Come fare la birra senza luppolo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La birra che viene prodotta senza luppolo, anche nota come "gruit ale" sta vivendo un momento di crescente popolarità anche se non bisogna dimenticare che la sua preparazione, a differenza della bevanda "standard" è riservata a birrai esperti in quanto si tratta di un processo abbastanza impegnativo. Sarà necessario visitare molti negozi per conoscere i differenti ingredienti da impiegare ed inoltre sarà opportuno mettere in conto un periodo di "gavetta" più lungo; ad ogni modo il risultato finale ripagherà dell'attesa e dei numerosi tentativi. Nella guida che segue, vedremo alcuni utili consigli su come fare la birra senza luppolo.

26

Occorrente

  • Malto pilsner
  • Boccali per birra
  • Bottiglie di vetro
36

Procurarsi i malti di base

Per fare la birra senza luppolo sarà necessario procurarsi per prima cosa due ingredienti essenziali: il malto pilsner tedesco e il malto pallido inglese. Successivamente bisognerà cuocerli entrambi ad una temperatura di 175 gradi centigradi per circa 20 minuti ed in seguito dovrete riscaldare mezzo litro d'acqua per per lo stesso lasso di tempo, questa volta a 80 °C. Arrivati a questo punto create una poltiglia schiacciando il grano di malto con l'ausilio di un mulino, un tipologia alla volta, a partire da quello inglese. Aggiungete il grano schiacciato nell'acqua riscaldata poi mantenete la temperatura a 70 °C per circa un'ora e mezza, per consentire alle catene di glucosio e agli zuccheri complessi di fermentare; quest'ultimo passaggio è noto come "saccarificazione".

46

Proseguire con il processo di "mash out"

Proseguite nella preparazione della birra senza luppolo alzando la temperatura dell'acqua a 76 °C e lasciando riposare il tutto per una decina di minuti. Questo passaggio, noto come "mash out", elimina l'attività enzimatica e migliora il flusso della soluzione di zucchero, che ora prende il nome di "mosto". Spruzzate e mescolare il mosto nell'acqua delicatamente e in modo uniforme (tale processo prende il nome di "sparge". Aggiungete il mosto nel bollitore per la birra e lasciare bollire per circa 30 minuti poi proseguite aggiungendo delicatamente 28 grammi di ogni malto e fate bollire per altri 30 minuti.

Continua la lettura
56

L'ultimo passo: la fermentazione

Arrivati a questo punto togliere la soluzione dal fuoco, filtrate il mosto e lasciate raffreddare fino ad arrivare ad una temperatura di 21 °C. Versate il mosto nel fermentatore ed aggiungere il lievito prestando particolare attenzione per evitare di farlo fuoriuscire. Aggiungete eventuali residui di malto inglese e tedesco nel fermentatore, sigillate quest'ultimo con il suo coperchio e fate lo stesso con il portello di stagno. Lasciare la birra senza luppolo a fermentare per tre settimane prima di trasferirla nelle bottiglie di vetro. Servite fredda, all'interno di boccali appositi, per accompagnare le vostre pietanze oppure per organizzare aperitivi originali ed insoliti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Aggiungete spezie per creare verianti aromatizzate
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare la birra alla fragola

Si avvicina l'estate e il nostro corpo richiede sempre più acqua e bevande dissetanti. Fra queste, la birra è una delle bevande, fra le alcoliche, più amate. Fresca, leggera, digestiva, accompagna sia la nostra voglia di dissetarci, sia un aperitivo...
Vino e Alcolici

5 spezie da aggiungere alla birra

La birra è una bevanda alcolica tra le più antiche e diffuse al mondo. Questa si ottiene dalla fermentazione del mosto a base di malto d’orzo. Lo stesso è poi aromatizzato e reso gradevolmente amaro con l’aggiunta del luppolo.È un’usanza diffusa...
Vino e Alcolici

Come fare la birra scura

Nota fin dai tempi più antichi, la birra scura è tra le bevande più consumate al mondo: ha un gusto deciso, un po' asprigno ma molto dissetante quindi se ne consuma tanta nelle afose serate estive. Al mondo, esistono diversi marchi storici ed enoteche...
Vino e Alcolici

Come preparare una birra Weiss

Le birre di frumento sono prodotte con una miscela di grano e orzo in cui la porzione di grano varia sempre dal 30 al 70% del totale. Gli estratti di malto sono in genere il 40% di frumento e il 60% di orzo. Il grano ha più proteine ​​dell'orzo e...
Vino e Alcolici

Come fare la birra aromatizzata alla frutta

Per sapere come fare la birra aromatizzata alla frutta, occorre seguire i seguenti passi procedurali necessari per creare un ottima birra aromatizzata fai da te. Negli ultimi anni la cosidetta fruit bear, bevanda molto amata per il suo potere dissetante,...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di riso

Una delle bevande più antiche e più diffuse del mondo è senza dubbio la birra. La birra classica, che troviamo comunemente in commercio nei supermercati, è prodotta per la maggior parte da malto di orzo, ma questo non è l'unico tipo di cereale che...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come preparare la birra di nocciole

Chi ha la passione della, birra dovrebbe sapere che esistono diverse alternative a quella classica. Se si hanno a disposizione gli strumenti necessari per la preparazione della birra artigianale, è possibile provare una gustosa birra alle nocciole. Una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.