Come fare la birra di riso

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Una delle bevande più antiche e più diffuse del mondo è senza dubbio la birra. La birra classica, che troviamo comunemente in commercio nei supermercati, è prodotta per la maggior parte da malto di orzo, ma questo non è l'unico tipo di cereale che è possibile usare per la preparazione. In Asia, dove il frumento e l'orzo sono arrivati relativamente tardi, la birra è stata sempre fatta a partire dal riso. Dal sapore più fresco e delicato, la birra di riso è ottima per chi non può consumare alimenti con glutine. Nella presente guida ci occuperemo proprio di come fare la birra di riso.

27

Occorrente

  • 1 kg di riso privo di glutine
  • ½ gr di succo di limone
  • 400 gr di Kome-koji
  • 5 gr di lievito per birra o vino
  • 2,5 lt di acqua
37

Scelta e lavaggio del riso

Prima di tutto bisogna premettere che il koji è un enzima che trasforma l’amido in zuccheri e il kome-koji è malto di riso, ovvero già germogliato; ed è possibile trovarlo sia sul web che in un negozio specializzato di prodotti giapponesi. Il riso che andremo a utilizzare sarà quello dolce, ricco in zuccheri, che viene utilizzato anche per la produzione del sushi. Per prima cosa bisogna lavare il riso varie volte fino a che l’acqua di risciacquo non risulti perfettamente pulita. Successivamente immergete il riso in una pentola piena d’acqua per circa un’ora e scolatelo una volta passato il tempo, in modo da eliminare l’acqua in eccesso. Lasciatelo a riposare, possibilmente sempre all'interno dello scolapasta.

47

Cottura del riso

Giunti a questo punto dovrete cuocere il riso, preferibilmente in una pentola a pressione con un litro e mezzo d’acqua, usando una canasta in acciaio inox per mantenerlo in sospensione nella pentola. A cottura ultimata lasciatelo raffreddare fino a che non raggiunge indicativamente la temperatura di 30°. Fatto questo, prendete una pentola smaltata e mettete a fuoco un litro di acqua con il succo di un limone.

Continua la lettura
57

Fermentazione del riso

Aggiungete il kome-koji e mescolate per bene con l'aiuto di un cucchiaio grande di legno. Lasciate riposare per circa trenta minuti, quindi aggiungetevi il riso cotto e rimescolate bene il tutto. Ora potete aggiungere anche il lievito, coprire la pentola col coperchio e lasciare a temperatura ambiente, purché non superiore ai 25°. Il riso assorbirà perfettamente tutti i liquidi, andando mano a mano a sedimentare e fermentare. In un paio di settimane la fermentazione dovrebbe terminare. Fate attenzione a mescolare almeno una volta al giorno. Infine filtrate il liquido rimasto usando un cestello sterilizzato o una garza per estrarre la cagliata dai formaggi: la vostra birra artigianale di riso sarà finalmente completata.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di ciliegie

La birra, con il suo gusto inconfondibile, è una delle bevande alcoliche più amate. La leggera base frizzante e il retrogusto ricco di sfumature, rendono la birra la "compagna " perfetta per il barbecue o per una pizza tra amici. Ogni birra però nasconde...
Vino e Alcolici

Come conservare la birra artigianale

La birra è un prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica di mosti. Questi vengono preparati con malto d'orzo torrefatto ed acqua con aggiunta di decotto di fiori di luppolo. Tuttavia questo tipo di malto si può sostituire con quello di frumento...
Vino e Alcolici

5 spezie da aggiungere alla birra

La birra è una bevanda alcolica tra le più antiche e diffuse al mondo. Questa si ottiene dalla fermentazione del mosto a base di malto d’orzo. Lo stesso è poi aromatizzato e reso gradevolmente amaro con l’aggiunta del luppolo.È un’usanza diffusa...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra di nocciole

Chi ha la passione della, birra dovrebbe sapere che esistono diverse alternative a quella classica. Se si hanno a disposizione gli strumenti necessari per la preparazione della birra artigianale, è possibile provare una gustosa birra alle nocciole. Una...
Vino e Alcolici

Come fare la birra aromatizzata alla frutta

Per sapere come fare la birra aromatizzata alla frutta, occorre seguire i seguenti passi procedurali necessari per creare un ottima birra aromatizzata fai da te. Negli ultimi anni la cosidetta fruit bear, bevanda molto amata per il suo potere dissetante,...
Vino e Alcolici

Come fare la birra scura

Nota fin dai tempi più antichi, la birra scura è tra le bevande più consumate al mondo: ha un gusto deciso, un po' asprigno ma molto dissetante quindi se ne consuma tanta nelle afose serate estive. Al mondo, esistono diversi marchi storici ed enoteche...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di castagne

Ecco una guida, mediante il cui aiuto, vogliamo far fare ai nostri lettori una sorta di viaggio culinario, in modo tale da poter conoscere nello specifico, i piatti e le preparazioni, che sono tipiche di alcune zone della nostra bella Italia. In particolare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.