Come fare il vino al melograno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Italia è uno dei maggiori esportatori di vino. La nostra penisola vanta in tutto il mondo la qualità dei vini, grazie al loro gusto sopraffino e alla loro delicatezza. Vengono dedicate intere mostre alla scoperta di un ingrediente che spesso viene usato per insaporire i piatti o come accompagnamento ad un menù di carne. Però è possibile anche creare diverse varianti del classico vino rosso o bianco. Infatti, è l'ideale unire la frutta al vino per creare il connubio perfetto. Quest'oggi parleremo del melograno, un frutto esotico ricco di caratteristiche benefiche e che darà un tocco di dolcezza in più al vino. Di seguito troverete la guida su come fare il vino al melograno. È una ricetta molto diffusa in Armenia ed Israele, ma sta prendendo piede anche in Italia, grazie al suo sapore deciso e al forte aroma.

26

Occorrente

  • 6 melograni
  • 450gr. d'uvetta
  • 800gr. di zucchero
  • 2.8l d'acqua
  • 1 busta di lievito di vino
  • Acido pectico
36

Preparare la miscela di melograni

Il primo passo da effettuare è quello di preparare la miscela con i melograni. Si inizia sbucciando i melograni, tagliandoli in quattro pezzi. Rimuovere i semi, che andranno trasferiti in un contenitore a parte. Gettare via le bucce e le fibre dei melograni. Prendere un bicchiere per schiacciare i semi in un contenitore, creando un liquido omogeneo. Aggiungere gli altri ingredienti, ad eccezione del lievito. Mescolare energicamente fin quando lo zucchero non si incorpora del tutto. Lasciar riposare la miscela per tutta la notte.

46

Filtrare la miscela

Dopo aver lasciato riposare la miscela, si può riprendere con la procedura. Dunque spargere il lievito di vino nella miscela e mescolare. A questo punto bisognerà far riposare il vino altri 5 o 6 giorni, facendo attenzione che la densità specifica raggiunga i 1050. Ora non resta altro da fare che filtrare la miscela. Quindi munirsi di un ulteriore recipiente ed utilizzare un sifone per filtrare al meglio i semi dei melograni. Fate molta attenzione che i semi non rilascino troppi tannini poiché potrebbero influire sul sapore finale del vino.

Continua la lettura
56

Gustare il vino di melograno

Esistono diversi modi per poter assumere il vino di melograno. Se preferite un vino secco, dovrete mescolare il vino ogni tre mesi per circa un anno. Se, invece, volete ottenere un sapore più dolce, basterà aggiungere un po' di zucchero diluito nel vino. In seguito aggiungerlo alla miscela appena preparata. Per questa procedura si consiglia l'uso di un fermentatore, che aiuta a mantenere il vino nelle giuste condizioni. Adesso avrete tra le mani un vino dal sapore unico e che potrà accompagnare le vostre ricette. Potrete usarlo sia per i primi che per i secondi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate particolare attenzione a non lasciare residui di buccia quando sbucciate i melograni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare i cocktail al melograno

La realizzazione dei cocktail a volte ci può celare qualche difficoltà e qualche ostacolo. Bisognerebbe a tal proposito avere le idee chiare per poterne realizzare uno in maniera semplice. Esistono dei cocktail classici che ci permettono di andare sul...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore al melograno e fichi

I liquori realizzati con la frutta sono sempre deliziosi perché uniscono alla forza dell'alcool l'aroma delizioso delle mele, dell'uva o degli altri prodotti della natura che vengono utilizzati. In questa utilissima guida vi insegno a confezionare uno...
Vino e Alcolici

Come fare lo sciroppo di melograno

Senza dubbio, cucinare è una delle cose più belle che ci siano. Oltre a rilassare e distrarre dallo stress quotidiano, ci aiuta a conoscere sempre cose nuove, arricchendo la nostra cultura e allietando il nostro palato. Uno degli ingredienti che più...
Vino e Alcolici

Come fare il vino cotto

Al giorno d'oggi avere il vino a tavola durante i pranzi o le cene viene riconosciuta come una tradizione. C'è chi ama il vino rosso, chi il vino bianco o chi ancora il vino frizzante. Esistono varie tipologie di vino. E si sa, più fermenta e invecchia...
Vino e Alcolici

Come fare il vino con l'uva spina

Oggi vogliamo parlare del vino di uva spina, un vino molto particolare e dal sapore dolce e delicato. La preparazione di questo vino richiede un procedimento diverso da quello seguito comunemente per la produzione del vino comune. Il vino di uva spina...
Vino e Alcolici

Come decantare il vino

Quando si parla di decantazione del vino generalmente si intende un processo particolare che permette di dividere il vino da possibili sedimenti che si generano soprattutto nelle bottiglie di vino rosso. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino rosso

In questa guida, vogliamo cercare di proporre a tutti voi, cari lettori, un metodo per capire come poter scegliere un buon vino rosso, per gustarlo in compagnia di amici e parenti, magari davanti ad un bel piatto di pasta con il sugo o anche con una bella...
Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino bianco

Il vino è la bevanda preferita da noi italiani, ma anche dal resto del mondo. Non è solo il nostro paese ad essere un gran produttore di vino, ma anche paesi come la Francia ne producono di ottimi. Questo fa sì che il mercato ormai sia pieno di diverse...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.