Come fare lo sgombro sott'olio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Lo sgombro sott'olio è una vera e propria prelibatezza, perfetta da gustare come antipasto sfizioso o per insaporire una ricca insalata. La preparazione di questa "conserva" marinara è davvero molto semplice e alla portata di tutte! Una ricetta davvero basica ed essenziale per avere sempre in dispensa tutto il sapore del mare. Andiamo allora a scoprire insieme come fare lo sgombro sott'olio.

27

Occorrente

  • 1 chilo di sgombri freschi
  • 50% di olio evo
  • 50% olio di semi di girasole
  • Sale, alloro e pepe in grani
37

Lo sgombro sott'olio fatto in casa ha un sapore unico e ricco, tutto da provare. Una preparazione capace di diventare la protagonista se accompagnata da caldi crostini di pane e un sapido bicchiere di vino! Il primo step per iniziare la preparazione dei nostri sgombri sott'olio è quello di andare a pulire il pesce. Procediamo rimuovendo le viscere dagli sgombri. È poi molto importante non dimenticare di rimuovere anche le teste. Questo perché durante la cottura potrebbero rilasciare un sentore amaro, rovinando così il sapore della preparazione finale. Andiamo quindi a sistemarli in una ciotola piuttosto larga e profonda piena di acqua e ghiaccio.

47

Ora, andiamo a riempire una pentola capiente con acqua fredda salata, pepe e una foglia di alloro. Incorporiamo gli sgombri e portiamo l'acqua a bollore. A questo punto possiamo spegnere il fuoco e scolare gli sgombri. Andiamo quindi ad adagiarli su un vassoio per farli raffreddare. Quando saranno maneggiabili, andiamo a rimuovere tutta la pelle aiutandoci con un coltello liscio. Procediamo andando ad eliminare la lisca dagli sgombri e quindi disponiamoli su della carta da cucina ad asciugare alla perfezione per circa 24 ore.

Continua la lettura
57

Mentre i nostri sgombri raggiungono il giusto grado di asciugatura, andiamo a sterilizzare i nostri barattoli di vetro. A questo punto possiamo finalmente ridurre gli sgombri in filetti carnosi. Andiamo quindi a inserirli nei vasetti, sistemandoli in orizzontale. Aggiungiamo del pepe nero in grani e andiamo a ricoprire il tutto con l'olio. Adesso chiudiamo con cura i barattoli. A questo punto possiamo optare per due soluzioni. Ovvero conservare i barattoli con gli sgombri sott'olio in frigorifero e consumarli in circa due settimane, oppure procedere alla bollitura. Per farlo dobbiamo andare a bollire per 30 minuti i barattoli con dentro gli sgombri sott'olio. Una volta trascorso il tempo, andiamo a spegnere il fuoco e lasciamoli raffreddare direttamente dentro la pentola. A questo punto possiamo tranquillamente conservarli in dispensa per un paio di mesi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per un assaggio davvero sfizioso serviamo gli sgombri accompagnati da una maionese leggera e fatta in casa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come preparare le alici sott'olio

L'acciuga, detta anche alice, è un pesce diffuso in tutto il Mediterraneo: simile alla sardina ha un corpo più sottile e affusolato che raggiunge, in età adulta, i 15-20 cm di lunghezza. Appartiene alla categoria del pesce azzurro, quindi ricca di...
Pesce

Come preparare le sarde sott'olio

Se hai intenzione di deliziare il palato dei tuoi commensali con una prelibatezza realizzata con le tue mani prosegui la lettura in quanto questa guida potrebbe fare al caso tuo. Un piatto dal sapore di mare che farà la gioia degli amanti del pesce che...
Pesce

Ricetta: filetti di sgombro con cipolle in agrodolce

Il pesce specie quello azzurro oltre ad essere molto gustoso, è anche ricco di proprietà benefiche per l'organismo umano. Tra i tanti esemplari che il mare ci regala ci sono le sarde, le alici, il maccarello e lo sgombro. A tale proposito, ecco una...
Pesce

Ricetta: polpette di sgombro

Le polpette sono una delle preparazioni culinarie più golose e versatili. Amate sia dai grandi che dai piccini, permettono di creare un'infinità di gusti. Solitamente quando si pensa alle polpette, subito si immaginano quelle di carne, ma le polpette...
Pesce

5 modi diversi per cucinare lo sgombro

In questa lista vi elencherò 5 modi diversi per cucinare lo sgombro. Proprio così, perché si sa, la cucina italiana è quella che più varia al mondo. Comprende tantissime ricette con tantissime rivisitazioni una più gustosa dell'altra. Lo sgombro,...
Pesce

3 ricette con lo sgombro

Lo sgombro è un pesce d'acqua salata che appartiene alla famiglia degli sgombridi, che comprende più di trenta specie diverse di pesci (come il tonno e la sarda). Lo sgombro vive principalmente nell'Oceano Atlantico e Pacifico e si può trovare durante...
Pesce

Ricetta: filetti di sgombro al forno con limone

Il mare è una misteriosa ed affascinante riserva di leggende e storie fantastiche, ma è anche popolato da una rigogliosa vita acquatica. Fonte preziosa per il nostro nutrimento, spesso ci dimentichiamo di quando in realtà sia delicato il suo bellissimo...
Pesce

3 ricette veloci con lo sgombro in scatoletta

Troppo spesso il pesce in scatola viene visto con scetticismo dai consumatori, i quali preferiscono spendere cifre molto più elevate acquistando pesce fresco. I pregiudizi non sono del tutto fondati, dato che anche il pesce fresco può nascondere delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.