Come fare la dadolata fritta di mozzarella e polenta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La polenta è un tipico piatto della tradizione contadina italiana, era considerato un piatto povero in quanto preparato solo con due ingredienti, ovvero acqua e farina di mais, questo tipo di farina dona alla polenta un caratteristico colore giallo. Un tempo la si accompagnava con formaggi molli, con abbondante sugo e carne in umido. Oggi ci sono tantissime ricette con la polenta, ricche e gustose ed in questa guida vedremo come fare la dadolata fritta di mozzarella e polenta, un piatto dalla semplice realizzazione e ottima come antipasto oppure come un gustoso piatto unico.

25

Occorrente

  • Ingredienti per la polenta: 500 grammi di farina di mais; 2 litri di acqua; 15 gr di sale grosso.
  • Ingredienti per la dadolata: 1 mozzarella; 1 litro di olio per friggere; 4 fette di polenta.
35

Cuocere la polenta

Mettere sul fuoco una pentola abbastanza capiente con l'acqua, aggiungere il sale e portare ad ebollizione, quando raggiunge il bollore versare la farina di mais a pioggia lentamente e mescolando di continuo, far riprendere il bollore e continuare a mescolare per evitare la formazione di grumi, abbassare la fiamma continuare con la cottura per 30 minuti. Una volta cotta la versiamo su di una spianatoia di legno e la lasciamo raffreddare. I tempi per la preparazione della polenta sono abbastanza lunghi quindi si può optare per quella già pronta, oppure quella precotta, per quest'ultima la preparazione è uguale cambiano solo i tempi di cottura.

45

Preparare gli ingredienti

Una volta raffreddata la polenta tagliamo tre fette di circa due cm, successivamente tagliamo le tre fette di polenta a dadini sempre di due cm, allo stesso modo tagliamo anche la mozzarella sgocciolata del suo liquido di conservazione, sempre a dadini di due cm. Prendiamo uno stecchino di legno, quello usato per gli spiedini ed infiliamo un dadino di polenta ed uno di mozzarella, alternandoli, procediamo in questo modo fino all'esaurimento di tutti gli ingredienti.

Continua la lettura
55

Frittura della dadolata

In una capiente padella e versiamo al suo interno l'olio per friggere, adagiamola sul fuoco in modo tale da rendere l'olio bollente, per controllare la temperatura di quest'ultimo possiamo usare un termometro da cucina e controllare che non superi 130°, se non si possiede questo strumento possiamo usare un metodo alternativo ovvero immergere nell'olio il manico di un cucchiaio di legno, se intorno ad esso si formano le bollicine ossia se frigge, in questo caso la temperatura è giusta e possiamo versare al suo interno la dadolata e cuocerla fin quanto non diventerà dorata, ci vorranno circa 2 minuti per lato. A cottura ultimata la estraiamo e la mettiamo su carta assorbente per togliere l'eccesso di olio, a questo punto non ci resta che servita la nostra dadolata ben calda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come fare la dadolata di melanzane

La dadolata di melanzane può rappresentare una soluzione ideale per accompagnare un secondo piatto oppure per condire un primo a base di pasta. Quando non si ha tempo per preparare sughi lenti si tira fuori un po' di dadolata avanzata e in un attimo...
Antipasti

Come preparare le piadine con dadolata di verdure

La piadina la possiamo definire, ricordando Giovanni Pascoli, come "il pane, anzi il cibo nazionale dei Romagnoli"; ad oggi, con il Regolamento 1174 del 24 ottobre 2014, la piadina (o piada) romagnola è stata registrata come Indicazione geografica protetta...
Antipasti

Come fare la zucca fritta

La zucca, uno degli ortaggi più usati nella cucina mediterranea, è la regina indiscussa dell'autunno e di Halloween. È versatile e si presta per ogni tipo di preparazione, dall'antipasto al dolce. Il gusto delicato e il colore acceso la rendono ideale...
Antipasti

Come fare la caprese fritta

La caprese, come lascia intendere lo stesso nome, ha le sue origini a Capri, la bella isola che si trova dinnanzi al golfo di Napoli. Si tratta di un isola affascinante, scenario di numerosi film del cinema italiano e straniero, e allo stesso tempo la...
Antipasti

Come preparare gli spiedini di polenta e polpettine di carne

La polenta è una pietanza a base di farina di cereali, che spesso viene servita accompagnata da sughi succulenti a base di carne, di verdure, di funghi ecc.. La polenta in realtà, può essere servita anche in altre in deliziose maniere. È possibile...
Antipasti

Come preparare le pizzette di polenta

La farina di mais, oltre che essere un piatto molto gradito in inverno, servito alla maniera classica con sugo e spuntature di maiale, può essere anche usato per creare fantastiche ricette, come preparare le pizzette di polenta. Queste pizzette sono...
Antipasti

Come preparare le bietole con mollica fritta

Oggi parleremo di un piatto tanto gustoso quanto leggero, ma allo stesso tempo facile e veloce da preparare e, per non farci mancare niente, anche molto economico. Insomma, una bella ricetta perfetta quando vogliamo mantenerci leggeri ma, allo stesso...
Antipasti

Come preparare il timballo di polenta

Quando si cucina, se si vogliono ottenere piatti deliziosi ed unici, bisogna metterci passione ed amore. Oltre a questi, dobbiamo essere curiosi poiché è proprio grazie alla curiosità che scopriremo nuove ricette da servire sia alla nostra famiglia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.