Come fare lo sciroppo di agave

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alcuni studi effettuati su questo alimento, ha stabilito che lo zucchero è in grado di sviluppare una vera e propria dipendenza esattamente come una droga. Per questo, e per moltissimi altri motivi, la cosa più saggia sarebbe quella di bandirlo dalle proprie tavole. Nel caso in cui questo fosse impossibile, quanto meno cercate di consumarne una quantità davvero molto ridotta. Moltissime persone hanno preso veramente alla lettera questo consiglio e si stanno rivolgendo sempre di più verso prodotti del tutto naturali, come nel caso dello sciroppo di agave. Vediamo insieme come fare per preparare proprio questo alimento,.

26

Occorrente

  • Pina di agave blu
  • teglie
  • passino
  • carta filtrante
  • imbuto
  • robot da cucina
  • contenitori
36

Come prima cosa scaldate il forno ad una temperatura di circa settanta gradi. Nel frattempo prendete la pina dell'agave e tagliatela prima in quattro, poi riducetela ulteriormente in parti ancora più piccoli. Lavateli in modo accurato sotto l'acqua corrente, asciughiamoli con un canovaccio in cotone e disponeteli all'interno di uno o più teglie a seconda di quanti pezzi avete a disposizione. Ricordate che il processo per ottenere lo sciroppo è lungo e richiede il massimo della vostra attenzione per ottenere alla fine buoni risultati.

46

Infornate la teglia a forno e fatela cuocere per almeno tre ore. Dovrà cuocere in totale per quaranta ore prima di ottenere lo sciroppo. Trascorso il tempo necessario tirate dal forno la teglia e scartate tutto il succo che si è formato durante la cottura. Rimettete in forno e continuate fino a quando i pezzi non avranno assunto un colorito rosso brunastro. A quel punto togliete dal forno, mettete il nettare ricavato all'interno di una ciotola e i pezzi di pina in un'altra. Lasciate raffreddare il liquido, lavate sotto l'acqua corrente l'agave e riducetela in poltiglia utilizzando uno schiacciapatate. Durante questa operazione dai vari pezzi uscirà del liquido da aggiungere al liquido estratto poco prima.

Continua la lettura
56

Se siete in possesso di un robot elettrico da cucina, lo potete utilizzare per ridurre ulteriormente il passato di agave in uno ancora più fine. Continuate a frullare fino a quando il liquido continuerà a fuoriuscire. Quando questo smetterà potrete cominciare a filtrare tutta la polpa. Per farlo utilizzate un colino dalla rete abbastanza fitta. Quando tutto sarà terminato e dalla polpa non uscirà più nulla filtrate il succo. Mettete una garza sterile all'interno di un imbuto e fate colare il liquido direttamente dentro una ciotola. Successivamente ripetete l'operazione mettendo questa volta un filtro di carta sempre all'interno dell'imbuto. Continuate il filtraggio fino a quando il liquido non avrà assunto i risultati da voi desiderati. Travasatelo poi all'interno di un barattolo di vetro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per ottenere un buon succo di agave il segreto sta nella cottura molto lenta.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare lo sciroppo di mele

Lo sciroppo di frutta è una valida alternativa al comune zucchero; inoltre, rispetto a quest'ultimo ha un valore calorico inferiore. Una volta preparato, lo sciroppo può avere diversi utilizzi: essere bevuto caldo, diluito con acqua per avere una bevanda...
Dolci

Come fare lo sciroppo di mirtilli

Il mirtillo nasce e cresce spontaneamente da arbusti in località a clima temperato. Le varietà di mirtilli sono moltissime, ma i più noti sono quelli di colore rosso e nero. I mirtilli sono frutti un po' aspri e utilizzati per la preparazione di tantissime...
Dolci

Ricetta: pancakes allo sciroppo d'acero

Lo sciroppo d'acero è un dolcificante naturale che, si ricava facendo bollire la linfa dell'acero da zucchero e dell'acero nero. È molto utilizzato nel Nord America ed è poco calorico e ricco di sali minerali. Il sapore dello sciroppo d'acero è simile...
Dolci

Come fare lo sciroppo al cioccolato

Ecco che vedremo un'ottima ricetta, molto economica e soprattutto molto semplice, per realizzare lo sciroppo al cioccolato. Quest'ultimo potrà essere utilizzato per rendere ancor più goloso il latte, oppure per farcire un torta o infine anche per decorare...
Dolci

Come fare le frittelle allo sciroppo d’acero

Le frittelle, conosciute come pancakes in America del Nord, sono una sorta di piccole crêpes più spesse e spugnose. Generalmente vengono preparate per colazione o per il brunch ma sono indicate anche per gustare una bella merenda. Spesso vengono condite...
Dolci

Come fare i pancakes con burro e sciroppo d'acero

I pancakes sono delle frittelle di origine anglosassone, che gli americani hanno fatte proprie e sono sempre presenti nella loro colazione, come ci mostrano anche molti film. I pancakes sono simili alle crepes anche se più corposi. Essi sono realizzati...
Dolci

Ricetta: pancake ai mirtilli con sciroppo d'ananas

I pancake sono dolci estremamente versatili. Sono adatti ad essere consumati in ogni momento della giornata: sia a colazione, che per lo spuntino di metà giornata; inoltre si adattano molto bene agli accompagnamenti più svariati, dai più semplici ai...
Dolci

Come fare lo sciroppo di cioccolato bianco

C'è sempre un'occasione per riunirsi attorno ad un dolce. Se poi lo facciamo con le nostre mani, la festa è ancora più bella. Tutti apprezzano i dolci fatti in casa, per gli ingredienti naturali. Possiamo preparare delle classiche torte, oppure dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.