Come fare l'aceto di mele

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'aceto di mele è largamente usato nelle preparazioni culinarie. Fino a pochi decenni fa l'aceto di mele era conosciuto per la preparazione del sushi o per condire delle verdure in agrodolce ma adesso è impiegato con maggiore frequenza nelle cucine di molti italiani. L'aceto di mele contiene sostanze preziose per l'organismo; ad esempio, è in grado di favorire la digestione, di combattere diverse infezioni che interessano le vie urinarie, ed è molto utile per abbassare il livello di colesterolo e stimola il metabolismo. Inoltre, secondo esperienze raccontate sembra che dia sollievo a chi soffre di dolori provocati dall'artrite e limita anche i fastidi inerenti le allergie. Nella presente guida vedremo come fare l'aceto di mele in casa; si tratta di un'operazione che richiede un po di pazienza e l'utilizzo di pochissimi ingredienti. Quello che occorre sapere è che la preparazione di questo aceto richiede 6 mesi, ma niente paura, l'unica cosa che dovrete fare è controllare una volta la settimana che la fermentazione avvenga in maniera adeguata.

25

Occorrente

  • 10 mele biologiche
  • acqua fredda q.b.
  • vasi di vetro
35

Ossidazione delle mele

La prima cosa da fare è acquistare una decina di mele biologiche; lavarle bene e metterle per qualche minuto in una ciotola con acqua e un pizzico di bicarbonato. Sciacquare le mele abbondantemente e tagliarle in 4 parti disponendole, successivamente, su di una superficie piana, in modo che possano ossidarsi. Quando l'ossidazione sarà completata (ve ne accorgete perché le mele sono diventate marroni) mettere le mele in un vaso di vetro, scegliendone uno che abbia un'imboccatura ampia. Aggiungere acqua nel vaso, assicurandosi di coprire completamente le mele quindi disporre, sull'apertura, un canovaccio di lino o di cotone.

45

Collocazione in vasi di vetro

Mettere il vaso in un luogo caldo e nel quale sia in grado di filtrare poca luce (se possibile scegliere un ambiente completamente buio). A questo punto bisognerà attendere 6 mesi; sarà necessario mescolare il composto una volta alla settimana. Trascorso il periodo indicato verificare lo stato dell'aceto; se il processo si è sviluppato correttamente, sulla superficie dovrà essersi formato uno strato di schiuma causato dai batteri. Attraverso il tessuto far filtrare il liquido, che verrà raccolto in un altro vaso, sempre con imboccatura ampia.

Continua la lettura
55

Conservazione ed usi

Coprire il secondo vaso con un altro pezzo di tessuto da cucina e lasciare riposare l'aceto per 4 settimane. L'aceto di mele, oltre che per condire una semplice insalata o per dare più sapore a molti piatti della cucina italiana può essere impiegato come rimedio per i crampi muscolari; è sufficiente, in quel caso, preparare una miscela composta da 10 ml di aceto, 240 ml di acqua e 1 cucchiaino di miele. L'aceto di mele viene usato anche per fare degli sciacqui se si soffre di afta o di malattie infiammatorie della mucosa della bocca. È utile anche per pulire il viso e ridare lucentezza e tonicità all'epidermide.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come preparare il sidro di mele

Il sidro è una bevanda alcolica, il cui grado è tra il 2 e il 7%, che viene ottenuto dalla fermentazione alcolico della frutta. La sua origine risale al Medioevo, nella zona della Francia e della Normandia, ma la sua invenzione è antecedente; infatti,...
Vino e Alcolici

Come realizzare un'ottima sangria in casa

La sangria è una bevanda alcoolica spagnola, conosciuta e bevuta in tutte le parti del mondo. È una bevanda fresca e dissetante poiché è a basa di vino, zucchero e frutta. Il suo nome Sangria deriva dal termine spagnolo "sangre" ovvero sangue in virtù...
Vino e Alcolici

Ricetta: la Sangria

La sangria è una bevanda alcolica a base di vino, frutta e spezie, tipica della penisola Iberica. Si è diffusa intorno al 1800 e negli anni la ricetta si è sviluppata e modificata, diversificandosi di regione in regione, tanto che ne esistono numerose...
Vino e Alcolici

Come preparare un punch alcolico

Dopo un buon pasto, solitamente si va concludere con un ottimo drink che funga da digestivo. A tal proposito, esistono gustosi amari, o anche liquori alle erbe. Tra i digestivi figura anche il punch, un cocktail tipico dei paesi anglosasson che in italia...
Vino e Alcolici

Come posizionare le bottiglie di vino in cantina

Il vino è una particolare bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione dell'uva o del mosto. Esistono moltissimi tipi di vino in funzione della tipologia di uva e dal tipo di fermentazione utilizzato. Ci sono alcuni vini che con il passare degli anni...
Vino e Alcolici

Ricetta del liquore alle giuggiole

Le giuggiole o datteri cinesi, sono un frutto delicato dal sapore molto simile alle mele. Con le giuggiole si può ricavare un liquore dal gusto corposo e che, è ottimo per essere servito come digestivo a fine pasto. Una dose di 4 cl di liquore alle...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore al melograno e fichi

I liquori realizzati con la frutta sono sempre deliziosi perché uniscono alla forza dell'alcool l'aroma delizioso delle mele, dell'uva o degli altri prodotti della natura che vengono utilizzati. In questa utilissima guida vi insegno a confezionare uno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.