Come fare le scarcelle pugliesi

Tramite: O2O 18/02/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le scarcelle, anche chiamate scarcedde, sono dei dolcetti tipici della Puglia, anche se sono diffusi in tutto il Sud Italia. Vengono preparate per la fine della Quaresima, in quanto hanno un profondo significato simbolico, sia pagano che cristiano. Le uova simboleggiano Gesù, ma anche la vita, la ricchezza e sono un augurio di buona fortuna, e sono "imprigionate" nell'impasto. Infatti, venivano portate alla fine della processione pasquale dai catecumeni che avrebbero ricevuto il battesimo il giorno stesso, liberando le loro anime dai peccati commessi. Da qui, infatti, proviene l'etimologia del termine: "scarcedda" significa "scarcerato", in quanto si veniva liberati dai peccati. Secondo altre fonti, il nome deriva dal termine dialettale "scarsella", che significa borsa, oppure "ciambella". La scarcella, infatti, può avere tante forme, dalla più tipica forma a cestino a cuori, ciambelle, colombe ecc. Ecco dunque come fare le scarcelle pugliesi.

27

Occorrente

  • 125 ml di olio evo
  • 125 ml di latte intero
  • 5 uova (di cui 3 servono per la decorazione)
  • 170 gr di zucchero semolato
  • 400 gr di farina 00
  • 5 gr di lievito di birra
  • Scorza grattugiata di 1 limone biologico
  • Codette colorate
37

Mescolare gli ingredienti

Preriscaldare il forno a 180°C. In una ciotola di medie dimensioni, mescolare la farina setacciata, lo zucchero, la scorza di limone, l'olio d'oliva e un uovo. A parte mescolare in un bicchiere il lievito nel latte tiepido e lasciar riposare per 15 minuti.

47

Impastare

Passati i 15 minuti, il lievito si sarà attivato, permettendo una lievitazione ottimale. Versare il tutto nella ciotola con il resto degli ingredienti ed impastare con un cucchiaio di legno fino a quando non si avrà un impasto fermo che si staccherà facilmente dai lati della ciotola.

Continua la lettura
57

Stendere l'impasto

Dopo aver steso l'impasto con uno spessore di circa 1.5 cm, si potrà creare la scarcedda della forma che si vuole, lavorando di fantasia. Al centro del dolce vanno messe le uova (per tradizione di numero dispari, come portafortuna), dopo averle lavate ed asciugate. Queste si cuoceranno nel forno, quindi non è necessario cuocerle prima. Coprire le uova con qualche striscia di impasto, a mo' di "gabbia".

67

Decorare

Prendere l'uovo rimasto e separare il tuorlo dall'albume. Sbattere il tuorlo e, con un pennello, spalmarlo sul dolce. La superficie avrà, in questo modo, il tipico colore dorato delle scarcelle pugliesi. Per il tocco finale, cospargere di codette colorate.

77

Infornare

Infornare e cuocere a 180°C per 35-45 minuti. La superficie del dolce dovrà essere di un bel colore dorato. Per accertarsi che sia cotto alla perfezione, fare il test dello stuzzicadenti: infilare uno stuzzicadenti, o uno spiedino, pulito all'interno dell'impasto. Se il bastoncino sarà pulito e asciutto al tocco, allora il dolce sarà pronto. Altrimenti lasciar cuocere per qualche altro minuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare le cartellate pugliesi

I dolci tipici della tradizione pugliese, si sa, sono particolarmente apprezzati anche nelle altre regioni italiane in virtù di un sapore e di un gusto autentici e genuini. Le cartellate rappresentano una tipologia di dolce servita in particolare durante...
Dolci

Come preparare i bocconotti pugliesi

Ogni regione d'Italia ha i suoi dolci tipici, e la Puglia, una delle regioni più belle del nostro paese annovera i bocconotti, buonissimi dolcetti composti da una morbida pasta frolla che presenta un ripieno di crema, di cioccolato, di marmellata o...
Dolci

Dolci pugliesi: pasta reale

L'Italia, oltre ad essere rinomata per le sue bellezze paesaggistiche, è apprezzata anche e soprattutto per le sue specialità culinarie. A tal proposito, quello che più attira i visitatori provenienti da tutto il mondo è il fatto che queste specialità...
Dolci

10 dolci tipici del sud Italia

L'Italia è piena di sapori e profumi. Sul suo territorio si sono avvicendati popoli antichi, conquistatori provenienti da paesi lontani, ricchezza e miseria. Il retroterra culturale è densissimo di tradizioni anche molto distanti le une dalle altre,...
Dolci

Come preparare la glassa senza uovo

La glassa generalmente è un composto denso, che può essere bianco o colorato, e che viene utilizzato per coprire e dare regolarità a dolci e biscotti. La sua preparazione è abbastanza semplice e necessita di soli tre ingredienti: acqua, zucchero a...
Dolci

Come si prepara la glassa per guarnire le torte

Quando si prepara una torta è preferibile realizzare anche una glassa da utilizzare come topping. Una torta senza glassa sarebbe poco saporita e tutt'altro che invitante. Per guarnire le torte esistono diverse tipologie di glassa, che si compongono di...
Dolci

Come preparare i sassi d'Abruzzo

I sassi d'Abruzzo anche detti nocci atterrati, non sono altro che mandorle ricoperte di zucchero carammellato ed è quest'ultimo a conferirgli l'aspetto di sassetti con della terra intorno. La ricetta ha origine dalla famiglia Cicconi nel paese di S....
Dolci

Come fare i cookies vegan

La ricetta dei cookies vegan è un ottimo compromesso per chi vuole stare attento alla propria alimentazione e tenersi in forma, senza però rinunciare al gusto. I cookies sono dei golosi biscotti di origine americana, dalla forma rotonda e guarniti con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.