Come fare l'oliocottura

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La cucina ha assunto ormai una connotazione artistica e il semplice cucinare è divenuto una vera e propria forma d'arte.
Rimangono tuttavia estremamente valide alcune forme tipiche della cucina tradizionale. Se oggi il must è quello di cucinare velocemente, prima si lasciava cuocere gli alimenti più lentamente, evitando così che questi perdessero gli aromi e i sapori tipici. Ed è in quest'ottica che rientra l'oliocottura.
Questa tecnica consente infatti di conservare i sapori dei cibi ed è adatta ad ogni tipo di alimento (carne, pesce, verdura) anche se particolarmente indicata per il pesce. Ma vediamo cos'è e come fare l'oliocottura.

27

Occorrente

  • Termometro da cucina
  • Olio extravergine di oliva
37

Preferire l'oliocottura

L'oliocottura è la tecnica di cuocere i cibi immergendoli interamente in una casseruola con dell'olio. Anche se a prima vista può sembrare identica alla frittura, questa tecnica se ne differenzia per un aspetto fondamentale: la temperatura dell'olio. Questa infatti può variare dai 40 agli 80 gradi ed è importante mantenerla costante durante tutto il tempo di cottura. A tal fine potrebbe esservi utile usare un termometro da cucina. Inoltre i cibi non dovranno essere pastellati, ma semplicemente ripuliti e immersi nell'olio già a temperatura.
Il vantaggio principale dell'oliocottura è quello di mantenere inalterato il sapore e il peso del cibo. L'olio infatti crea una sorta di strato protettivo intorno agli alimenti che non permette la fuoriuscita di liquidi.
Lo svantaggio invece risiede nei tempi di cottura, che a seconda del tipo di alimento e dal tipo di taglio, possono variare anche di molto.

47

Scegliere l'olio

Il primo passo davvero importante per ottenere un risultato perfetto sta nello scegliere il giusto tipo di olio. L'olio indicato per questa cottura è l'olio extravergine di oliva. La qualità di quest'olio è infatti nettamente superiore a quella degli altri tipi di olio in commercio in quanto è ottenuto direttamente dal frutto senza nessun intervento chimico. In cottura quindi non rilascia sostanze chimiche negli alimenti.

Continua la lettura
57

Cuocere il cibo

Riponete in una casseruola dell'olio extravergine di oliva, quanto basta ad immergere completamente il cibo da cuocere. È possibile aggiungere all'olio degli elementi essenziali per dare un sapore ancora più forte e deciso. Una volta che l'olio ha raggiunto la temperatura ottimale immergete il cibo. Lasciate cuocere a fuoco lento evitando quindi che la temperatura aumenti. Controllate di tanto in tanto la temperatura con il termometro per assicurarvi che rimanga costante durante tutto il tempo di cottura. Al termine della cottura riponete il cibo su della carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' d'obbligo usare l'olio extravergine di oliva al posto degli altri tipi di olio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fare la conserva di melanzane sott'olio

Qualora vi piacciono le melanzane, vi consiglio assolutamente di procedere nell'attenta lettura dei passaggi successivi della seguente pratica e deliziosa guida, nella quale vi spiegherò bene come bisogna fare correttamente la conserva di melanzane sott'olio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.