Come fare la mostarda di Cremona

Tramite: O2O 24/08/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

La mostarda di Cremona è molto conosciuta per una sua particolare peculiarità, infatti, rispetto alle altre varietà di questo tipo di alimento, viene realizzata con l'ausilio della frutta; in questo modo si crea un gusto dolce, ma allo stesso tempo piccante. Può accompagnare qualsiasi tipo di pietanza. Questo prodotto è reperibile sia nei supermercati, sia nei piccoli negozi di gastronomia, ma se volete provare a realizzarla a casa, vi diamo noi le giuste istruzioni. Nella seguente guida vedremo come fare la mostarda di Cremona.

29

Occorrente

  • Mele 100 g
  • Pere 100 g
  • Ananas 100 g
  • Ciliegie 100 g
  • Albicocche 100 g
  • Pesche 100 g
  • Fichi 50 g
  • Mandarini 100 g
  • Arance 50 g
  • Zucchero 400 g
  • Acqua q.b.
  • Senape 10 gocce di essenza
39

Preparare la frutta

Per prima cosa bisogna preparare la frutta. Lavatela per bene sotto un getto d'acqua corrente e asciugatela con una foglio di carta assorbente. La varie tipologie di frutta vanno private degli eventuali semi/nocciolo, ma non della buccia (ovviamente questo discorso non vale per l'ananas). Dopo aver rimosso il tutto, tagliate la frutta in pezzi abbastanza grandi.

49

Macerare la frutta

Nella creazione della mostarda di Cremona, la frutta deve subire un processo di macerazione. Per questo deve macerare nello zucchero per almeno 24 ore. Dopodiché rimuovetela da quest'ultimo: la vostra frutta sarà pronta per la successiva fase di cottura.

Continua la lettura
59

Cuocere la frutta

A questo punto iniziamo la fase di cottura, che è abbastanza lunga e adesso vi spieghiamo il perché: infatti la frutta dovrà subire tre cotture nell'arco di tre giorni. Iniziate il primo giorno a cuocerla in una pentola (preferibilmente in acciaio inox) con un po' di acqua, portate il tutto a bollore e lasciate cuocere per circa cinque minuti. La cottura deve assolutamente avvenire senza l'ausilio del coperchio. Ora lasciate il composto riposare per 24 ore, vi raccomandiamo, anche durante la fase di riposo, di non coprirlo con un coperchio, in quanto il vapore condensato potrebbe rovinare la preparazione. Il giorno successivo ripete il processo di cottura e riposo, stessa cosa per il terzo giorno.

69

Preparare i barattoli per la conservazione

Visto che la mostarda di Cremona è una conserva, per la sua conservazione dovete seguire alcuni accorgimenti. Per esempio, per quanto riguarda i barattoli in cui verrà riposta, devono essere in vetro e preferibilmente ermetici; vi raccomandiamo, una volta pieni, di tenerli lontano dalla luce diretta.

79

Pastorizzare la conserva

Dopo aver preparato i barattoli per la conservazione della mostarda di Cremona, si può passare alla sua finitura. Aggiungete alla frutta la senape e invasatela nei barattoli di vetro. Dopodiché bisogna pastorizzare questi ultimi. Il procedimento è semplicissimo: immergeteli completamente nell'acqua (in ebollizione, ovviamente alla temperatura di 100 gradi), avendo cura di coprire la pentola che userete per la pastorizzazione con un coperchio (per una corretta esecuzione, l'acqua non deve assolutamente toccare quest'ultimo). La vostra mostarda di Cremona sarà pronta dopo circa 10 minuti.

89

Guarda il video

99

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Mostarda di ciliegie

Bisogna considerare che vi sono tante tipologie di dessert valide da presentare ai propri commensali, ma anche degli accostamenti ai dessert possono dare quel tocco di classe e sapore in più al piatto. Esistono infatti dei prodotti utilizzati come accompagnamento...
Antipasti

Come preparare la mostarda di mele o frutta

Durante l'inverno è sempre bene riempire la dispensa con mostarde e conserve varie. In tal senso, potrai disporre in qualsiasi momento di frutta o verdure fresche, in tutte le salse. Qualsiasi sia la tua preferenza, opta sempre per prodotti genuini,...
Antipasti

Come utilizzare la senape in cucina

Le spezie sono una ricchezza di cui disponiamo da secoli, Esse vengono impiegate sia per scopi curativi che in ambito gastronomico. In cucina una spezia si può utilizzare in due modalità, vale a dire sotto forma di salsa o in polvere. A questa categoria...
Antipasti

Come preparare la bavarese salata al formaggio di capra

Quando parliamo di bavaresi, la prima che ci viene in mente sono dei dolci freddi, ma raramente pensiamo al fatto che una bavarese può essere anche salata. In effetti esistono tante ricette di bavaresi salate a base di verdure (zucca, pomodoro, ecc.),...
Antipasti

Presentare un piatto in modo creativo

La cucina è una vera e propria arte. Mangiare è un viaggio sensoriale attraverso la vista, l'olfatto e il gusto. Negli ultimi anni la cucina ha riscontrato sempre più interesse tra il pubblico delle persone comuni. Quest'arte ha raccolto un numero...
Antipasti

Treccia di pane al miele e pistacchi

Per accompagnare l'antipasto a base di formaggi freschi e stagionati, questa treccia di pane al miele e pistacchi è l'ideale. Per la sua realizzazione, bisogna arricchire la pasta da pane di burro morbido, miele e granella di pistacchi. In circa 2 ore,...
Antipasti

Come preparare la crema di piselli alla panna acida

La crema di piselli alla panna acida è un piatto molto economico e semplice da preparare. Potete realizzarlo adoperando sia piselli freschi che surgelati a seconda di quello che avete a disposizione. Il gusto acidulo della panna si sposa alla perfezione...
Antipasti

I migliori formaggi da fare alla piastra

Esistono molti tipi di formaggio e sono talmente tanti che elencarli risulta difficile. Ce ne sono di duri, e semiduri, molli, a pasta cotta e non cotta. Inoltre, possono avere una durata molto lunga e altri che vanno consumati entro breve tempo. Scegliere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.