Come fare la pasta secca

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pasta è senza dubbio il grande amore di tutti gli italiani: questo prodotto tipico nostrano è apprezzatissimo in tutto il mondo, proprio perché delizia chef e buongustai di ogni nazione. Ne produciamo tonnellate ogni anno e la esportiamo ovunque. Spaghetti, pennette e fusilli sono tra le forme preferite. A tal proposito, in questa guida, vi spiegherò, nella maniera più rapida e comprensibile possibile, come fare la pasta secca in casa. Il procedimento non è diverso da quello della pasta fresca, ma è necessario uno strumento in più. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • 125 gr di farina di semola rimacinata di grano duro
  • 125 gr di farina 00
  • 150 gr di acqua
  • Olio extravergine d'oliva
36

Preparare l'impasto

Innanzitutto, per essiccare totalmente la pasta, è necessario un essiccatoio, un attrezzo che viene principalmente utilizzato nella produzione industriale. La cosa importante, è scegliere il formato della pasta, quindi per realizzare una discreta pasta secca, andranno benissimo le orecchiette di piccole dimensioni, potranno essiccare facilmente in pochi giorni ed inoltre. Successivamente, avremo bisogno di due tipi di farina per questa preparazione. Iniziamo mescolando la farina 00 e la farina rimacinata di grano duro, dopodiché trasferiamo il tutto su un piano di lavoro.

46

Fare la pasta

Fatto ciò, realizziamo la classica fontana di farina, poi versiamo l'acqua poco alla volta cominciando ad impastare e dopo un minuto, uniamo anche l'olio extravergine d'oliva. Continuiamo ad impastare fino ad ottenere un composto liscio e ed omogeneo. In seguito, formiamo una palla e avvolgiamola con della pellicola trasparente. La pasta dovrà riposare per almeno un quarto d'ora: in questo modo, guadagnerà abbastanza elasticità. Dopo quindici minuti, prendiamo un parte di impasto e formiamo un salsicciotto. Adesso tagliamo il salsicciotto in tanti tocchetti da 1 centimetro circa. Per ottenere l'effetto conchiglia, utilizziamo un coltello dalla punta arrotondata. Proprio con la punta del coltello, trasciniamo i tocchetti di pasta sul piano, tenendo un bordo con l'altra mano. In questo modo, la pasta si curverà.

Continua la lettura
56

Lasciare essiccare

Arrivati a questo punto, capovolgiamo la conchiglia sul pollice, ottenendo così l'orecchietta. Ripetiamo il procedimento per ogni tocchetto di pasta. Successivamente, stendiamo le orecchiette su un piano infarinato, separandole bene l'una dall'altra. Cospargiamo bene di farina, poi copriamole con un telo leggero e facciamole essiccare per 2-3 giorni, ricordandoci do girare di tanto in tanto le orecchiette. In questo modo, dovrebbero perdere quasi tutta l'umidità. È consigliabile fare questo lavoro con la pasta durante il periodo invernale, dato che le basse temperature aiutano con il processo di essiccazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: orecchiette in crema di zucca con olive nere e sesamo

Le orecchiette sono un formato di pasta molto curioso e, per quanto siano nate in Puglia, sono amate in tutta la penisola. La loro particolare conformazione, che ricorda un po' una conchiglia (o un orecchio, come fa intuire il loro nome) infatti è particolarmente...
Primi Piatti

Ricetta: orecchiette di grano arso con taleggio e asparagi

Tra i vari piatti che compongono le migliori pietanze della cucina italiana, non possono di certo mancare le orecchiette. Questa tipologia di pasta, può essere preparata con vari tipi di farina e può essere servita e condita in parecchi modi. Nella...
Primi Piatti

Orecchiette di grano saraceno al sugo di pistacchi siciliani

Il mondo della cucina lo si può definire come un arte che nel corso del tempo ha saputo perfezionarsi al meglio. Preparare una pietanza è un'operazione che richiede non solo abilità tra i fornelli, ma soprattutto una passione per questo mondo. Un bravo...
Primi Piatti

Ricetta: orecchiette piccanti con la cicorietta

Avete voglia di un primo piatto gustoso ed avvolgente? Siete nel posto giusto. Perché non preparare delle buonissime orecchiette piccanti con la cicorietta. Le orecchiette, immancabili nella cucina tradizionale pugliese, si sono imposte in tutta Italia....
Primi Piatti

Ricetta: Pilaf con orecchiette, patate e pancetta

Sbizzarrirsi in cucina non è assolutamente semplice, soprattutto per chi non ama moltissimo cucinare. Quando però un piatto molto elaborato vi riesce abbastanza bene, le soddisfazioni sono sicuramente altissime. Se avete voglia di preparare un ottimo...
Primi Piatti

Ricetta: orecchiette al forno

Le orecchiette sono un tipo di pasta che ha origine in Puglia e solitamente vengono cucinate con le cime di rapa. Presentano diverse dimensioni: ci sono quelle più piccole e quelle dalla forma allungata. In ogni caso si adattano bene ad essere preparate...
Primi Piatti

Come preparare le orecchiette con carciofi e salsiccia

Se si ama la cucina, specialmente quella saporita, non si può fare a meno di conoscere come preparare le orecchiette con carciofi e salsiccia. Le orecchiette sono una pasta tipica della cucina pugliese a base di farina di semola, sono lavorate a mano...
Primi Piatti

Ricetta: orecchiette con ricotta e zucca

Le orecchiette sono un formato di pasta molto amato e popolare in tutta Italia, anche se la loro origine è tipicamente pugliese. Infatti le orecchiette si sono diffuse a partire dal XII/XIII secolo da Bari, dove sono note in dialetto locale come "strascinati",...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.