Come fare il paté di gamberi

Tramite: O2O 01/06/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come fare il paté di gamberi

Se siete amanti degli antipasti un po' fuori dal comune e volete stupire i vostri ospiti servendo qualcosa di speciale, perché non optate per un paté di gamberi? In questa guida vi insegno come fare questo piatto tipico piemontese e vi offro anche qualche consiglio su come servirlo e quale vino abbinare. Di questa ricetta esistono alcune varianti che prevedono l'aggiunta di ingredienti come il salmone, l'aceto balsamico e le acciughe. La versione classica è comunque molto semplice e veloce da preparare e non richiede molti ingredienti.  

26

Occorrente

  • 450 gr di gamberi, 5 fogli di gelatina, 2 cucchiai di dragoncello, olio, sale, pepe, succo di limone
36

Frullare i gamberi

Prima di iniziare la preparazione del paté di gamberi, è importante eseguire alcune operazioni preliminari: prendete i gamberi, sgusciateli e lavateli molto bene sotto l'acqua corrente, quindi scolateli. Mettete sul fuoco una pentola di acqua con un cucchiaio di succo di limone e quando inizia a bollire tuffateci i gamberi e fateli cuocere per circa cinque, sei minuti, dopodichè scolateli. Frullate i gamberi con un pizzico di sale fino a quando sono ridotti in crema. Dovete ottenere un composto liscio e morbido, senza grumi.

46

Raffreddare il paté

Bagnate i fogli di gelatina e strizzateli molto bene. Mettete i gamberi frullati sul fuoco a bagnomaria ed unite la gelatina, mescolando con cura per farla sciogliere. Fate cuocere per tre o quattro minuti mantenendo la fiamma sempre molto bassa, quindi togliete dal fuoco, unite al paté due cucchiai di olio amalgamando il tutto, e mettetelo a sfreddare in frigo per almeno due ore. Dopo questo tempo, togliete il paté dal friforifero, frullatelo nuovamente con il dragoncello tritato ed il succo di limone per un minuto e mettetelo di nuovo in frigo per almeno un'ora e mezza, in modo che si rassodi perfettamente.

Continua la lettura
56

Servire in tavola

Prendete le fettine di pane e tagliatele in quadretti o rettangoli, a vostro piacere. Disponete le fettine nella placca del forno spruzzandole con un po' di olio, spolverate con del pepe rosa e fatele abbrustolire per qualche minuto, fino a quando assumono un bel colore dorato. Togliete il paté dal frigo almeno mezz'ora prima di servirlo. Disponete nel centro del piatto da portata il paté, dandogli la forma di una mattonella, e circondatelo con le fettine di pane abbrustolito leggermente sovrapposte, formando un cerchio intorno al patè. Questo piatto è ottimo se accompagnato da vino bianco leggero tenuto in frigo a rinfrescare. Se volete decorare ulteriormente il piatto, aggiungete un paio di uova sode tagliate a fettine e dei ciuffi di maionese.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se volete dare al paté una nota particolare aggiungete un cucchiaio di cognac quando frullate i gamberi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Carne e pesce: consigli per abbinarli

Carne o pesce? Quale alimento preferisci per i tuoi antipasti e per i tuoi secondi? Attenzione, la scelta non deve necessariamente ricadere soltanto su uno dei due ingredienti; di seguito troverai, infatti, qualche consiglio per abbinare carne e pesce...
Consigli di Cucina

Come condire il riso venere freddo

Il riso venere è una qualità di riso facilmente riconoscibile. Presenta un colore viola scuro che tende al nero. Si tratta di un riso integrale che contiene la fibra grezza all'interno di ogni suo chicco. Grazie a questa caratteristica infatti, il riso...
Consigli di Cucina

Polenta: 5 ricette senza carne

La polenta, sopratutto quella a base di carne, è uno degli alimenti più nutrienti e sfortunatamente anche tra i più ricchi di calorie. Esistono tuttavia delle alternative alimentari alla polenta a base di carne, che ci possono permettere di non abbandonare...
Consigli di Cucina

5 ricette di insalate con avocado

L'avocado è ricco di acidi grassi che prevengono il rischio di malattie cardiovascolari, e vitamina A e E. È pur vero che l'avocado è uno dei frutti più calorici, ma ci aiuta a mangiare meno in quanto è ricco di fibre e acido oelico che aumentano...
Consigli di Cucina

5 idee per realizzare una cena thailandese

Siete da sempre amanti della cucina orientale in particolare di quella thailandese e avete voglia di organizzare una deliziosa cena a base di cibo thai? La cucina è forse una della più apprezzate dai cultori della cucina fusion e dei nuovi mercati della...
Consigli di Cucina

Come organizzare una cena fusion

Per capire al meglio come organizzare una cena fusion, iniziamo spiegando qual è la filosofia di questo tipo di cucina, ossia che, sapori, ingredienti e modalità di preparazione che provengono anche dagli antipodi della terra, può portare a creare...
Consigli di Cucina

Menù di San Valentino: dall'antipasto al dolce

Conclusi i festeggiamenti per l'arrivo del nuovo anno, per i più romantici è già tempo di cominciare a pensare al menù da realizzare in occasione della festa degli innamorati. Se la tua passione è la cucina o hai semplicemente voglia di stupire il...
Consigli di Cucina

5 ricette con la papaya

Le terre calde e assolate dell'America centrale sono la culla ideale per un frutto succoso e delizioso come la papaya. Il profumo inebriante e il ricco sapore esotico, fanno della papaya un frutto prelibato e molto ricercato per creare piatti sfiziosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.