Come fare le triglie all'acqua pazza

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per chi ha la passione della buona cucina ed ama dilettarsi tra i fornelli, sperimentarsi in ricette sofisticate ed elaborate è sicuramente molto gratificante. Tuttavia, proprio gli amanti della buona cucina sanno che, la maggior parte delle volte, la vera innovazione è portare in tavola piatti semplici e genuini, riuscendo a suscitare altrettanta meraviglia con la prelibatezza dei gusti più tradizionali della nostra cucina.
Questo è il caso della ricetta che vogliamo proporvi in questa guida: come fare le triglie all’acqua pazza.
Piatto semplice, saporito e con una nota in più…. Il gusto delle cose buone, proprio come si preparavano una volta….

25

Occorrente

  • 8/10 triglie
  • 2 spicchi di aglio
  • 15 pomodorini
  • 2 bicchieri d'acqua
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • Capperi
  • Prezzemolo
  • Origano
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
35

Scegliere e pulire le triglie

Al momento dell’acquisto delle triglie, assicuriamoci che siano effettivamente fresche, osservandone alcuni particolari: il colore rosso, caratteristico di questo pesce, deve essere piuttosto intenso, gli occhi devono apparire lucidi ed infine, toccandolo, il pesce deve risultare sodo e carnoso.

Le triglie sono pesci di piccole dimensioni, per questa ragione pulirle può apparire complicato. Vediamo per prima cosa come procedere per agevolare questa operazione.
Dopo aver lavato le triglie con acqua corrente, con le forbici fare un taglio dalla pancia alla testa, eviscerare e sciacquare nuovamente. Dedicarsi a questo punto alla pulizia esterna del pesce, eliminando con molta cura le pinne e le squame.

45

Cuocere le triglie

La ricetta che proponiamo è per 4 persone.
In una padella piuttosto capiente far rosolare l’olio con due spicchi d’aglio, si suggerisce di far attenzione a non abbrustolire eccessivamente l’aglio per non compromettere il sapore della ricetta.
Aggiungere i pomodorini tagliati a pezzetti piuttosto piccoli e successivamente le triglie. Fare cuocere i pesci, a fuoco moderato, per qualche minuto su entrambi i lati, versare quindi in padella anche un bicchiere di vino bianco, alzare leggermente la fiamma e lasciare evaporare.

Continua la lettura
55

Portare a termine la ricetta

Insaporire con una manciata di capperi sott’aceto, che saranno stati in precedenza accuratamente lavati, l’origano (in minima quantità per non alterare il sapore del piatto) e un pizzico di sale, aggiungere, a questo punto anche 2 bicchieri d’acqua e far cuocere per una decina di minuti.
Si raccomanda di chiudere la padella con un coperchio affinché il liquido non evapori, la caratteristica di questa ricetta è proprio i gustosissimo sughetto che accompagnerà il pesce!
A cottura ultimata, è possibile aggiungere qualche foglia di prezzemolo tritata.
Si raccomanda di servire il piatto con delle fette di buon pane fresco!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: gallinella all'acqua pazza con cipolle rosse

Ecco un’interessante ricetta, che ha come ingrediente principale il pesce. Come tutti sappiamo, il pesce, dovrebbe essere spesso presente sulle nostre tavole, per i benefici che apporta alla salute del nostro organismo. Nello specifico cercheremo di...
Pesce

Ricetta: filetto di spigola all'acqua pazza

Vorreste tanto cucinare il pesce, ma non sapete come e vi arrendete ogni volta davanti allo sguardo sconsolato del pescivendolo? Scoprite con noi come riuscire a superare brillantemente questa prova. Oggi vi proponiamo una ricetta di pesce gustosa, colorata...
Pesce

Come fare lo spinarolo all'acqua pazza

Il pesce è un alimento salutare e molto buono, che può essere preparati in diversi modi, È perfetto per essere usato come secondo, come condimento, ma anche come un primo. L'importante è sempre abbinargli la cottura adatta e trovare la giusta varietà....
Pesce

Ricetta: nasello all'acqua pazza

Il nasello è un pesce di forma allungata e piatta, facilmente riconoscibile perché presenta una cresta somigliante ad una "V"; di solito il suo colore è grigio-nerastro sul dorso e, di colore argento lungo i fianchi. È un pesce che generalmente troviamo...
Pesce

Ricetta: filetti di sogliola all'acqua pazza

La cottura all'acqua pazza è una preparazione tipica della cucina napoletana, probabilmente originaria dell'isola di Ponza, che consiste nel cuocere pesci con olio, aglio e pomodorini ciliegino spezzettati cui si aggiunge del prezzemolo tritato. Questa...
Pesce

Come preparare un merluzzo "all'acqua pazza"

Molto spesso quando si sta spesso in cucina, si corre il rischio di preparare sempre i soliti piatti visti e rivisti. Bisogna invece sempre dare una ventata di originalità e freschezza al proprio stile culinario, così da ottenere delle pietanza gustosa...
Pesce

Come fare il branzino all'acqua pazza

Abbiamo voglia di pesce e non sappiamo cosa preparare per contenere le calorie? Niente paura, in questa guida vi propongo una ricetta davvero molto semplice e gustosa, perfetta sia per un pranzo che per una cena. Vediamo infatti qui di seguito come fare...
Pesce

Come fare le triglie ripiene

Le triglie sono un ottimo pesce, famose per le loro squame di colore rossastro. Le loro carni molto sode e gustose si prestano molto bene per molte ricette della nostra cucina mediterranea. Fritte, al forno o al tegame, le triglie riescono ad accontentare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.