Come fare un tè marocchino

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La preparazione del tè rappresenta un vero e proprio rito in numerosi Paesi. Ad esempio, basta ricordare il famoso tè delle cinque del pomeriggio nel territorio britannico oppure il tè aromatico delle Nazioni del sud-est asiatico. Un Paese dove il tè costituisce un rito è sicuramente il Marocco. Qui la seguente piacevole abitudine viene consumata gustando la bevanda con molta calma e accompagnandola con alcuni dessert tipici marocchini al sapore di mandorle. Nella presente guida di cucina, vi insegnerò come fare un tè in stile marocchino e sorprendere così i vostri amici o parenti.

27

Occorrente

  • Teiera
  • Acqua
  • Rametti di timo
  • Foglie di menta
  • Zucchero
  • Salvia
37

Acquistare gli ingredienti necessari, versare il tè verde nella teiera e risciacquarlo

Il tè marocchino si caratterizza per un buon sapore dolce proveniente dal miscuglio di erbe presente nell'infuso. La maggior parte sono foglie di menta, alle quali vengono spesso aggiunti rametti di timo e un po' di salvia (in qualche versione più sofisticata). Potrete acquistare a basso costo questi ingredienti al supermercato, in qualunque erboristeria o presso un negozio etnico. Avrete bisogno anche di acqua bollente, teiera, tazze, cucchiaini e tè verde (come il gunpowder). La preparazione comincia versando il tè verde nella teiera con l'aiuto del cucchiaino. Continuate risciacquandolo, affinché perda il gusto forte e l'eventuale polvere rimasta.

47

Versare acqua bollente sulle erbe, aggiungere lo zucchero e mettere sul fuoco la teiera

Successivamente, aggiungete una quantità sufficiente delle erbe nella teiera vuota e versateci sopra dell'acqua bollente. A questo punto unite anche lo zucchero e mescolate il tutto per almeno 30 secondi. Il tè marocchino risulta di solito molto dolce, pertanto non esagerate con lo zucchero. L'aroma che ne deriverà sarà abbastanza fragrante e gradevole. Adesso mancano soltanto poche azioni ed il vostro tè marocchino si potrà consumare. Precisamente collocate la teiera sul fuoco e verificate se la quantità di zucchero sia giusta e sufficiente.

Continua la lettura
57

Ossigenare il tè marocchino e poi servirlo agli ospiti

Siete impazienti di servire il vostro tè marocchino? Dovete però sapere che, prima di servirlo agli ospiti, è necessario provvedere alla propria ossigenazione. Si tratta di un processo che ha bisogno di una capacità particolare, dunque prestate molta attenzione. Precisamente il tè marocchino andrà versato nelle tazze, mantenendo una distanza notevole dalla teiera. A questo punto dovete riversare il tè marocchino nella teiera e ripetere l'azione, in modo che si formi una schiuma deliziosa. Potrete ora servire la vostra preparazione e gustarla. Noterete subito la differenza di aroma ed il piacere di consumarlo. Da soli o meglio ancora con amici, avrete una carta in più per rendere le vostre pause ancora più meravigliose.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare un caffè al cardamomo e cannella

Il caffè è una bevanda deliziosa; essa è nota in tutto il mondo, ma è soprattutto un elemento caratteristico e indispensabile del nostro paese. Ci sono tantissime varietà, versioni e gusti: marocchino, parigino, danese, alla vaniglia, al peperoncino....
Analcolici

Come preparare il tè arabo

Abbiamo bisogno di bere sia in estate che in inverno, affinché possiamo idratare il nostro corpo eliminando nel contempo le tossine. Nei periodi freddi si preferisce una bevanda calda, mentre in estate ci si volge assetati verso le bibite fresche. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.