Come fare la grappa ai frutti di bosco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno di questa guida, vi fornirò alcune utili indicazioni su come fare la grappa ai frutti di bosco. Questo liquore ha un sapore forte ma, al tempo stesso, risulta essere abbastanza dolce. I frutti più adatti per realizzare questa ricetta sono: il ribes bianco, nero oppure rosso, le fragoline di bosco, i lamponi, le more ed i mirtilli. Le dosi indicate sono per una bottiglia di liquore da 0,75 l. Dal momento che il procedimento non è proprio una passeggiata, prestate molta attenzione a tutti i passaggi.

26

Occorrente

  • 1 kg di frutti di bosco
  • 1 l di alcol a 90°
  • 1 l di acqua
  • 500 gr di zucchero
36

Pulire i frutti di bosco

Prima di iniziare la preparazione vera e propria, procuratevi i frutti di bosco necessari. In questo caso, sarà opportuno utilizzare la stessa quantità di lamponi, more, fragoline di bosco, ribes bianchi e neri. Inoltre, se saranno presenti dei rametti, non dovrete toglierli in quanto contribuiranno a rendere la grappa più gustosa. Lavate la frutta sotto l'acqua corrente fredda, dopodiché mettetela a sgocciolare ed eliminate i frutti acerbi. In seguito, versate l'alcol etilico in un barattolo di vetro con tappo ermetico ed aggiungete i frutti i di bosco, quindi chiudete il recipiente.

46

Preparare lo sciroppo

Adesso è il momento di mettere il barattolo in un luogo fresco ed asciutto per circa 20 giorni, preferibilmente lontano da fonti dirette di calore e di luce. Trascorso il tempo necessario, preparate lo sciroppo. In questo caso, fate bollire 1 litro di acqua (preferibilmente minerale) con dello zucchero. Quando l'acqua diventerà di nuovo trasparente, spegnete la fiamma per farla raffreddare completamente. Successivamente, travasate il contenuto del barattolo in un setaccio, in modo tale da eliminare i residui che si saranno formati. Passate il composto ottenuto in un telo di lino: così facendo, recupererete tutto il succo dei frutti.

Continua la lettura
56

Inserire il liquore in una bottiglietta di vetro

Arrivati a questo punto, versate lo sciroppo in una ciotola ed incorporate il liquore. Amalgamate il tutto utilizzando un cucchiaio di legno. Nel caso in cui non voleste i pezzetti di frutta, passate il composto nel mixer per uniformarlo. Utilizzando un imbuto, mettete il liquore in una bottiglietta di vetro. È preferibile sceglierla con un collo lungo e stretto e che si chiuda con un tappo di sughero. Infine, scrivete tutti gli ingredienti utilizzati e la data di preparazione sulla bottiglia, dopodiché fate riposare il liquore per 60/70 giorni in un posto fresco e buio. Trascorso tale periodo, il liquore ai frutti di bosco sarà pronto per essere degustato. Inoltre, potrà essere un'idea regalo davvero originale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Ricetta: grappa alle fragole

La grappa è un liquore italiano altamente alcolico che si ricava dalla distillazione dei migliori vini rossi. In base alla lavorazione, si classifica in: giovane, vecchia, stravecchia ed aromatizzata (con erbe, frutti e radici). Una buona grappa si distingue...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alle more

Un pranzo o una cena con degli ospiti stimola i padroni di casa a presentare dei menù ricchi di portate. Spesso si cerca il piatto da ricordare, insieme all'occasione d'incontro. Alla fine tra una chiacchiera e l'altra, ci si ritrova col bicchiere in...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa al mirto

La grappa è un liquore tipico dell'Italia. È ottenuta distillando la vinaccia, cioè la buccia e i vinaccioli. È un ottimo digestivo. In genere la grappa ha una gradazione alcolica molto alta, ma bevuta in piccole dosi, è un ottimo digestivo. Esistono...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa barricata

Molta gente adora gustare un bicchierino di grappa dopo un bel pranzo o una bella cena abbondante. Il suo consumo avviene soprattutto quando ci si rilassa sopra una poltrona comoda. Le tipologie di grappa presenti in commercio sono numerose. Le differenze...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa di ginepro

La grappa non è altro che un distillato ricavato dalle vinacce. In pratica una volta spremuta l'uva per fare il vino, le bucce che restano vengono trasformate attraverso appositi macchinari, in grappa. Quella così ottenuta avrà un gusto tutto sommato...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla liquirizia

Preparare una grappa aromatizzata può sembrare complesso, ma in pratica è relativamente semplice. Per aromatizzare una grappa si possono utilizzare tanti ingredienti, come la frutta o spezie. Quella che vi presentiamo di seguito è la ricetta per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa al peperoncino

Una delle migliori bevande da gustare a fino pasto è la. Grappa, un prodotto ottenuto dalla distillazione della vinaccia, ovvero le bucce dell'uva ricavate dal processo di spremitura. Una variante di questo distillato molto gustosa e preferita da chi...
Vino e Alcolici

Come produrre la grappa in casa

La grappa, distillato alcolico di origine italiana, risale con molte probabilità al XV secolo. Destinata ai ceti più bassi della popolazione, la grappa veniva prodotta da bucce, semi e raspi d'uva. Ne derivava una bevanda forte e pungente, molto diversa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.