Come fare la pastella con la birra

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pastella è un composto di base grazie al quale si possono cucinare fritture dolci e salate, secondo i gusti e le occasioni. È una preparazione a base di uova nella quale si friggono fiori di zucca, carne, funghi e altro, attraverso la cottura con olio d'oliva. Per sapere come fare la pastella con la birra seguiamo le indicazioni.

26

Occorrente

  • 60 grammi di farina grano tenero;
  • 90 ml. di birra chiara e fredda;
  • un pizzico di sale;
  • mezzo cucchiaio di olio d'oliva extravergine;
  • una forchetta o frusta;
  • 2 uova;
  • terrina;
  • fiori di zucca;
  • cucchiaio di legno.
36

Grazie alla birra il fritto è croccante e leggero. Prima di iniziare a cucinare assicuriamoci di avere tutto l'occorrente indispensabile. All'interno di una terrina setacciamo la farina, avendo cura di eliminare i grumi. Uniamo al composto il sale, l'olio, il tuorlo delle uova e la birra, amalgamando bene con una forchetta dall'esterno all'interno. Una volta ottenuto un impasto liscio lasciamo riposare all'incirca trenta minuti, coprendo la ciotola con uno strofinaccio pulito. Trascorso il tempo di riposo, montiamo un albume a neve con il sale e delicatamente lo uniamo alla pastella. A questo punto la preparazione è pronta per essere utilizzata immergendoci dentro i cibi da friggere.

46

Se vogliamo aggiungere i fiori di zucca, li laviamo, li priviamo del pistillo e li asciughiamo. Li immergiamo nella pastella uno alla volta. Quando la padella è piena, li giriamo con un cucchiaio di legno. Lasciamo cuocere a fuoco vivo fino a quando notiamo la doratura. Ricopriamo un piatto con carta assorbente e li adagiamo sopra. Alla fine otteniamo un piatto per vegani e vegetariani. Volendo sostituire la birra, con acqua frizzante fresca di frigo e, la farina "0" con una farina di riso senza glutine, il piatto è buono anche per le persone celiache. In generale il gusto della ricetta è sfizioso e goloso per molti ingredienti. Se i fiori di zucca sono freschi il sapore risulta prelibato. Può essere consumato con un panino, come antipasto o come secondo piatto.

Continua la lettura
56

Con una pastella a base di birra si cucinano peperoncini e salvia, zucchine e melanzane, pomodori e tutto quello che ci suggerisce l'arte culinaria del momento. Ogni posto e regione ha piatti tipici che si adattano al composto di base. Se invece del sale ci aggiungiamo lo zucchero, la pastella è buona per le crepes dolci. Squisite per un ottimo dessert o come semplice snack. Le crespelle ripiene di banane, saltate in padella con brandy o con miele, noci e uvetta, sono solo alcune delle ricette. Per gli amanti della classica crepes alla nutella si aggiunge frutta secca o fresca, oppure pere. Anche la marmellata in tutte le sue versioni, sa' risaltare al massimo il sapore di una pastella con birra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare la pastella al nero di seppia

La pastella è un alimento molto facile e veloce da realizzare. Questo ingrediente è un elemento indispensabile in cucina se si ha intenzione di preparare dei piatti a base di frittura. Esistono diverse tipologie di preparazione della pastella, è possibile...
Antipasti

Come preparare i filetti di baccalà in pastella

I filetti di baccalà in pastella sono una tipica pietanza della cucina laziale. È un piatto gustoso che richiede pochi ingredienti e una semplice preparazione.È uso comune mangiare il baccalà come antipasto per la cena della vigilia di natale oppure...
Antipasti

Come preparare la pastella per i fritti

È ormai risaputo che l'alimentazione giornaliera deve essere sempre varia, ricca di frutta, verdura, pesce e carne. Anche il fritto ricopre un ruolo importante nel metabolismo umano. Non bisogna però abusarne, in quanto la frittura è ricca di colesterolo,...
Antipasti

Come preparare i gamberi in pastella al sesamo

I gamberi per le loro caratteristiche nutritive e gustative sono molto spesso alla base di svariate preparazioni culinarie. In particolare i gamberi in pastella al sesamo, ideali da essere inseriti in un buffet e da servire come finger food in una cena...
Antipasti

Come preparare le cozze in pastella

Sono numerose le ricette gastronomiche che riguardano le cozze. Non bisogna mai dimenticare che è pericoloso mangiare le cozze crude. Anche se condite con aceto o limone, le cozze non vanno mai mangiate crude. È fondamentale che avvenga sempre una cottura...
Antipasti

Cavolo in pastella con curcuma e pepe

Una buona alimentazione completa non può prescindere da abbondanti porzioni di verdura e frutta. Madre Terra ci offre ottimi doni, in grado di soddisfare il nostro fabbisogno. L'autunno sembra la stagione perfetta per nutrirsi al meglio. È infatti il...
Antipasti

Come preparare i funghi fritti in pastella

Per iniziare una cena o un pranzo al quale avete invitato parenti e amici, non c'è niente di meglio che un antipasto a base di funghi fritti in pastella. Esistono tanti tipi di pastella nel mondo e moltissime varietà di funghi: questa ricetta prevede...
Antipasti

Ricetta: i cardi in pastella

I cardi fritti sono una ricetta tipica di varie regioni italiane: a Roma vengono ad esempio chiamati "gobbi" mentre in Sicilia sono noti come “carduna”. Serviti solitamente in occasione del cenone della vigilia di Natale, i cardi sono i protagonisti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.