Come fare la cremina per il caffè

Tramite: O2O 09/10/2018
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Il caffè è una pianta tipica delle zone tropicali, caratterizzata dalle drupe rosse. Narra la leggenda che le proprietà della pianta del caffè vennero scoperte da un allevatore di pecore nella zona dell'Abissinia (Etiopia) già nel X secolo, quando vide gli effetti stimolanti che queste bacche ebbero sulle sue pecore. La bevanda si ricava dalla macinazione e dalla torrefazione dei semi contenuti nel frutto. Oggi è parte integrante della nostra cultura e vero e proprio business. Il mercato cresce molto velocemente creando e offrendo nuove varietà e svariate miscele, ideali per carburare al mattino, da sorseggiare dopo i pasti o durante una pausa. Molti i corsi di assaggiatori di caffè che stanno nascendo nelle città per riuscire a riconoscerne le differenze e apprezzarne a pieno la qualità. Tra tutte le varietà una menzione per il caffè defecato (Kopi Luwak); prelibatezza che nei ristoranti di lusso può arrivare a costare anche 30 Euro a tazzina e si produce in Indonesia attraverso un processo che prevede che le bacche vengona ingerite, digerite ed espulse da unsimpatico animale di quelle zone. Utlima novità l'arrivo di una nota catena americana di caffe a Milano che sta sollevando diverse critiche e polemiche per la sua modalità di preparazione di bevande a base di caffè molto diverse rispetto alla cultura occidentale.Un buon caffè si riconosce dalla sua cremosità e dal suo gusto e può essere confrontato con altri in base alla sua intensità di sapore. Ecco come fare la cremina densa come quella del bar.

28

Occorrente

  • Caffè
  • Zucchero
  • Caffettiera / Moka
  • Cucchiaino
  • Bricco o tazza con bordi alti
  • Evenutali aggiunte o decorazioni: latte, panna, cacao, vaniglia
38

Preparare le gocce di caffè

Fare un buon caffè in casa non è un'impresa impossibile. Anzi, bastano pochi accorgimenti per renderlo veramente buono come al bar! La deliziosa cremina sulla superficie arricchisce di valore la bevanda. Non è una prerogativa delle macchinette del caffè, ma puoi realizzarla anche con la classica moka. Pertanto, riempi la caldaia della moka fino alla valvola di sfogo, aggiungi la polvere di caffè, precedentemente macinata nel filtro, avvita il raccoglitore alla caldaia, con il filtro appoggiato all'interno della caldaia e accendi i fornelli. Il fuoco crerà il flusso di calore e il vapore necessario a trasformare l'acqua in caffè. Fai uscire appena le prime gocce di caffè, equivalente a circa un cucchiaino da te e versale in un un bricco o una tazza con bordi alti dove precedentemente avrai messo due cucchiaini di zucchero, preferibilmente semolato.Lo stesso procedimento sarà valido per i fornelli ad induzione, dovrai chiaramente dotarti di una moka adatta a quella fonte di calore.

48

Unire il caffè con lo zucchero e mescolare

Dopo aver versato le poche gocce di caffè, le prime uscite dalla moka, nel bricco o tazza con lo zucchero, gira energicamente con un cucchiaino lungo per sciogliere lo zucchero. Amalgamandosi, il caffè apparirà più chiaro nonché denso. Per una buona riuscita della bevanda, la cremina non deve risultare troppo liquida né granulosa, mediamente il tempo di azione per raggiungere questa consistenza è di circa 2 minuti. Più cremoso sarà il composto, migliore sarà il risultato finale! Terminata questa prima fase, metti il bricco temporaneamente da parte.

Continua la lettura
58

Ultimare l'uscita del caffè nella moka

Sistema nuovamente la moka sul fornello, a fuoco basso. Fai salire il resto del caffè. Quindi, aggiungilo alla cremina contenuta nel bricco e mescola delicatamente. A questo punto, versa la bevanda nelle tazzina e gustala al naturale oppure con una golosa schiuma leggera realizzata con il latte freddo schiumato. Per prepararla, basta mettere un dito di latte in un bicchiere e montarlo con un frustino elettrico per qualche secondo. In questo modo, creerai un piacevole contrasto caldo-freddo al caffè!

68

Aggiungere la schiuma di latte o la panna e decorare

Per aggiungere la schiuma di latte al caffè, mantenendo la cremina intatta, versala sul fondo della tazzina. In questo modo si legherà facilmente alla bevanda scura. Successivamente, aggiungi il caffè e per guarnire dai una spolverata di cacao amaro o in alternativa di cannella. Qualcuno aggiunge anche dei ciuffetti di panna. In questo modo avrai ottenuto una buonissima cremina per il caffè come quella del bar da offrire in qualsiasi occasione ai tuoi golosi ospiti.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per la cremina è necessario adoperare le prime gocce di caffe in uscita dalla moka.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare il caffè verde

Il caffè verde rappresenta una valida alternativa al caffè tradizionale, anche se viene ricavato dalla medesima pianta: l'unica differenza è che i chicchi del caffè verde non hanno subito il processo di torrefazione e, quindi, non perdono le loro...
Analcolici

Come preparare il caffè parigino

Parigi è indubbiamente una splendida città e nessuno può mettere in dubbio questa convinzione. Romantica e suggestiva, è spesso meta di artisti e innamorati che si riuniscono appassionatamente attorno ai tavolini dei bistrot per assaggiare un fragrante...
Analcolici

Come preparare un affogato al caffè facile e veloce

Quando arriva finalmente la meravigliosa stagione estiva, la maggioranza delle persone adorano molto passare le serate in compagnia: qualora vengano invitati degli amici a cena, non basterà rimpinzarli con le classiche lasagne, in quanto il loro appagamento...
Analcolici

Come fare il caffè americano

Il caffè americano si sta diffondendo sempre di più anche in Europa e nella patria dell'espresso, cioè l'Italia. Infatti, molti bar italiani l'hanno già introdotto nei propri menù e non è raro incontrare in negozi di elettrodomestici e grandi magazzini...
Analcolici

Come preparare il caffè nero americano

È ormai risaputo che il caffè è una bevanda bevuta in tutto il globo terrestre. Solitamente, al fine di renderlo più saporito per il nostro palato, vengono aggiunti al suo interno altri ingredienti, come ad esempio il latte o il cioccolato. Appena...
Analcolici

Come preparare un caffè marocchino

Dovete sapere che il Marocco non ha la medesima cultura del caffè posseduta da molti paesi del Medio Oriente. Infatti, il caffè è una bevanda che viene gustata prevalentemente durante la prima colazione o a metà mattinata. Essenzialmente, si possono...
Analcolici

Come dolcificare il caffè

Il caffè rappresenta la bevanda energetica più conosciuta ed apprezzata a livello mondiale. Milioni di persone associano il consumo di caffè ad un rituale giornaliero ed un'abitudine. Grazie al proprio aroma intenso e sapore inconfondibile, questa...
Analcolici

Ricetta Bimby: crema fredda al caffè

La crema fredda al caffè è un dessert gustoso ed energetico. Il suo sapore fresco ed invitante è ottimo come fine pasto, o per uno spuntino rivitalizzante. In questo tutorial, vi proponiamo ben tre versioni di crema fresca al caffè, da preparare con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.