Come fare la grappa alla pesca

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

La grappa è una bevanda che risale addirittura agli inizi del medioevo, essa va di pari passo con la produzione di vini pregiati. Una volta era considerata anche una specie di birra primitiva ma, col tempo si è trasformata nel tempo in una bevanda spesso paragonata al cognac francese, al brandy e allo sherry portoghese. In questa guida vedremo come fare la grappa alla pesca direttamente a casa.

28

Occorrente

  • Pesche mature
  • Alambicco di distillazione
38

Processo fermentazione

Acquistate le pesche più mature che riuscite a trovare, lavatele e tagliate via la polpa. Mettetela insieme ai semi, alla buccia e ad eventuali steli in un grande barile di metallo o in una grossa pentola, in modo che possa iniziare il processo di fermentazione. Sigillate il contenitore. Alcuni produttori di grappa accelerano il processo di fermentazione mettendo la frutta in contenitori di vetro che successivamente vengono messi al sole. È possibile interrompere il processo di fermentazione dopo una settimana.

48

Cottura grappa

Utilizzate un frullatore e polverizzatte la frutta fermentata e trasformarla in quelle che i produttori di grappa chiamano vinacce. L'obbiettivo è di eliminare l'ossigeno dalla miscela in modo da non perdere preziosi aromi durante l'omogeneizzazione della frutta. Mettete nell'alambicco le vinacce e scaldatele finché producono del vapore. Monitorate costantemente la temperatura per evitare che bruci qualcosa e rovini il gusto della grappa. Non passerà molto tempo prima che la grappa inizi a muoversi nella camera di immagazzinamento.

Continua la lettura
58

Eliminazione prima grappa

Eliminate la prima grappa che raggiunge la camera di immagazzinamento. Come la maggior parte dei prodotti distillati, infatti, il primo risultato è dannosissimo può provocare anche la morte, se ingerito, quindi non sottovalutate questo passaggio. Inoltre essa avrà anche un cattivo sapore perché contiene metano (pericolosissimo) quindi occorre eliminare imperativamente il prodotto iniziale.

68

Realizzazione grappa

Adesso monitorate attentamente il resto della grappa che si muove nell' alambicco. Quando vedete che col passare del tempo il colore si fa più chiaro, vorrà dire che ci stiamo avvicinando alla fine del processo. Quando sarà quasi trasparente e luminosa controluce allora vorrà dire che il proceddo è terminato. Adesso, però, ricordatevi di eliminare anche il residuo finale della grappa.

78

Imbottigliamento

Una volta ottenuta la nostra grappa alla pesca, versatela e dividetela in bottiglie di vetro, sigillate con tappi possibilmente di sughero per conservare al meglio tutte le sue proprietà ed il suo sapore e lasciatela riposare ponendo le bottiglie in posizione orrizzontale leggermente obliqua come si fa solitamente col vino. Più tempo resterà a riposo maggiore ed intenso sarà il suo sapore.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se è la prima volta fatevi affiancare da qualcuno più esperto, un passaggio sbagliato potrebbe essere anche letale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare la grappa di ginepro

La grappa non è altro che un distillato ricavato dalle vinacce. In pratica una volta spremuta l'uva per fare il vino, le bucce che restano vengono trasformate attraverso appositi macchinari, in grappa. Quella così ottenuta avrà un gusto tutto sommato...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla liquirizia

Preparare una grappa aromatizzata può sembrare complesso, ma in pratica è relativamente semplice. Per aromatizzare una grappa si possono utilizzare tanti ingredienti, come la frutta o spezie. Quella che vi presentiamo di seguito è la ricetta per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa al peperoncino

Una delle migliori bevande da gustare a fino pasto è la. Grappa, un prodotto ottenuto dalla distillazione della vinaccia, ovvero le bucce dell'uva ricavate dal processo di spremitura. Una variante di questo distillato molto gustosa e preferita da chi...
Vino e Alcolici

Come produrre la grappa in casa

La grappa, distillato alcolico di origine italiana, risale con molte probabilità al XV secolo. Destinata ai ceti più bassi della popolazione, la grappa veniva prodotta da bucce, semi e raspi d'uva. Ne derivava una bevanda forte e pungente, molto diversa...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa al limone

La grappa è una bevanda alcolica costituita da una miscela. Essa viene ottenuta attraverso una distillazione e viene classificata un acquavite di vinacce. Mentre, per farla si utilizzano prodotti di origine vegetale. Numerose sono le ricette che si...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa all'arancio e caffè

Molto spesso dopo un bel pranzo o una cena coi fiocchi sarebbe il caso di concludere con un grappa. Esistono svariate tipologie di grappa, che possiamo gustare e assaporare. In questa guida molto semplice e chiara vedremo come poterla preparare un tipo...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alle more

Un pranzo o una cena con degli ospiti stimola i padroni di casa a presentare dei menù ricchi di portate. Spesso si cerca il piatto da ricordare, insieme all'occasione d'incontro. Alla fine tra una chiacchiera e l'altra, ci si ritrova col bicchiere in...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa alla rosa

Avete mai pensato di preparare la grappa alla rosa a casa vostra, con pochi semplici ingredienti? Non occorre essere esperti distillatori per fare in casa questo delizioso liquore, ad alto tasso alcolico quanto delicato nel sapore, per gustarlo voi stessi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.