Come fare le nuvole di drago

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Siete appassionati di cucina etnica e desiderate replicare i piatti proposti nei ristoranti dove avete mangiato? Perfetto, allora se in particolare amate la cucina cinese potete cimentarvi nella preparazione delle nuvole di drago: si tratta di uno speciale antipasto asiatico, abbastanza semplice nella sua essenza, ma dal gusto molto particolare. Le nuvole di drago non sono altro che delle sfogliatine fritte di farina di tapioca (derivata da un tubero dell'America del Sud, la cosiddetta manioca) arricchite con vari frutti di mare a seconda dei gusti. Quelle più famose e diffuse sono a base di gamberetti e sono note come prawn crackers. Naturalmente ve ne sono anche altre di diversi tipi: a base di pesce, di vegetali o di frutta. Nella seguente guida, attraverso semplici ed utili passaggi, ci occuperemo di spiegarvi qual è il procedimento corretto da seguire per fare le nuvole di drago.

27

Occorrente

  • 100 gr di surimi
  • 80 gr di frumina
  • 40 gr di fecola di patate
  • 20 gr di cipolla
  • sale q.b.
  • olio di arachidi
  • pepe (facoltativo)
  • un cucchiaio di acqua (se necessario)
37

Come preparare il composto

Innanzitutto, la prima operazione da compiere per realizzare questa squisita ricetta, è sicuramente quella di scongelare (magari utilizzando il microonde) i surimi se li avete acquistati surgelati. Metteteli in seguito nel mixer insieme alla cipolla e tritate il tutto fino a quando otterrete un impasto sminuzzato e abbastanza umido. Una volta creato questo mix, adagiatelo in una ciotola, aggiungete un pizzico di sale (e se preferite anche del pepe), la frumina e la fecola di patate. Cercate quindi di far assorbire tutta la frumina e la fecola, in maniera tale da avere un composto sufficientemente omogeneo. Qualora le farine non dovessero assorbirsi per bene, potete anche inserire una piccolissima quantità d'acqua.

47

Come cuocere il composto

Successivamente, lavorate energicamente l'impasto con le mani per circa 10 minuti, al termine dei quali otterrete un composto non molto elastico, ma comunque abbastanza compatto. A questo punto formate un rotolino della dimensione desiderata, che abbia un diametro di circa 5 cm e cuocetelo a vapore. Riempite dunque una pentola con dell'acqua, mettete il rotolo nel vano superiore e coprite con un coperchio. Cuocete a fiamma media per 40, massimo 45 minuti. Una volta terminata la prima cottura, il composto risulterà gelatinoso, lasciatelo raffreddare e infine mettetelo in frigorifero per 24 ore.

Continua la lettura
57

Come preparare le nuvole

Non appena saranno trascorse le 24 ore, potete passare al prossimo passaggio. Tagliate in modo molto sottile il rotolino, tenendo conto del fatto che più sottili saranno e meglio verranno le vostre nuvole di drago. Lo spessore dovrà essere poco più di quello di una monetina. Adagiate tutte le fettine su una teglia ricoperta di carta da forno e mettetele in forno a 60 gradi per un'ora: questo procedimento ha lo scopo di farle seccare. L'ultima fase consiste nel friggere le nuvole di drago per pochissimi secondi in abbondante olio di arachidi bollente. Dopo aver eseguito quest'ultima operazione, il vostro lavoro può dirsi finalmente concluso. Si tratta sicuramente di un preparazione un po' lunga, ma ne varrà la pena perché queste nuvole di drago sono davvero gustose. Una volta pronte, potrete anche conservarle per alcuni giorni, l'importante è che vengano messe in un luogo asciutto e fresco, in modo tale che mantengano inalterata la loro croccantezza.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tagliatele in modo molto sottile
  • Fatele friggere per pochissimi secondi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Le migliori pietanze cinesi

La cucina italiana è considerata una delle migliori del mondo, ma in una società multiculturale e multietnica, quale è ormai quella in cui viviamo, non ci si può esimere anche dall'assaggiare piatti che appartengono ad altre tradizioni culinarie....
Cucina Etnica

I migliori piatti della cucina cinese

Chi è che almeno una volta nella propria vita non è andato al ristorante cinese, spinto dalla curiosità o semplicemente dal piacere della cucina orientale. Tutti hanno trovato nel menù almeno un piatto che è diventato ben presto il suo favorito e...
Cucina Etnica

Ristoranti cinesi a Napoli

Sicuramente, almeno una volta nella vita, sarà balenato in mente a tutti il desiderio di mangiare qualcosa che provenisse da un posto che non fosse l'Italia. Ed ecco che, tra le varie soluzioni, troviamo la famigerata cucina cinese famosa per i suoi...
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

5 idee per dolci alla ricotta

La ricotta è un ingrediente ideale per la preparazione dei dolci data la dolce consistenza che regala al palato una vellutata carezza e il colore che ricorda tanto una soffice nuvola offrendo anche alla vista un'immagine di purezza e candore. Vogliamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.