Come fare le ciliegie sotto spirito

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Quando sui banchi del mercato compaiono queste piccole meraviglie della natura che si chiamano ciliegie, è sempre una festa per i nostri occhi. Questi piccoli frutti tipicamente estivi sono talmente invitanti che sentiamo il bisogno di mangiarne uno dopo l'altro.
Le ciliegie si possono consumare fresche, oppure si possono trattare con soluzioni a base di alcool. In questo modo si avrà sempre a portata di mano un delizioso digestivo che si può consumare per tutto l'anno.
Per conservare questo tipo di frutta si possono impiegare lo sciroppo, il cognac o la grappa, se si vuole un gusto più secco e deciso. Se invece si cerca un sapore dolce e delicato, si possono utilizzare dei liquori fruttati.
In questa guida mi appresterò a fornirvi alcuni utilissimi suggerimenti su come preparare le ciliegie sotto spirito, così come facevano una volta le nostre nonne.

29

Occorrente

  • 500 g di ciliege
  • 600 ml di alcol a 95°
  • 100 g di zucchero
  • 1 stecca di cannella
  • Barattoli in vetro a chiusura ermetica
  • Pentolino
  • Forbice
  • Acqua
39

Analizziamo la prima fase relativa alla preparazione. Selezionate le ciliegie, scegliendo solo quelle che presentano un colorito rosso intenso. Assicuratevi che siano integre e prive di difetti sulla buccia. La polpa deve essere ben soda e non troppo matura.
Lavate in modo accurato la frutta sotto l'acqua corrente, dopodiché scolatela e avvolgetela in un canovaccio per farla asciugare bene.
Con l'aiuto di una forbice, tagliate il picciolo ad una distanza di circa un centimetro dal frutto. Praticate ora, servendovi di un ago, alcuni piccoli fori attorno alla polpa.

49

In questa fase, passate a sistemare le ciliegie in un vasetto di vetro. Se lo gradite, aggiungetevi una stecca di cannella oppure 3-4 chiodi di garofano.
Il contenitore non si deve sterilizzare poiché una delle funzioni dello spirito è quella di ostacolare la formazione di muffe e batteri.
A questo punto, per preparare le ciliegie sotto spirito, potete scegliere tra due procedimenti differenti, ovvero la preparazione a caldo oppure quella a freddo.
Vediamo ora, nei passaggi successivi, come ci si deve comportare in entrambi i casi.

Continua la lettura
59

Iniziamo con la preparazione a caldo. Per realizzarla, fate bollire 125 ml di acqua e 110 g zucchero in un pentolino. La dose di zucchero che vi ho appena fornito va bene per 500 grammi di frutta, altrimenti dovrete raddoppiare le quantità.
Lasciate cuocere per qualche minuto, finché il liquido non avrà assunto un aspetto limpido. Aquesto punto, spegnete il fuoco e fate raffreddare il tutto a temperatura ambiente.
Unite lo sciroppo che avete ottenuto a 275 ml di l'alcool e versatelo nel recipiente. In questa fase, dovete fare attenzione a superare la frutta di qualche centimetro, al fine di garantirne una perfetta conservazione grazie all'immersione totale nel liquido.
Chiudete ermeticamente i barattoli, e conservate in un luogo fresco e buio.
Dopo circa 3 mesi potrete consumare le vostre ciliegie sotto spirito. Vi ricordo che la conservazione richiede minimo 40 giorni.

69

Passiamo ora alla preparazione a freddo. Riempite la metà di un vasetto di vetro con le ciliegie, alternandole con lo zucchero e qualche pezzetto di cannella (oppure con i chiodi di garofano).
"Shakerate" dunque il barattolo per consentire agli ingredienti di amalgamarsi in maniera ottimale. Riempite il vasetto di vetro con lo spirito, facendolo arrivare fino all'orlo, dopodiché agitate nuovamente il barattolo e conservatelo in un ambiente protetto dalla luce solare.
Mi raccomando, fate attenzione ai tempi di conservazione. Essa deve avvenire in luogo fresco e asciutto per un periodo di 6 mesi.
Di tanto in tanto, ricordatevi di agitare il barattolo compiendo movimenti dall'alto verso il basso. In questo modo eviterete il deposito di sedimenti alla base del contenitore.

79

Ora che sapete come fare per conservare le ciliegie sotto spirito, vi fornisco un ultimo consiglio. Quando avrete consumato le vostre ciliegie, non gettate il liquido rimasto nel barattolino di vetro. Utilizzatelo come un ottimo liquore aromatizzato da sorseggiare a fine pasto. Per far ciò, vi basterà filtrare il liquido di conserva e versarlo in una bottiglia di vetro.
Qualora l'alcool risultasse essessivamente concentrato, potreste modificare la composizione del distillato nelle seguenti proporzioni:
- 1,5 dl di alcool;
- 1,5 dl di acqua.
In questo modo otterrete una miscela piuttosto gradevole al palato, ottima anche per esaltare macedonie o semifreddi alla frutta.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere solo ciliegie selezionate
  • Coprire con alcool oltre il livello delle ciliege
  • Agitare i barattoli di tanto in tanto
  • Rispettare i tempi di conservazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare la birra aromatizzata alla frutta

Per sapere come fare la birra aromatizzata alla frutta, occorre seguire i seguenti passi procedurali necessari per creare un ottima birra aromatizzata fai da te. Negli ultimi anni la cosidetta fruit bear, bevanda molto amata per il suo potere dissetante,...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore ai frutti rossi e ananas

Un'idea per preparare un liquore a base di frutta, specie in estate che se ne dispone di diverse qualità e quantità, è quella di farlo per esempio ai frutti rossi e ananas. Solitamente è una variante a cui non pensiamo, quindi oltre che disporre di...
Vino e Alcolici

Vini da abbinare al pollo arrosto

Il pollo fa parte di un genere di carne molto delicata. In effetti, il pollame richiede il vino giusto per poter gustare al meglio l'abbinamento, e per non coprire il sapore della carne stessa. Basti pensare per esempio che la faraona può essere accompagnata...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Brooklyn

I cocktails non sempre richiedono occasioni speciali per essere gustati e non necessariamente devono essere consumati in un bar o in un locale in compagnia. Al contrario, ognuno può preparare dei deliziosi cocktails, divertendosi e comodamente a casa...
Vino e Alcolici

Come preparare un Vodka Sour

Il Vodka Sour è un cocktail nato come variante del Whisky Sour, verso la fine del 1800. Un barman inglese provò a miscelare il Whisky con un tipo di limone sudamericano. La variante del Vodka rende questo cocktail il più gradito nelle calde giornate...
Vino e Alcolici

Come fare un punch alla frutta

Il punch deriva dai tempi in cui l'India venne colonizzata dagli inglesi, infatti pare che il nome "punch" derivi proprio dalla parola sanscrita, o della lingua hindi ad oggi, che significa cinque; questa si riferiva ai 5 ingredienti utilizzati dagli...
Vino e Alcolici

5 cocktail per riscaldare le sere invernali

Arrivano gli amici a cena? Oppure ricevete visite di amici o parenti a sorpresa? Nelle fredde sere invernali, prepara loro un cocktail per riscaldare l'atmosfera. Esistono vari tipi di cocktail: analcolici, alcolici, vegani e addirittura adatti ai bambini....
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione Sardegna, ottenuto a partire appunto dalla pianta del Mirto, una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione. Il mirto è anche presente in altre regioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.