Come fare la pizza di carciofi e sarde

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una serata con gli amici oppure in famiglia è sicuramente un momento speciale. Può diventare anche un modo per creare un clima di festa restando in casa. Allora si può scegliere di cucinare una buona e sana pizza. Leggendo questo tutorial si possono avere delle utili indicazioni su come fare la pizza di carciofi e sarde. Nella guida vengono indicati gli ingredienti per preparare una pasta croccante e deliziosa.

25

Occorrente

  • 200 g. farina tipo 00
  • 100 ml di acqua
  • 1 bustina di lievito per pizza
  • 4 g di zucchero
  • 2 g di olio extra vergine d'oliva
  • 6 g sale fino
  • 1 carciofo
  • 2 sarde
  • 1 mozzarella
  • 3 pomodorini secchi
  • pepe nero macinato fresco
35

All'inizio bisogna preparare l'impasto della pizza. In una ciotola abbastanza capiente si devono versate 200 g. Di farina tipo 00, 6 g di sale fino, 4 g di zucchero, 2 cucchiai da minestra di olio, una bustina di lievito per pizza e 100 ml di acqua a temperatura ambiente. Successivamente si comincia ad impastare il tutto fino a che l'impasto non assume un aspetto liscio ed omogeneo. È indispensabile che la pasta diventa bella elastica e non si attacca più alle mani. Se l'impasto si attacca alle mani è opportuno aggiungere ancora un po' di farina. A questo punto bisogna riporre l'impasto all'interno di una ciotola e farlo riposare per qualche ora; è consigliabile coprire con un canovaccio umido.

45

Nel frattempo che la pasta lievita si può cominciare a pulire i carciofi. Bisogna togliere ai carciofi le foglie più esterne ed utilizzando un coltello si devono eliminare anche i filamenti interni. Poi, è necessario tagliare i carciofi in 4 pezzi e bisogna farli saltare in padella con un goccio di olio extra vergine d'oliva, un pizzico di sale e del pepe nero macinato fresco. Adesso bisogna lavare le sarde e pulirle, eliminando testa, coda e organi interni. In seguito si devono mettere in una padella e si fanno cuocere insieme ai carciofi. Quando l'impasto è completamente lievitato si deve stendere con un mattarello. Durante questa operazione è consigliabile mettere della farina per evitare che l'impasto si attacca al piano di lavoro.

Continua la lettura
55

A questo punto bisogna mettere l'impasto steso all'interno di una teglia da forno. Si riscalda il forno a 200° C e si fa cuocere per circa 15 minuti. Effettuando la prima cottura dell'impasto senza l'aggiunta degli ingredienti la pizza diventa abbastanza croccante. Dopo che sono trascorsi i 15 minuti bisogna togliere la base della pizza dal forno. Successivamente si cosparge con la mozzarella tagliata a dadini, i carciofi, le sarde e dei pomodorini secchi. Si rimette quindi la pizza in forno e si lascia cuocere per circa 8 minuti. Logicamente i tempi di cottura cambiano a seconda della temperatura del forno. Dopo questo periodo la pizza è pronta per essere gustata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come fare la pizza alla ligure

Vi mostrerò in questa guida come fare la pizza alla ligure in modo semplice e veloce. Le varianti di questa pizza variano in base agli ingredienti che vengono utilizzati. La pizza alla ligure tradizionale prevede l'uso delle acciughe, una variante detta...
Pizze e Focacce

Ricetta: pizza tonno e carciofi

La pizza è forse la pietanza italiana più conosciuta nel mondo. Essa è un icona della cultura culinaria italiana. La peculiarità della pizza sta nel fatto che la si può preparare con diversi ingredienti. Per cui partendo dalla base, si possono preparare...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza rustica di carciofi

Il carciofo è una pianta erbacea perenne alta fino a 1,5 metri, provvista di un rizoma sotterraneo dalle cui gemme si sviluppano più fusti, che all'epoca della fioritura si sviluppano in altezza con una ramificazione dicotomica. Il fusto, come in tutte...
Pizze e Focacce

Come realizzare il calzone di carciofi

Fra tutte le ghiottonerie gastronomiche della nostra penisola, il calzone è uno fra quelli più diffusi ed apprezzati. Si tratta notoriamente di una specialità a base di pasta lievitata racchiusa a mezzaluna e farcita con vari ingredienti, che può...
Pesce

Come cucinare le sarde ripiene

Che il pesce faccia bene è ormai risaputo, ma che il pesce azzurro faccia meglio degli altri, non tutti lo sanno. Tra questa preziosa categoria troviamo le sarde, ricche di omega 3, grassi insaturi, che proteggono il cuore e le arterie. Oltre ad essere...
Pizze e Focacce

Come guarnire una pizza

La pizza rappresenta, sicuramente, il piatto più venduto appartenente alla tradizione culinaria italiana a livello mondiale. La pizza ha presentano un enorme successo anche grazie ai tanti migranti italiani sbarcati in America agli inizi del 1900. La...
Pizze e Focacce

Ricetta: focaccia ai carciofi

La focaccia è un alimento presente in ogni parte d'Italia, conosciuto con diversi nomi a seconda del luogo di produzione. In Toscana per esempio prende il nome di schiacciata, mentre nel Lazio la si conosce come pizza bianca. Qualunque sia il nome con...
Pizze e Focacce

Come preparare una pizza 4 stagioni

Tutti sappiamo che la pizza è nata a Napoli intorno al 1700. È stato nel tardo dopoguerra che ha iniziato a diffondersi in tutta Italia. Con gli emigranti è arrivata anche negli Stati Uniti e in altri paesi dove, grazie a italiani che hanno aperto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.