Come fare lo sciroppo al cioccolato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ecco che vedremo un'ottima ricetta, molto economica e soprattutto molto semplice, per realizzare lo sciroppo al cioccolato. Quest'ultimo potrà essere utilizzato per rendere ancor più goloso il latte, oppure per farcire un torta o infine anche per decorare una deliziosissima coppa di gelato. Esso, oltre ad essere molto economico, rispetto a quello già pronto e confezionato, è molto buono. Ma vediamo quindi più nel dettaglio come poter fare lo sciroppo al cioccolato.

25

Occorrente

  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 130 g di cacao amaro
  • 500 ml di acqua
  • 500 g di zucchero (o un sostituto a tua scelta)
  • 1/4 di cucchiaino di sale
35

All'interno di una pentola dalla capacità di circa due/tre litri, uniamo il cacao, il sale e lo zucchero. Poiché la miscela tenderà ad aumentare il proprio volume, è bene non lasciarsi cogliere alla sprovvista. Per cui sarebbe il caso di utilizzare un recipiente piuttosto grande. Qualora volessimo rendere la ricetta più leggera, possiamo ridurre l'apporto calorico, sostituendo lo zucchero con un dolcificante a nostra scelta. In questa caso però lo sciroppo al cioccolato non potrà essere utilizzato per preparare dei dolci da forno, bensì in aggiunta a una bevanda o semplicemente come topping. Inoltre lo sciroppo dovrà essere utilizzato per intero entro un paio di giorni. Questo perché l'utilizzo di un dolcificante ne limita di molto la conservazione nel tempo.

45

Quindi inseriamo nella pentola dell'acqua fredda e, con l'ausilio di una frusta, mescoliamo per bene per amalgamare in maniera ottimale il composto. Mescoliamo finché il composto non assume una consistenza omogenea ed è perfettamente liscio e privo di eventuali grumi. Cuociamo a fiamma medio/bassa per circa tre minuti, fino a quando cioè la miscela inizierà un leggero bollore. Mescoliamo di tanto in tanto e, terminati i tre minuti, rimuoviamo il tutto dalla fiamma. Il composto non avrà ancora avuto il tempo di addensarsi, per cui non preoccupiamoci qualora risulti ancora estremamente liquido. Lasciamolo raffreddare e a questo punto aggiungiamo l'estratto di vaniglia. Possiamo in questa fase fare qualche assaggio, in modo tale da poterlo aggiustare di sale qualora ce ne fosse ancora bisogno. Ad ogni modo prestiamo attenzione a non scottarci la lingua.

Continua la lettura
55

In questa fase della preparazione possiamo versare lo sciroppo all'interno di un contenitore e possiamo collocarlo nel frigorifero. Qualora avessimo utilizzando, durante la preparazione, lo zucchero classico, possiamo conservarlo per circa un mese. Lo sciroppo potrà essere consumato quindi come più preferiamo, di sicuro è una soluzione più genuina degli sciroppi già pronti acquistati al supermercato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare lo sciroppo di amarene

Lo sciroppo di amarene è un liquido dolce e dal colore rosso intenso adatto a molte preparazioni di dolci. È ottimo da abbinare a gelati dal gusto delicato, come ad esempio quelli al gusto "fiordilatte", "crema" o "panna". Questo particolarissimo sciroppo...
Dolci

Come preparare lo sciroppo di mele

Lo sciroppo di frutta è una valida alternativa al comune zucchero; inoltre, rispetto a quest'ultimo ha un valore calorico inferiore. Una volta preparato, lo sciroppo può avere diversi utilizzi: essere bevuto caldo, diluito con acqua per avere una bevanda...
Dolci

Come fare lo sciroppo di mirtilli

Il mirtillo nasce e cresce spontaneamente da arbusti in località a clima temperato. Le varietà di mirtilli sono moltissime, ma i più noti sono quelli di colore rosso e nero. I mirtilli sono frutti un po' aspri e utilizzati per la preparazione di tantissime...
Dolci

Ricetta: pancakes allo sciroppo d'acero

Lo sciroppo d'acero è un dolcificante naturale che, si ricava facendo bollire la linfa dell'acero da zucchero e dell'acero nero. È molto utilizzato nel Nord America ed è poco calorico e ricco di sali minerali. Il sapore dello sciroppo d'acero è simile...
Dolci

Come fare le frittelle allo sciroppo d’acero

Le frittelle, conosciute come pancakes in America del Nord, sono una sorta di piccole crêpes più spesse e spugnose. Generalmente vengono preparate per colazione o per il brunch ma sono indicate anche per gustare una bella merenda. Spesso vengono condite...
Dolci

Come fare i pancakes con burro e sciroppo d'acero

I pancakes sono delle frittelle di origine anglosassone, che gli americani hanno fatte proprie e sono sempre presenti nella loro colazione, come ci mostrano anche molti film. I pancakes sono simili alle crepes anche se più corposi. Essi sono realizzati...
Dolci

Ricetta: pancake ai mirtilli con sciroppo d'ananas

I pancake sono dolci estremamente versatili. Sono adatti ad essere consumati in ogni momento della giornata: sia a colazione, che per lo spuntino di metà giornata; inoltre si adattano molto bene agli accompagnamenti più svariati, dai più semplici ai...
Dolci

Come fare lo sciroppo di agave

Alcuni studi effettuati su questo alimento, ha stabilito che lo zucchero è in grado di sviluppare una vera e propria dipendenza esattamente come una droga. Per questo, e per moltissimi altri motivi, la cosa più saggia sarebbe quella di bandirlo dalle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.