Come fare le mele sciroppate

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come fare le mele sciroppate
16

Introduzione

La frutta oltre ad essere consumata fresca si presta bene ad essere conservata secca o sciroppata, per essere poi consumata nei periodi in cui non è di stagione. In questa vi spiegheremo come fare le mele sciroppate, un modo di conservazione molto semplice da realizzare, ma che darà grandi soddisfazioni quando la mangerete. Vediamo allora di cosa avrete bisogno e come procedere passo dopo passo.

26

Occorrente

  • 1 Kg di polpa di mele.
  • 500 gr di zucchero.
  • Il succo di 1 limone.
  • Scorza di mezzo limone.
36

Preparate lo sciroppo

Come prima cosa lavate accuratamente un limone. Prelevate con l'aiuto di un coltello la scorza di una sua metà. Versate successivamente in una pentola otto decilitri di acqua e aggiungete lo zucchero. Unite anche la scorza del limone e impostato il gas a fuoco basso. Riscaldate la soluzione fino a sciogliere completamente lo zucchero. Alzate dunque la fiamma per portare ad ebollizione lo sciroppo. Portate la miscela quasi a bollore per cinque minuti. Dunque spegnete il gas e lasciate riposare. Preparate a questo punto le mele. Sciacquate i frutti sotto acqua corrente. Sbucciate completamente le mele e tagliatele a metà. Eliminate il torsolo da entrambe le parti.

46

Riempite i vasetti con la frutta e lo sciroppo

Una volta preparato lo sciroppo passate alla seconda fase, ovvero la preparazione delle mele. Dopo averle sbucciate, tagliatele a fette molto spesse eliminando il torsolo centrale. Mettete le mele all'interno di vasetti in vetro a bocca larga e riempite con lo sciroppo preparato in precedenza. Ricordate di filtrare lo sciroppo prima di riempire i vasetti. Fate in modo che lo sciroppo non superi un centimetro dal bordo. Choudete bene i vasetti e passate alla terza ed ultima fase, cioè la sterilizzazione dei vasetti di mela. Questa operazione è fondamentale perché oltre a cuocere la frutta fa in modo che la stessa si conservi per lungo tempo, evitando la formazione di muffe o altri parassiti.

Continua la lettura
56

Cuocete i vasetti

Foderate una pentola con un canovaccio e riponete all'interno i vasetti. Dovrete sistemarli con l'apertura verso l'alto. Per evitare che si urtino tra di loro durante il bollore utilizzate un altro canovaccio. Il tessuto separerà i contenitori di vetro e assorbirà gli urti. Accendete il gas e portate ad ebollizione. Dal momento del bollore dovranno passare almeno venti minuti. Al termine di questa fase le vostre mele sciroppate possono considerarsi pronte. Estraete dunque i vasetti dall'acqua e asciugateli. Riponete le mele sciroppate in dispensa in modo che raffreddino. Potrete consumarle in qualunque momento della giornata. Buon lavoro e buon appetito!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per evitare che si urtino tra di loro durante il bollore utilizzate un altro canovaccio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Plumcake cioccolato e amarene sciroppate: ricetta

La ricetta del plumcake cioccolato e amarene sciroppate è una vera e propria delizia. I sapori dei vari ingredienti si mixano alla perfezione, risultando paradisiaci per il palato. La preparazione non è semplice e richiede molta attenzione in tutti...
Dolci

Come preparare le pesche sciroppate al forno

Un dessert dall'irresistibile bontà e dal gusto avvolgente, da concedersi durante la stagione estiva per concludere con dolcezza un pasto leggero consumato all'aperto, vede come indiscusse protagoniste succose e profumate pesche. Si tratta delle prelibate...
Dolci

Ricetta: crumble con crema pasticcera ed amarene sciroppate

Durante l'inverno quando c'è parecchio freddo fuori di casa, è molto rassicurante e molto divertente, mangiare qualche goloso dolce fatto in casa. Ci si può davvero sbizzarrire con tutte le tipologie di dolci che possono essere realizzati utilizzando...
Dolci

Castagne sciroppate: la ricetta tradizionale

Quando arriva l'autunno, la prima immagine che ci viene in mente è quella degli alberi che cambiano colore. Con la nuova stagione cambiano anche i colori delle nostre tavole, grazie al ritorno di alcuni cibi. Un alimento tipicamente autunnale è senza...
Dolci

Come preparare le pere sciroppate

Sciroppare la frutta è uno dei sistema di conservazione più diffuso, che in passato veniva messo in pratica dalle nonne e che con l'industrializzazione dei prodotti alimentari ha conosciuto nuova rilevanza. Questo tipo di trattamento permette di gustare...
Dolci

Come preparare le prugne sciroppate

Cucinare è la passione di moltissimi di noi, riusciamo a creare ricette squisite e saporite con pochi ingredienti, tanto che la nostra cucina è molto famosa anche all'estero. Ma quello a cui non possiamo proprio rinunciare è la frutta, che mangiamo...
Dolci

Come preparare le pesche sciroppate

Cerchiamo, insieme a voi, cari lettori e lettrici, il miglior metodo per preparare uno squisito dessert: le pesche sciroppate. Preparare tale piatto autonomamente è molto facile come anche veloce (oltre che essere decisamente più economico rispetto...
Dolci

Ricetta di una torta autunnale con uva, mele e pesche

Con l'arrivo della stagione autunnale, cresce la voglia di rimanere al caldo in casa e mettersi ai fornelli, per preparare dolci da gustare insieme ad un tè bollente. A tal proposito, è possibile utilizzare frutta di stagione come le mele, l'uvetta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.