Come fare un menu degustazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
110

Introduzione

Negli ultimi anni la cucina ha fatto passi da gigante. Mangiare non rappresenta più una semplice necessità come era una volta. Infatti oggi si mangia di gusto e per il piacere degli occhi, dell'olfatto e naturalmente del palato. Sono centinaia le trasmissioni televisive che trattano di cucina e che hanno moltissimo seguito. Un po' tutte le persone i sentono degli chef, anche se per esserlo davvero occorre una buona dose di impegno, di precisione, nonché dei buoni consigli mirati ed un pizzico di talento. Oggi nei migliori ristoranti non si offre più il classico menù con l'antipasto, il primo, il secondo, il contorno ed il dolce. Si tende, infatti, ad optare sempre più spesso per un menu di degustazione, più variegato, sfizioso e leggero. In questa semplice ed esauriente guida tratteremo proprio di questo argomento. Vi forniremo, infatti, qualche fondamentale consiglio su come fare un menu degustazione.

210

Occorrente

  • piatti da portata
  • talento in cucina
  • voglia di stupire
310

Il menu degustazione offre almeno 2 assaggi per ogni portata

Il menu degustazione offre almeno due assaggi per ciascuna portata. Generalmente, quello che viene offerto al cliente è il meglio di ciò che propone il locale. Questo tipo di menù è differente sia da quello del giorno che da quello offerto dalla casa. A questo punto, pertanto, possiamo vedere insieme come fare un menu degustazione.

410

Sono consigliati dei piccoli assaggi di più portate, fino ad un massimo di 6 o 7

Il menu degustazione si apprezza particolarmente, soprattutto all'estero. Nel caso in cui si dovesse essere proprietari di un locale, o semplicemente si ha l'intenzione di far apprezzare la propria cucina ad amici e parenti con un menu degustazione, vi consigliamo di seguire le istruzioni riportate di seguito. Per quanto riguarda l'antipasto, è possibile iniziare a spaziare liberamente. Si consigliano vivamente dei piccoli assaggi di più portate, fino ad un massimo di sei oppure sette.

Continua la lettura
510

E' preferibile aggiungere qualche verdura sia alla carne che al pesce

Sia che si dovesse optare per la carne o per il pesce, è consigliabile aggiungere sempre qualche piccola verdura grigliata di accompagnamento. In caso di antipasti caldi e freddi, questi ultimi devono essere serviti per primi. È opportuno curare il cestino del pane, magari inserendo dei pani speciali come quelli alle olive, alle noci o il pane nero.

610

Nei menu misti, il primo o il secondo di pesce deve uscire prima di quello di carne

Nel caso in cui il nostro menu degustazione dovesse comprendere esclusivamente delle portate di carne o soltanto di pesce, l'ordine è indifferente. Se invece, si tratta di un menu misto di mare e montagna, il primo di pesce deve uscire sempre prima rispetto a quello di carne, così come il secondo.

710

I piatti più delicati devono essere serviti prima di quelli saporiti

Sono altri i consigli che possiamo fornirvi. È necessario servire sempre i piatti maggiormente delicati prima di quelli saporiti, altrimenti i primi non riceveranno la giusta attenzione. Se il menu degustazione dovesse risultare comunque ben nutriente, una buona idea è quella di optare per un dolce al cucchiaio non eccessivamente pesante.

810

Una buona soluzione è di creare un menu con portate pari, sia per carne che per pesce

In alternativa è possibile realizzare un menu di degustazione, creando delle portate pari, sia per quanto riguarda il pesce, che per quanto concerne la carne. È indicato utilizzare delle piccole coppette, in cui metterci all'interno le pietanze. Per i formaggi, inoltre, si consiglia di utilizzare un tagliere in legno, nel caso di un locale rustico, oppure in vetro colorato o in acciaio se il locale dovesse essere moderno.

910

I primi devono essere posti in una sperlunghetta, mentre i secondi vanno serviti in pirofile

Per quanto riguarda i primi, è buona regola metterli all'interno di una sperlunghetta, per poi lasciare uscire prima la pasta condita con il pesce, e successivamente quella condita con la carne. I secondi possono essere serviti in piccole pirofile accompagnate da piattini contenenti i contorni. In questo caso è indicato far uscire prima il secondo di carne, e successivamente un semplice sorbetto al limone. A questo dovrebbe far seguito un secondo di pesce. Per concludere occorre ricordare che nei menu di degustazione non è fondamentale inserire il dessert, ma sono vivamente consigliati il caffè e l'amaro.

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Curate sempre la tavola con bicchieri, posate e tovaglia scelti appositamente: farà la differenza!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 ricette stuzzicanti con le patate

Tra gli ingredienti più diffusi, utilizzati e buoni nell'ambito culinario, troviamo le patate. Esse possono essere servite come ben sapete sia fritte, sia al forno, sia come contorno e in parecchi casi anche come ingrediente su torte. Le patate oltre...
Antipasti

Come degustare il formaggio

Saper degustare ed apprezzare un tagliere di formaggi non è una cosa banale; bisogna tener conto di numerosi fattori (come temperatura e taglio), analizzare il formaggio da più punti di vista ed infine, saperlo abbinare al giusto tipo di alimento o...
Consigli di Cucina

5 consigli per organizzare un aperitivo

L'aperitivo, una creazione tutta italiana esportata con successo in tutto il mondo, pare sia nato a Torino nel 1786 quando fu inventato il vermut. Il termine “Aperitivo” deriva dal latino “aperire”, significa “aprire” ed identifica un rituale...
Vino e Alcolici

Come servire e accompagnare il vino passito

I vini passiti e liquorosi, ideali al termine del pasto per accompagnare solitamente dolciumi e pasticceria secca, sono differenti dagli altri sia per la maggiore percentuale di alcool che per il sapore dolce e "fruttato" determinato dall'utilizzo di...
Vino e Alcolici

Come abbinare l'aglianico

L'aglianico è un vino rosso tipico del sud Italia; il vitigno da cui si ricava, che porta il suo stesso nome, si coltiva soprattutto in Puglia, Basilicata e Potenza. Le varianti di aglianico più rinomate sono l'aglianico del Vulture, una DOCG della...
Primi Piatti

Come praparare la pasta fave e ricotta

Già ai tempi dei greci, ma probabilmente anche in tempi precedenti, esisteva già la conoscenza della pasta. L'origine di essa è quindi piuttosto datata. Diventò parte integrante della cultura del nostro paese, diventando un alimento base, imprescindibile,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di rose

Il liquore di rose o rosolio rappresenta un'antica preparazione dal sapore unico, delicato ed aromatico. Viene generalmente servito dopo i pasti, in quanto funge da un ottimo digestivo. In alternativa, può essere offerto ai propri ospiti in qualsiasi...
Dolci

Ricetta: cantucci alle mandorle

Ogni dolce ha una sua storia e soprattutto un luogo d'origine, come ad esempio i cantucci ovvero dei biscotti tipici della Toscana che si possono realizzare in tantissimi modi. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida, parleremo della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.