Come fare la panna per affioramento

Tramite: O2O 25/01/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

La panna per affioramento è una delle cose più facili da fare. Si richiede infatti poco sforzo ed alcuni ingredienti di facile reperibilità. La parte più difficile di questa ricetta è molto probabilmente quella di trovare il giusto tipo di latte. La panna, infatti, non può essere realizzata con del latte pastorizzato. Il latte trattato termicamente (pastorizzazione), si trasforma da una sostanza vivente, che contiene milioni di batteri benefici, in una sostanza senza vita, ovvero denaturata. La panna per affioramento ha un sapore leggermente acido, e nella seguente guida vedremo come fare per prepararla.

26

Occorrente

  • Latte non pastorizzato.
36

Come già accennato, la panna per affioramento non può essere ottenuta dal latte acquistato al supermercato perché questo ha subito un trattamento apposito per evitare che venga a galla. Una volta che vi siete procurati il latte non trattato, dovete trovare un luogo dove riporlo e lasciarlo per qualche ora, altrimenti rischia di rimescolarsi con il latte sottostante ed il lavoro è vano. Procuratevi quindi un contenitore dai bordi alti, possibilmente cilindrico e in alluminio e versatevi il latte crudo. Lasciatelo riposare per circa 5 ore a temperatura ambiente oppure in frigorifero. La differenza tra questi due procedimenti è che, se il latte è lasciato a temperatura ambiente, si favorirà la formazione di quei batteri che innescano una fermentazione, e quindi si otterrà un retrogusto leggermente acidulo.

46

Se invece non desiderate innescare questa reazione e mantenere il naturale gusto del latte, basta semplicemente lasciarlo raffreddare. Cinque ore di attesa è il minimo, specialmente nel periodo estivo; ma per permettere che si formi uno strato più spesso di panna, potete lasciarla riposare anche per 2 giorni. Più l'aria sarà calda, più la panna affiorata sarà densa. Il latte rimasto, se conservato in frigo, è commestibile, e se lasciato ancora fermentare diventerà un buon formaggio spalmabile.

Continua la lettura
56

Terminato il periodo di stasi, si può finalmente procedere con la raccolta, che è un lavoro molto semplice. Usando un cucchiaio, scorrete sulla superficie stando attenti a non raccogliere anche la parte liquida, che poi è quella più magra. Riponetela in un contenitore e, se preferite conservarla, potete riporla in frigorifero. Quando avrete finito di raccogliere la panna, potere decidere se usarla dolce o salata. Potete mangiarla anche da sola, aggiungendo zucchero a velo o miele, oppure lasciarla neutra ed utilizzarla come condimento per l'insalata.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il latte più indicato per ottenere una buona panna è quello di mucca perché è il più grasso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come montare la panna

La maggior parte dei dolci e dei dessert presentano guarniture fatte di panna. La panna abbellisce l'aspetto del dessert, conferendogli una maggiore omogeneità e un sapore decisamente migliore. La panna è anche usata in moltissime altre ricette, per...
Dolci

Come preparare la panna cotta a strati

La panna cotta è un dolce che si mangia con il cucchiaio e che spesso è utilizzato a fine pasto. La preparazione della panna cotta è abbastanza semplice; bisogna riscaldare il latte con la panna, poi si deve aggiungere lo zucchero e la colla di pesce...
Dolci

Come guarnire la panna cotta

La panna cotta è un dolce tipico di origine piemontese. La panna cotta è una sorta di budino bianco a base di panna, preparato tradizionalmente con la gelatina, anche se questo, a mio parere, non è di certo il modo migliore di prepararlo. La panna...
Dolci

5 modi per utilizzare la panna acida

La panna acida è una mousse realizzata con panna e yogurt, il cui sapore risulta, per l'appunto, acidognolo. È piuttosto difficile da reperire nei supermercati italiani, ma è largamente utilizzata in Europa, soprattutto in Francia, dove invece è più...
Dolci

Come montare la panna senza sbattitore

Cremosa, soffice e delicata. Ovviamente stiamo parlando della panna montata! La prima regola importante da tenere a mente è la temperatura. Montare la panna ad una temperatura bassa, ci permetterà infatti di ottenere un risultato decisamente più corposo....
Dolci

Come preparare la panna cotta con salsa di pere

La seguente guida mostra come preparare la panna cotta con salsa di pere.La ricetta prevede l'utilizzo di pochi ingredienti: panna, zucchero, vanillina, pere e limone. È un dolce molto leggero con un basso apporto di calorie. Anche chi è a dieta può...
Dolci

Come preparare la panna cotta al cocco

La panna cotta al cocco è un dolce perfetto per l'estate grazie alla sua freschezza e al suo gusto esotico. Il dolce richiede poco tempo per la preparazione. La bontà e la delicatezza della panna cotta, unite alla particolarità del cocco, creano un...
Dolci

Come preparare la panna montata colorata

La panna montata fa da protagonista in tantissime ricette di dolci e, bisogna dire che piace praticamente a tutti, grandi e piccini, per il suo gusto delicato e allo stesso tempo deciso. Tuttavia oltre a guarnire torte e bignè la panna montata la troviamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.