Come fare le piadine di polenta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le piadine di polenta, sono un'alternativa alle classiche celebri spianatine di farina bianca. Dal sapore caratteristico ed intenso, si possono realizzare in due differenti modi. Il primo prevede una preparazione pressoché identica a quella delle piadine classiche, ma con l'uso totale o parziale della farina di mais normalmente adoperata per fare la polenta. Il secondo metodo invece, che vedremo in questa guida, utilizza la polenta vera e propria già cotta. Ottime come ricetta di recupero dunque, queste piadine possono costituire una gustosissima cena dopo un pranzo a base di polenta che non si è riusciti a terminare. Realizzarle è piuttosto semplice, vediamo come fare.

26

Occorrente

  • Polenta avanzata
  • Farina 00 q.b.
  • sale q.b.
36

Impastare

La prima fase per fare le piadine di polenta, consiste nel creare l'impasto. Non sono generalmente necessari consigli particolari in questo caso, come invece nelle preparazioni di pani lievitati e simili. Sarà sufficiente infatti ammorbidire un po' con la forchetta o le mani la polenta, che deve essere quella rigorosamente avanzata e soda, prima di unirvi tutti assieme gli altri ingredienti. Si può impastare a mano, o aiutarsi con una planetaria. In ambo i casi, è sufficiente aggiungere farina fino a che non verrà assorbita tutta. L'impasto finale dovrà avere una consistenza morbida, asciutta, e non eccessivamente appiccicosa al tatto.

46

Stendere

Il secondo passo consiste nel fare, formandole, letteralmente le piadine di polenta. Dalla palla d'impasto, stacchiamo porzioni regolari e lavoriamole rapidamente in palline di dimensioni a nostra scelta. Possiamo realizzarle grosse come una pallina da tennis per ottenere una piadina di dimensioni classiche, o optare per formati più piccoli a nostro piacimento. Per stendere l'impasto aiutiamoci con farina e mattarello o con due fogli di carta da cucina in cui inserire la pallina prima di spianarla. Coi due fogli di carta da cucina eviteremo infatti ulteriori aggiunte di farina che potrebbero seccare troppo l'impasto o bruciare sulla padella.

Continua la lettura
56

Cuocere e farcire

Una volta realizzate tutte le piadine di polenta, procedere alla cottura è il passo più semplice. Basterà infatti ungere con un filo d'olio una piastra o una padella abbastanza ampia, e poggiarvi sopra il disco di pasta precedentemente realizzato. La cottura, visto lo spessore di pochi millimetri è relativamente breve, ma bisogna sempre prestare attenzione per evitare il rischio di bruciare la nostra creazione! Una volta cotte da ambo i lati - pochi minuti dovrebbero essere sufficienti- possiamo impilarle su un piatto e passare subito a farcirle. Il ripieno è, proprio come nel caso delle piadine classiche, assolutamente a discrezione dei nostri gusti, ma si sposano molto bene creme di formaggio, verdure e insaccati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Come tutti gli impasti a base di farina, per aiutarsi nella stesura, è bene lasciar riposare ben coperto per mezz'ora l'impasto prima di formare le piadine col mattarello.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare le piadine con salame e scamorza

Avete mai preparato le piadine in casa? Se fino ad adesso pensavate che fosse difficile realizzare in piena autonomia deliziose piadine romagnole da farcire, dovrete ricredervi. Seguendo passo dopo passo questa ricetta, anche i meno abili ai fornelli...
Antipasti

Come preparare le piadine vegan farcite

Se amate la cucina vegan e volete assaggiare qualcosa di molto gustoso, ecco a voi la ricetta per preparare delle deliziose piadine vegan farcite. Non contengono nessun glutine quindi possono essere consumate anche da chi soffre di celiachia. Si preparano...
Antipasti

Come preparare le piadine con dadolata di verdure

La piadina è una squisita soluzione per preparare un'ottima e sfiziosa cena, per rallegrare un buffet o un aperitivo, o per aprire un pasto tra amici: le sue radici affondano in Romagna, una terra calorosa e piena di vita, che ha fatto della piadina...
Antipasti

Ricetta: polenta alla piastra con gorgonzola

La polenta è uno dei piatti più antichi della cultura culinaria italiana. La polenta è un alimento a base di cereali. In particolare l'ingrediente più utilizzato e che la caratterizza è la farina di mais. Questa ricetta in passato era uno degli argomenti...
Antipasti

Ricetta: tortini di polenta e gorgonzola

La tavola invernale è spesso arricchita dalla presenza di uno dei piatti più poveri, ma anche più buoni, come la polenta! Anche se spesso viene accompagnata da un corposo sugo arricchito dalla presenza delle salsicce, la polenta è un piatto che si...
Antipasti

Come preparare degli antipasti con la polenta

La polenta è un piatto tradizione della parte settentrionale dell'Italia e in particolare della Valtellina. Generalmente, la polenta viene definita il "piatto dei poveri" proprio perché è molto economico e formato da acqua e farina di cereali. A tal...
Antipasti

Ricetta: crostini di polenta e funghi

I crostini di polenta e funghi sono un antipasto tipicamente montano, adatto ad accompagnare pranzi calorici nelle tipiche giornate invernali. In passato la polenta era considerata il piatto dei poveri. Nei tempi più difficili e con la guerra alle porte...
Antipasti

Ricetta: le polpettine di polenta

La polenta consiste in uno dei piatti principe della cucina dell'Italia settentrionale. Le sue origini sono antichissime. Si tratta di uno dei cosiddetti "piatti dei poveri", o dei contadini. La polenta, infatti, non è altro che un impasto di acqua e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.