Come fare la grappa alle more

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un pranzo o una cena con degli ospiti stimola i padroni di casa a presentare dei menù ricchi di portate. Spesso si cerca il piatto da ricordare, insieme all'occasione d'incontro. Alla fine tra una chiacchiera e l'altra, ci si ritrova col bicchiere in mano. Ebbene, cosa proporre per finire in bellezza? È difficile trovare un alcolico giusto. Ma avete mai pensato ad una grappa aromatizzata? Possiamo proporla, accompagnandola col gelato o con un dessert, come la panna cotta. Oppure come un semplice fine pasto. Questa guida intende condurvi, passo dopo passo, alla preparazione della grappa alle more. È un procedimento facile, ma necessita di alcune settimane di fermentazione. Otterrete almeno tre litri di grappa aromatizzata. Vediamo come fare.

26

Occorrente

  • Mezzo chilo di more
  • Diversi tovaglioli di carta
  • Tre vasetti in vetro con coperchio ermetico, della capienza di mezzo litro
  • Due etti di zucchero super fine
  • Un litro di acquavite
  • Un colino
36

Preparazione delle more

Per fare la grappa alle more, si inizia la preparazione lavando mezzo chilo di questo frutto. Lavatelo delicatamente sotto acqua corrente fresca. Maneggiate le more facendo attenzione a mantenerle integre. Adagiatele successivamente ad asciugare su carta assorbente da cucina. In alternativa potete utilizzare i frutti di bosco surgelati. Fateli scongelare completamente prima di cominciare a preparare la grappa. Accertatevi di aver comprato un prodotto che non abbia subito un'interruzione della catena del freddo. Il risultato potrebbe essere compromesso. Trasferite le more all'interno di tre vasetti in vetro, facendo attenzione a dividerle in parti uguali tra i tre contenitori.

46

Preparazione dei vasetti

Dividete due etti di zucchero super fine nei tre vasetti, versandolo sopra le bacche. Questa tipologia di zucchero si scioglie più facilmente a contatto con la frutta. Se non riuscite a trovare quello super fine, lo zucchero semolato normale andrà comunque bene. Versate l'acquavite in ogni vaso, riempendoli fino all'orlo. Chiudete ermeticamente i vasetti e scuoteteli energicamente per miscelare bene tutti gli ingredienti. Conservate la grappa alle more in un luogo fresco e buio, come la mensola di una dispensa.

Continua la lettura
56

Tecnica di fermentazione

È necessario agitare i vasetti di grappa ogni due o tre giorni alla settimana. Trascorsa la prima settimana, potete cominciare a scuoterli solamente una volta sola ogni 7 giorni, per otto settimane. Dopo otto settimane di fermentazione, filtrate la grappa separandola accuratamente dalla frutta. Potete conservare i frutti di bosco per utilizzarli nella preparazione di uno sciroppo, se lo desiderate. A questo punto la grappa è pronta da bere. Avete inoltre la possibilità di farla invecchiare ancora più a lungo, se volete un distillato con un gusto di more ancora più intenso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se state utilizzando frutti di bosco surgelati, fateli scongelare completamente prima di cominciare a preparare la grappa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la grappa barricata

Molta gente adora gustare un bicchierino di grappa dopo un bel pranzo o una bella cena abbondante. Il suo consumo avviene soprattutto quando ci si rilassa sopra una poltrona comoda. Le tipologie di grappa presenti in commercio sono numerose. Le differenze...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa di ginepro

La grappa non è altro che un distillato ricavato dalle vinacce. In pratica una volta spremuta l'uva per fare il vino, le bucce che restano vengono trasformate attraverso appositi macchinari, in grappa. Quella così ottenuta avrà un gusto tutto sommato...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla liquirizia

Preparare una grappa aromatizzata può sembrare complesso, ma in pratica è relativamente semplice. Per aromatizzare una grappa si possono utilizzare tanti ingredienti, come la frutta o spezie. Quella che vi presentiamo di seguito è la ricetta per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare la grappa al peperoncino

Una delle migliori bevande da gustare a fino pasto è la. Grappa, un prodotto ottenuto dalla distillazione della vinaccia, ovvero le bucce dell'uva ricavate dal processo di spremitura. Una variante di questo distillato molto gustosa e preferita da chi...
Vino e Alcolici

Come produrre la grappa in casa

La grappa, distillato alcolico di origine italiana, risale con molte probabilità al XV secolo. Destinata ai ceti più bassi della popolazione, la grappa veniva prodotta da bucce, semi e raspi d'uva. Ne derivava una bevanda forte e pungente, molto diversa...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa al limone

La grappa è una bevanda alcolica costituita da una miscela. Essa viene ottenuta attraverso una distillazione e viene classificata un acquavite di vinacce. Mentre, per farla si utilizzano prodotti di origine vegetale. Numerose sono le ricette che si...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa all'arancio e caffè

Molto spesso dopo un bel pranzo o una cena coi fiocchi sarebbe il caso di concludere con un grappa. Esistono svariate tipologie di grappa, che possiamo gustare e assaporare. In questa guida molto semplice e chiara vedremo come poterla preparare un tipo...
Vino e Alcolici

Come fare la grappa alla pesca

La grappa è una bevanda che risale addirittura agli inizi del medioevo, essa va di pari passo con la produzione di vini pregiati. Una volta era considerata anche una specie di birra primitiva ma, col tempo si è trasformata nel tempo in una bevanda spesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.