Come fare una buona purea di fave secche

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La purea di fave rappresenta un piatto sfizioso e adatto sia per gli adulti che per i bambini. Potete usarla come piacevole contorno mentre, se aggiunta alla pasta, può diventare un gustoso piatto unico. Questa salsa, inoltre, può essere abbinata a dei crostini o a delle bruschette per comporre un aperitivo rustico e delizioso.
Le fave sono ricche di proprietà benefiche per la salute e non contengono grassi bensì fibre, quindi ideali anche per chi segue un regime alimentare ipocalorico.
Vediamo dunque come procedere per fare una buona purea di fave secche. Ricordate sempre che le dosi descritte nella guida sono indicative e possono variare a seconda dei propri gusti.

27

Occorrente

  • 700 g di fave secche decorticate
  • Una cipolla bianca
  • Foglie di alloro
  • Sale e pepe q.b
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva per porzione
  • Formaggio grana grattugiato
37

Pulitura e bollitura

Per una buona purea dovrete mettere le fave secche in ammollo in un terrina a bordi alti contenente acqua fredda per una nottata intera, in modo che possano rinvenire.
Tenete presente che prima della cottura le fave secche dovranno assumere una consistenza relativamente morbida e quindi necessitano di riposare in acqua almeno 12 ore.
Al mattino potreste notare alcune fave secche che galleggiano e che vanno eliminate, in quanto potrebbero essere "marce" o comunque non commestibili.
Prendete le fave rimaste, scolatele liberandole dell'acqua e sciacquatele nuovamente sotto un getto corrente per eliminare eventuali tracce d'impurità. Riponetele quindi in una casseruola a bordi alti e mettetele a bollire in acqua salata. Per una cottura più veloce e saporita preferite le pentole in terracotta. La terracotta, infatti, tende a mantenere intatte le proprietà originali degli alimenti, oltre a conservarne odore, sapore e calore.

47

Aggiunta delle spezie

Noterete affiorare in superficie di uno strato di schiuma assolutamente normale e dovrete semplicemente eliminarlo di volta in volta aiutandovi con una "schiumarola" oppure, in mancanza di questa, con un cucchiaio. Questa schiuma è dovuta alla dispersione nell'acqua di piccole quantità di "pelle" delle fave e tende ad avere un gusto amaro e sgradevole, per questo motivo va eliminata.
A metà cottura aggiungete una cipolla bianca tagliata a pezzettoni, 2 spicchi d'aglio e qualche foglia di alloro per aromatizzare il piatto. La cottura delle fave per la purea dovrà svolgersi a fuoco medio e con un coperchio, fino a quando avranno raggiunto la consistenza ottimale (per questo potete assaggiarle o affondare i rebbi di una forchetta per verificare la penetrabilità).
Nel caso in cui l'acqua dovesse completamente evaporare aggiungetene altra sempre bollente ma in modo graduale. Aggiungere molta acqua bollente di getto, infatti, causerebbe uno shock termico che potrebbe bruciare le fave o farle raggrinzire.

Continua la lettura
57

Impiattamento e consigli

Quando vedrete che l'acqua di cottura sarà quasi del tutto scomparsa (ne dovranno rimanere solo 2 dita) usate un mixer a immersione. Frullate dunque le fave, fino a ottenere una consistenza densa. Aggiustate di sale e pepate, quindi riportate le fave secche ormai purea sul fuoco a fiamma bassa per qualche minuto, affinché raggiungano una consistenza ideale. Vi renderete conto di quando il piatto è pronto perché emanerà il classico odore fragrante e il colore della purea diventerà più scuro. Una volta pronta mantenetela in un contenitore termico se non avete intenzione di servirla subito, altrimenti potete già distenderla in un piatto lungo o mantenerla in una ciotola a centro tavola.
Potrete condire secondo i vostri gusti uno o due cucchiai di olio extravergine di oliva a crudo e consumare la purea di fave secche come deliziosa zuppa o sfizioso contorno.
Se pensate d'impiegarla come condimento vegetale per un primo piatto, aggiungete formaggio grana grattugiato e mescolate. Per un antipasto vegetariano ancora più saporito potete abbinarla a dadini di speck e spalmarla sulle bruschette o sui crostini.
Una possibile variante gustosa potrebbe essere quella di inserire a metà cottura, insieme alle spezie, della panna o della besciamella. Il composto così ottenuta avrà un sapore più morbido, ma sarà sicuramente un piatto più grasso.
Non resta che augurarvi buon appetito!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

5 modi per cucinare le fave

Le fave sono legumi dal gusto gradevole e delicato. Ricche di ferro, risultano particolarmente adatte per chi soffre di anemia. Apportano una notevole quantità di fibre all’organismo, favorendo il corretto processo intestinale. Inoltre, sono fonte...
Primi Piatti

Come fare purea di ceci

I ceci sono legumi antichissimi e pare che fossero già coltivati durante l’età del bronzo. Ricchi di proteine vegetali e pertanto molto utilizzati da chi adotta un tipo di alimentazione vegetariana in sostituzione della carne. Buono o è anche il...
Primi Piatti

Ricetta: vellutata di fave e cicoria

Un classico tra i classici, che affonda le sue radici nella tradizione contadina pugliese e che le nuove generazioni non sempre conoscono. Un ottimo primo che si trasforma in piatto unico se accompagnato da tanto pane croccante, magari caldo e insaporito...
Primi Piatti

Come preparare gli spaghetti con fave e guanciale

Con l'arrivo delle temperature miti, è possibile gustare spesso delle fave fresche. Le fave fresche, possono essere preparate in svariati modi. Possono infatti essere cotte insieme a dei piselli, a dei carciofi o possono essere anche inserite all'interno...
Primi Piatti

Come fare la vellutata di fave e cicorie

Nella cucina italiana, sono numerose le ricette da cui poter prendere ispirazione nella realizzazione dei piatti da servire ai propri commensali. La stragrande varietà degli ingredienti sarà in grado di appagare anche i palati più esigenti, sempre...
Primi Piatti

Ricetta: lasagne alle fave

Le lasagne, sono da sempre considerate un piatto corposo, pesante e abbondante, adatto soprattutto nei giorni di festa, dove sono previste grandi abbuffate. La ricetta che vi propongo oggi, invece, rappresenta una tipologia alternativa di lasagne, molto...
Primi Piatti

Ricetta: fave e cicorie impanate

La ricetta delle fave e cicorie impanate è un piatto tipico della provincia di Bari, particolarmente diffuso presso Polignano a Mare, paese turistico particolarmente famoso per aver dato i natali a Domenico Modugno. L'origine di tale piatto risale ad...
Primi Piatti

Come preparare la pasta fredda con salame, fave e baccellone

Volete preparare un piatto goloso, ricco di sapore e che potete realizzare anche qualche ora prima di servirlo in tavola? Ecco a voi la pasta fredda con salame, fave e baccellone. Potete adoperare qualsiasi formato di pasta corta ma è preferibile optare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.