Come fare l'aceto balsamico di melograno

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il melograno, di origini asiatiche, è un albero abbastanza diffuso nelle zone climatiche più miti. I suoi frutti scarlatti e robusti, sono considerati sin dall'antichità simbolo di prosperità; mentre i suoi chicchi lucidi, aciduli e dolci allo stesso tempo, sono preziosi per il proprio benessere. La melagrana non può mancare sulle tavole durante il periodo autunnale: è protagonista indiscussa di molte ricette, decisamente raffinate. Se amate cimentarvi nella preparazione di stuzzicanti novità culinarie, leggete i passi della seguente guida, dove vi illustrerò come fare un delizioso aceto balsamico di melograno. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • 250 ml di succo di melagrane
  • 250 ml di aceto bianco
  • vasetto con chiusura ermetica
37

Innanzitutto, per preparare un aceto balsamico al melograno che sia aromatico, versatile, ed elegante, bisognerà munirsi di un ingrediente fondamentale: il tempo. Un buon aceto balsamico, infatti, presuppone l'utilizzo di frutta fresca, di botti in legno pregiato, e tanti anni di pazienza. Un periodo lungo, di fermentazione e travasi, che garantirà un prodotto finito davvero eccellente. Tuttavia, è possibile avviare un processo casalingo più breve e più semplice. Aggiungendo la stessa quantità di succo di melagrana e di aceto bianco, in un vasetto con chiusura ermetica, otterrete un aceto balsamico semplicemente squisito.

47

Procuratevi quindi dal vostro fruttivendolo di fiducia delle ottime melagrane, dopodiché selezionate al supermercato un buon aceto di vino bianco. Fatto ciò, tagliate i frutti in due, immergeteli in acqua, e dopo qualche minuto, provvedete a sgranarli (se preferite, tagliateli a spicchi, come le arance, basterà solo un po' di pazienza). Successivamente, utilizzate lo sgranatore di melagrana, per ricavare il succo; in alternativa, adoperate un classico spremiagrumi. In seguito, unite l'aceto scelto, e travasate in un vasetto sterilizzato. Chiudete perfettamente, e lasciate riposare la miscela al buio, in un luogo ben riparato.

Continua la lettura
57

Arrivati a questo punto, capovolgete quotidianamente il vasetto, per 15 giorni. Il risultato ripagherà dell'attesa. Trascorsi i giorni necessari, decidete se filtrare ulteriormente l'aceto balsamico. Il vostro condimento, color rosso granato, è pronto all'uso. Il suo gusto fruttato arricchirà le vostre insalate e i vostri arrosti; marinerà alla perfezione, e vi stupirà sulle macedonie di frutta e sul gelato alla vaniglia. Inoltre, se gradite un aceto più denso, quasi una glassa, basterà ridurlo con un po' di miele, a fuoco basso. Volendo, potete aggiungere delle spezie aromatiche. Divertitevi a preparare i vostri piatti da chef!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Abbiate molta pazienza nello sbucciare i frutti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare la salsa all'aceto balsamico

L'aceto balsamico è uno dei condimenti più apprezzati in cucina, grazie al suo gusto forte e robusto si abbina in maniera fantastica nei secondi piatti come carne e pesce, insieme ai contorni di verdure di qualunque genere. Tra l'altro questo condimento,...
Antipasti

Come preparare la frittata di cipolle con aceto balsamico

La frittata di cipolle con aceto balsamico è un gustoso antipasto che può essere preparato anche il largo anticipo. Questa frittata è ottima infatti da gustare sia appena tolta dalla padella che fredda. Può divenire anche un secondo piatto leggero...
Antipasti

Come fare la salsa di fichi e aceto balsamico

In questa guida vedremo come fare la salsa di fichi e aceto balsamico, per guarnire i nostri secondi piatti e dare un tocco in più alla nostra tavola. Ottima per l'accostamento con i formaggi di stagione, verdure, carni come il maiale ed insalate di...
Antipasti

Tempura di zucca all'aceto balsamico

La tempura è una tecnica di cucina giapponese, che i nipponici utilizzano soprattutto per la frittura di ortaggi e verdure di stagione. Mediante il metodo della tempura infatti, si potrà godere di una frittura leggera e croccante che non alteri il gusto...
Antipasti

Come preparare l'insalata di radicchio e melograno

Volete cucinare un piatto veloce da gustare subito? Siete capitati nel posto giusto! In questa guida impareremo a preparare un piatto delizioso per l'inverno, l'insalata di radicchio e melograno. È molto buona e lascia un sapore squisito. Possiamo considerarla...
Antipasti

3 ricette con il melograno

Il melograno è originario dell'Asia occidentale ma attraversa tutte le culture del Mondo antico, per arrivare ancora oggi ad essere simbolo di ricchezza, fertilità, fratellanza e unità così simboleggiata dai molti chicchi racchiusi nel unico frutto....
Antipasti

Come fare la salsa di melograno

L'autunno è ormai alle porte e con esso il momento di assaporare alcuni frutti gustosissimi tipici di questa stagione: primo fra tutti il melograno. Quest'ultimo è un frutto delizioso e versatile, poiché si presta a diverse tipologie di consumo anche...
Antipasti

Come fare la verza all'aceto

In questa guida andrete a vedere come fare la verza all'aceto. La preparazione della verza vi tornerà utile per preparare delle ottime insalate. Perché, come saprete, la verza sostituisce perfettamente la lattuga. Quindi ecco come fare la verza all'aceto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.