Come fare la grappa al mirto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La grappa è un liquore tipico dell'Italia. È ottenuta distillando la vinaccia, cioè la buccia e i vinaccioli. È un ottimo digestivo. In genere la grappa ha una gradazione alcolica molto alta, ma bevuta in piccole dosi, è un ottimo digestivo. Esistono vari tipi di grappa; tra quelle aromatizzate, cioè con l'aggiunta di aromatizzanti naturali come erbe, frutti e radici, non possiamo non menzionare la grappa al mirto. Infatti, in questa guida voglio proprio spiegarvi come fare in casa la grappa al mirto.

26

Occorrente

  • - 500 gr di bacche di mirto; - 1 litro di acqua; - 1 litro di alcol puro a 90 gradi; -500 gr zucchero
36

Macerare le bacche di mirto

Per una buona riuscita della grappa al mirto, è consigliato prepararla durante il periodo invernale; quando le bacche di mirto sono abbastanza nere, ma non sono ancora diventate dure. Potete trovarle facilmente nei vivai oppure raccoglierle voi stessi. Una volta che vi siete procurate le bacche di mirto, potete versarle in una terrina e lavarle abbondantemente con acqua fredda. Successivamente mettetele in un contenitore con chiusura ermetica, abbastanza capiente, dove le lascerete macerare insieme all'alcool in un luogo buio e fresco per almeno 40 giorni; ma non più di 60. Durante questo periodo, ricordatevi di tanto in tanto di agitare il contenitore.

46

Preparare lo sciroppo

Trascorso questo tempo, prendete l'alcol con le bacche e filtratelo in uno scolino dalle maglie strette. Le bacche per sfruttarle al meglio, le potete stringere con l'aiuto di un tovagliolo in stoffa; in modo che rilascino completamente la loro essenza e l'alcool assorbito durante il periodo di macerazione. Ora potete preparare lo sciroppo, che successivamente andrete ad aggiungere all'alcool aromatizzato. Prendete una pentola e versate al suo interno l'acqua e lo zucchero semolato, ponetela sul fuoco e portate ad ebollizione. Una volta ottenuto questo sciroppo lasciatelo raffreddare.

Continua la lettura
56

Imbottigliare

Nel frattempo procuratevi delle bottiglie in vetro e sterilizzatele con acqua bollente, facendo successivamente attenzione che si asciughino per bene. Una volta che lo sciroppo si sarà raffreddato, potete unirlo all'alcool. Mescolate per bene il composto ottenuto e versatelo nelle bottiglie con l'aiuto di un imbuto. Lasciate riposare il tutto per almeno un mese, o anche due, sempre in un luogo fresco e asciutto o direttamente in cantina. Trascorso questo periodo la vostra grappa sarà pronta per essere gustata alla fine di un pranzo abbondante o nelle fredde serate invernali. Se volete ottenere una gradazione alcolica minore, basta aumentare la quantità di sciroppo. In alcune zone della Sardegna, una parte dello zucchero viene sostituito dal miele, solitamente di acacia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete aggiungere della scorza di limone alle bacche di mirto, questo darà un sapore molto gradevole alla grappa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il mirto sardo

Il mirto sardo è sicuramente uno dei prodotti più conosciuti e più amati della Sardegna. In commercio ne esistono tanti, ma i veri estimatori lo preparano in casa. Ogni famiglia ha la sua tradizione, e ogni sardo vi assicurerà che il mirto preparato...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa barricata

Molta gente adora gustare un bicchierino di grappa dopo un bel pranzo o una bella cena abbondante. Il suo consumo avviene soprattutto quando ci si rilassa sopra una poltrona comoda. Le tipologie di grappa presenti in commercio sono numerose. Le differenze...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa di ginepro

La grappa non è altro che un distillato ricavato dalle vinacce. In pratica una volta spremuta l'uva per fare il vino, le bucce che restano vengono trasformate attraverso appositi macchinari, in grappa. Quella così ottenuta avrà un gusto tutto sommato...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla liquirizia

Preparare una grappa aromatizzata può sembrare complesso, ma in pratica è relativamente semplice. Per aromatizzare una grappa si possono utilizzare tanti ingredienti, come la frutta o spezie. Quella che vi presentiamo di seguito è la ricetta per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa al peperoncino

Una delle migliori bevande da gustare a fino pasto è la. Grappa, un prodotto ottenuto dalla distillazione della vinaccia, ovvero le bucce dell'uva ricavate dal processo di spremitura. Una variante di questo distillato molto gustosa e preferita da chi...
Vino e Alcolici

Come produrre la grappa in casa

La grappa, distillato alcolico di origine italiana, risale con molte probabilità al XV secolo. Destinata ai ceti più bassi della popolazione, la grappa veniva prodotta da bucce, semi e raspi d'uva. Ne derivava una bevanda forte e pungente, molto diversa...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa al limone

La grappa è una bevanda alcolica costituita da una miscela. Essa viene ottenuta attraverso una distillazione e viene classificata un acquavite di vinacce. Mentre, per farla si utilizzano prodotti di origine vegetale. Numerose sono le ricette che si...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.