Come fare il whisky in casa

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Il whisky è uno dei distillati più famosi al mondo, sia per le sue qualità gustative, sia perché si presenta in diverse varianti, in base, ovviamente, al processo produttivo. Si produce dalla distillazione di cereali tra cui il grano, il mais, la segale e l'orzo. Si tratta di un distillato ad alta gradazione, in quanto esistono whisky che raggiungono i 62% vol. Tuttavia, oltre all'alta gradazione, ha anche un elevato valore di mercato. Infatti in molti comprano delle bottiglie rare e a edizione limitata, per poi rivenderle in futuro a prezzi stellari.
Come possiamo, allora, consumare il nostro distillato preferito senza spendere troppo? Creandolo, ovviamente, con le nostre mani. In America, il "whisky casalingo", viene anche chiamato il "Moonshine Mash". Prodotto, molto spesso, dagli appassionati del genere.
Ora non vi resta che iniziare! Con questa guida vi insegneremo come fare il whisky in casa.

27

Occorrente

  • Mais fresco 10 kg
  • Acqua distillata 5 l
  • Lievito in polvere una tazza
  • Fermentatore
37

Fare germinare il cereale

Per ottenere un buon distillato, dovrete innanzitutto procurarvi i migliori ingredienti. In questo caso la qualità è fondamentale. Passiamo ora a vedere le varie fasi della produzione, iniziamo con la germinazione del cereale. Come abbiamo detto nell'introduzione, per la produzione del whisky possono essere utilizzate diverse varianti. Con questa guida utilizzerete il mais.
Riempite due sacchi di tela con 5 kg di mais ciascuno, immergeteli in un contenitore pieno d'acqua calda e lasciateli riposare per circa 5 minuti. Trascorso tale tempo, prendete i 2 sacchi e poneteli in un luogo fresco e lontano dalla luce solare per circa 10 giorni. In questo lasso di tempo, i chicchi dovrebbero aver cominciato a germogliare. Quando i germogli saranno lunghi circa mezzo centimetro, potrete portarli fuori dai sacchi. Puliteli con dell'acqua tiepida e privateli dei loro germogli e radici.
Ricordiamo che la germinazione serve per evitare l'utilizzo, durante la preparazione, dello zucchero. In questo modo il vostro whisky sarà ancora più autentico.

47

Macinare i cereali

A questo punto, dopo aver rimosso i germogli e le radici dai chicchi di mais, dovrete eseguire la macinazione del mais stesso, affinché si ottenga un composto denso e morbido.
Prima di macinare i chicchi, fateli asciugare per bene, in questo modo l'operazione della macinazione verrà facilitata. Lasciateli asciugare su un piano asciutto e pulito, mescolandoli almeno un paio di volte al giorno.
Una volta raggiunto questo stadio, si passa alla fase dell'infusione. Riempite un recipiente con 5 litri di acqua distillata bollente, versateci il composto ottenuto e lasciatelo riposare per circa 45 minuti, dopodiché aggiungete al composto una tazza di lievito in polvere.

Continua la lettura
57

Eseguire la fermentazione

Il composto così ottenuto è pronto per essere immesso nel fermentatore, che deve essere necessariamente provvisto di un piccolo foro per evitare una pressione eccessiva. Il composto dovrà rimanere nel fermentatore per circa 10 giorni, dopodiché si trasformerà in whisky. A questo punto, dovrete procedere con il filtraggio, che è un passaggio molto importante perché rende il whisky perfetto, per cui è bene ripeterlo più volte.

67

Fare invecchiare il whisky

Per far raggiungere al vostro whisky la giusta gradazione alcolica, non rimane altro che farlo invecchiare. Per ciò che concerne i tempi sul processo di invecchiamento, dipende da come vorrete gustarlo. Tre mesi in genere sono sufficienti, ma si può tenerlo più a lungo per una presa extra. Trascorso il tempo di invecchiamento, basterà semplicemente scolarlo e diluirlo, dopodiché potrete finalmente assaggiarlo.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguite tutti i passaggi con cura. Se pensate di aver commesso qualche errore, non gustate il whisky da voi realizzato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Irish coffee con il Bimby

In cucina, il Bimby è senza dubbio un aiuto indispensabile. Che si tratti di preparare piatti dolci o salati, si rivela sempre un elettrodomestico che vale la pena di acquistare, nonostante il suo costo. La straordinaria versatilità del Bimby lo rende...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Brooklyn

I cocktails non sempre richiedono occasioni speciali per essere gustati e non necessariamente devono essere consumati in un bar o in un locale in compagnia. Al contrario, ognuno può preparare dei deliziosi cocktails, divertendosi e comodamente a casa...
Vino e Alcolici

Come fare i cocktail invernali

Se amate sorseggiare un cocktail in compagnia di amici, magari a casa propria, allora troverete interessante l'argomento di cui tratteremo in questa guida, ovvero come fare i cocktail invernali. In questa stagione si sa, viste le basse temperature e la...
Vino e Alcolici

Come preparare un Vodka Sour

Il Vodka Sour è un cocktail nato come variante del Whisky Sour, verso la fine del 1800. Un barman inglese provò a miscelare il Whisky con un tipo di limone sudamericano. La variante del Vodka rende questo cocktail il più gradito nelle calde giornate...
Vino e Alcolici

Come realizzare un cocktail alla nutella

Estate: mare, sole, aperitivi, vacanze e party. Quale migliore stagione per passare delle belle serate in compagnia, facendoci rinfrescare dalla brezza marina e coccolare da gustosi aperitivi?Ma sopratutto, quale miglior occasione se non questa, per invitare...
Vino e Alcolici

Come fare i cocktail digestivi

I cocktail digestivi sono una tipologia particolare di cocktail, dalla forte caratterizzazione alcoolica, nati come variante dei cocktail da aperitivo; spesso prevedono l'accostamento di creme e caffè con liquori e digestivi. Sono nati intorno agli anni...
Vino e Alcolici

Come preparare il Boulevardier

Il segreto del Boulevardier cocktail, conosciuto anche come "cugino" del Negroni, è equilibrare l'intensità piuttosto che la quantità di ogni costituente della bevanda. Il Campari può essere un ingrediente difficile e prepotente, per questo motivo...
Vino e Alcolici

I 5 migliori cocktail a base di rum

Quando si esce con gli amici, per inaugurare il weekend generalmente si brinda con un buon cocktail. Gli amanti delle bevande alcoliche hanno una vasta gamma di opzioni tra le quali scegliere. Coloro che preferiscono invece gustare drink analcolici hanno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.