Come fare le panelle siciliane

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le panelle fanno parte dello "street food" Palermitano. Un cibo povero ma tanto sfizioso e irresistibile. Le pannelle si preparano con la farina di ceci e vengono servite dentro morbidi panini ricoperti di semi di sesamo. Solitamente le panelle siciliane, vengono accompagnate dalle crocchè, dette anche "cazzilli". Le panelle si prestano bene anche come antipasto nel loro formato più piccolo. È una ricetta semplice che vi ruberà poco tempo. Vediamo come fare le panelle siciliane in casa.

26

Occorrente

  • Farina di ceci 200 gr.
  • Acqua 1/2 litro
  • Prezzemolo
  • Sale
  • Pepe nero
  • Olio di semi
36

Mettete la farina di ceci in una terrina ed aggiungete l'acqua un po' alla volta. Amalgamate bene il tutto, aiutandovi con una frusta da cucina. Girate fino ad ottenere un composto fluido e privo di grumi. Lasciate riposare qualche minuto, quindi mettete l'impasto sul fuoco. Utilizzate una pentola dal fondo alto e spesso, indicata per non far attaccare il composto. Aggiungete un pizzico di sale e cuocete a fuoco alto per circa 10 minuti, mescolate di continuo finché il composto non avrà preso una certa consistenza.

46

A questo punto abbassate il fuoco e lasciate cuocere per altri 15-20 minuti girando di tanto in tanto. Non allontanatevi dal tegame e mescoalte di continuo. Basta poco per far attaccare il composto sul fondo e bruciarlo. Unite infine il prezzemolo tritato e per concludere, un pizzico di pepe nero.

Continua la lettura
56

Una volta pronto l'impasto, bisogna dargli la forma. Versate il composto dentro un contenitore dell'olio di semi ancora unto e schiacciatelo per bene. Non pulite il contenitore, l'olio rimasto serve a non far attaccare l'impasto alle pareti. Lasciatelo raffreddare per bene, almeno una mezz'ora. L'impasto deve essere duro per poter ricavare le panelle, più sta a riposo meglio è. Potete preparare l'impasto anche il giorno prima e conservarlo in frigorifero. Di seguito aprite, aiutandovi come meglio vi viene, il contenitore dell'olio ed estraete il cilindro di farina di ceci. Con un coltello senza lama, ricavatene delle fettine sottili e disponetele su di un vassoio senza sovrapporle.

66

Adesso sono pronte per la frittura! Prendete una padella capiente e dai bordi alti e versate abbondante olio di semi. Accendete il fuoco e fate scaldare l'olio. Raggiunta la giusta temperatura, immergete i cerchi di panelle. Friggete le panelle da tutt è due i lati a fiamma bassa. Appena si dorano le potete uscire dall'olio. Estraeteli con una schiumarola e adagiateli su di un altro vassoio coperto con della carta assorbente. Una volta salate, sono pronte. Servitele ancora calde, semplici per antipasti e stuzzichini, o in mezzo al panino per pranzo o cena.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: frittata vegana con cipolle e pomodori

Solitamente la frittata di uova è vegetariana, perché si accompagna in modo fantastico alle verdure. Ma per chi rispetta lo stile vegano, in cucina si può preparare una frittata tutta green. La ricetta descritta qui di seguito non presenta infatti...
Antipasti

Cazzilli alla napoletana

Le tradizioni culinarie italiane, sono davvero sorprendenti per le migliaia di ricette golose che riescono a proporre sulle tavole degli italiani. Anche lo street food italiano, è uno dei migliori al mondo perché comprende piccoli cibi golosissimi da...
Antipasti

Come preparare le cotolette di melanzane

Le cotolette di melanzane sono una pietanza gustosa e saporita tipica della stagione estiva. Risolvono con semplicità ed allegria un pranzo oppure una cena dell'ultimo minuto. Le melanzane sono un prodotto stagionale, tipico del mese di giugno fino a...
Antipasti

Come preparare le frittelle di ceci

Di frittelle ne esistono di varie gusti e tipi. In ogni paese viene presa in considerazione la tradizione e le frittelle cambiano. La frittella è una pasta fritta, ricca di aromi e sapori tipici. La loro forma è sempre diversa, gli impasti sono sostanzialmente...
Antipasti

Crocchette di patate alla palermitana

Palermo è una città non solo ricca di cultura e di luoghi splendidi da visitare, ma è anche un luogo in cui è possibile davvero gustare dei cibi di strada unici al mondo. Lo street food palermitano è infatti composto da moltissime tipologie di sfizioserie....
Antipasti

Come conservare le zucchine in agrodolce

Le zucchine in agrodolce sono ideali da servire come fresco antipasto o contorno in primavera o in estate. Gli ortaggi migliori per preparare questa pietanza sono le zucchine siciliane, di color verde chiaro, pelle molto fine e più dolci rispetto agli...
Antipasti

5 antipasti caldi vegan

La cucina vegan prevede piatti che escludono l'uso di prodotti animali e loro derivati. Se c'è chi pensa ancora che non si possa creare un buon piatto senza carne, pesce o uova vi propongo cinque antipasti caldi che vi potrebbero far cambiare idea. Sono...
Antipasti

Come preparare la muffoletta

All'interno della guida che seguirà andremo a parlare di cucina, dedicandoci ad una ricetta. Nello specifico, in questo determinato caso, andremo ad illustrare come poter preparare la muffoletta.Lo faremo un passo alla volta, in modo sintetico e semplificato,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.