Africa. Il cous cous sa da un lato è molto povero di grassi,...
Cucina Etnica

Come preparare il pane russo Kulebjaka

Il kulebjaka è un tipico pane russo farcito che viene preparato in occasioni speciali e servito tagliato a fette aventi uno spessore di circa due centimetri. Il kulebjaka tradizionale è a base di carne ma ne esistono molte altre versioni come ad esempio...
Cucina Etnica

Come preparare il pane messicano

Il pane messicano viene preparato solitamente nel periodo compreso fra il primo novembre e il sei di gennaio. Ha un gusto leggermente dolce ma può essere consumato anche assieme ai salumi o ai formaggi molto stagionati. È abbastanza semplice da realizzare...
Cucina Etnica

Come preparare il pane cinese al vapore

In questo articolo vogliamo proporre una praticissima guida, mediante la quale poter imparare come e cosa fare per poter preparare il pane cinese al vapore, in casa propria e nella propria cucina, con tanta soddisfazione e con tutta la nostra buona volontà...
Cucina Etnica

Come usare il sale nero di Cipro

Il sale nero di Cipro non dovrebbe mai mancare nella cucina di qualsiasi cuoco che sia degno di rispetto. Esso si presta a molteplici utilizzi: può infatti essere impiegato nella sperimentazione di nuove ricette o per creare composizioni di carni rosse...
Cucina Etnica

Come preparare tre salse greche con pane pita

La pita è un pane dalla forma rotonda tipico della cucina greca e mediorientale. Nell'ambito culinario ellenico, la pita viene usata soprattutto per accompagnare saporite salse a base di verdure fresche ed erbe aromatiche. Nella sua semplicità, questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.