Come fare la birra aromatizzata alla frutta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per sapere come fare la birra aromatizzata alla frutta, occorre seguire i seguenti passi procedurali necessari per creare un ottima birra aromatizzata fai da te. Negli ultimi anni la cosidetta fruit bear, bevanda molto amata per il suo potere dissetante, si è sempre più diffusa. Le prime birre alla frutta, le Lambic, sperimentate dai maestri birrai belgi, si caratterizzano per la loro fermentazione spontanea. Una birra si può aromatizzare con diversi tipi di frutta, meglio sempre utilizzare della frutta usando frutta di stagione.

25

Occorrente

  • acqua
  • luppolo
  • malto
  • lievito
  • zucchero
  • frutta fresca
35

La scelta della frutta

Per fare della birra aromatizzata alla frutta in casa, occorre per prima cosa dopo aver scelto la frutta con cui aromatizzare la birra, e poi si può procedere con la scelta della birra di base. Per ottenere un ottima birra aromatizzata, si può usare della frutta secca, come pesce o ciliegie essiccate prive di additivi, della frutta congelata, del succo di frutta particolarmente concentrato, della frutta in scatola oppure della frutta fresca. Sicuramente quest'ultima opzione va preferita, sempre dopo aver accuratemente lavato la frutta e verificatone sapore e stato di maturazione.

45

Aggiungere la frutta alla birra

Dopo aver scelto la frutta di impiegare per aromatizzare la birra, occorre scegliere la birra che dev'essere chiara, non troppo luppolata e densa. L'ideale sarebbe trovare il giusto equilibrio tra il sapore della birra e l'aroma del frutto scelto in modo che si sposino bene senza sovrastarsi. La frutta si può aggiungere direttamente nel fermentatore, dopo il primo travaso oppure a fine bollitura. In merito alle dosi, va detto che in linea di massima vanno bene dai 100 ai 500 g di frutta per ogni litro di birra. Si può unire la frutta quando il mosto di birra è in fase di fermentazione, quindi dopo aver preparato il mosto, e sopratutto dopo aver pastorizzato per eliminare eventuali batteri.

Continua la lettura
55

Imbottigliamento della birra aromatizzata

Una volta aver unito la frutta alla birra, occorre lasciar riposare il tutto per almeno 10 giorni, poi occorre travasare il composto filtrandolo e nei 15 giorni seguenti procedere con l' imbottigliatura e l'aggiunta di zucchero per la rifermentazione. Trascorso circa un mese dall'imbottigliamento, la bevanda è pronta per essere consumata. Se si desidera realizzare altri tipi di birra aromatizzata, utilizzando frutti differenti si può optare per qualsiasi altro tipo di frutta, come ad esempio ciliegie, albicocche, ribes nero, pesche o lamponi, oppure usare più frutti diversi. In quest'ultimo caso occorre fare attenzione ad utilizzare frutti misti nella stessa proporzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra alla fragola

Si avvicina l'estate e il nostro corpo richiede sempre più acqua e bevande dissetanti. Fra queste, la birra è una delle bevande, fra le alcoliche, più amate. Fresca, leggera, digestiva, accompagna sia la nostra voglia di dissetarci, sia un aperitivo...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di ciliegie

La birra, con il suo gusto inconfondibile, è una delle bevande alcoliche più amate. La leggera base frizzante e il retrogusto ricco di sfumature, rendono la birra la "compagna " perfetta per il barbecue o per una pizza tra amici. Ogni birra però nasconde...
Vino e Alcolici

Come abbinare la birra al cibo

La birra è un particolare bevanda che si ottiene facendo fermentare un mosto a base di malto d'orzo aromatizzato al luppolo. Il processo con cui avviene questa fermentazione e gli ingredienti utilizzati, conferiscono alla birra un gusto ed una gradazione...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra di nocciole

Chi ha la passione della, birra dovrebbe sapere che esistono diverse alternative a quella classica. Se si hanno a disposizione gli strumenti necessari per la preparazione della birra artigianale, è possibile provare una gustosa birra alle nocciole. Una...
Vino e Alcolici

5 spezie da aggiungere alla birra

La birra è una bevanda alcolica tra le più antiche e diffuse al mondo. Questa si ottiene dalla fermentazione del mosto a base di malto d’orzo. Lo stesso è poi aromatizzato e reso gradevolmente amaro con l’aggiunta del luppolo.È un’usanza diffusa...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di riso

Una delle bevande più antiche e più diffuse del mondo è senza dubbio la birra. La birra classica, che troviamo comunemente in commercio nei supermercati, è prodotta per la maggior parte da malto di orzo, ma questo non è l'unico tipo di cereale che...
Vino e Alcolici

Come aromatizzare la birra fatta in casa

Se siamo degli amanti della birra, sicuramente ci piacerà assaporare birre sempre differenti, acquistandole in appositi negozi. In alternativa, potremo provare a produrre con le nostre mani tutta la birra che più ci piace anche se non siamo degli esperti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.