Come fermentare il succo d'uva

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

L'uva di buona qualitá, in particolare quella da coltivazioni biologiche, contiene per sua natura lieviti e zucchero: i 2 elementi necessari alla fermentazione. Anche pane, birra e la frutta in generale fermentano spontaneamente. La fermentazione è infatti un processo naturale di trasformazione chimica, grazie al quale gli zuccheri si trasformano in alcol ed anidride carbonica. Il prodotto derivante dalla fermentazione dell'uva è il vino e, provare a farlo da soli, a casa, puó rivelarsi un esperimento interessante. La qualitá del vino è determinata dalla tipologia d'uva impiegata, dalla regione da cui proviene, dai metodi di coltivazione e, ovviamente, dalle capacitá dell'enologo.

28

Occorrente

  • barile o tinozza
  • densimetro
  • cucchiaio in legno o bastone per mescolare
  • setaccio
  • botte e bottiglie
38

Selezionare l'uva

Per ottenere dei buoni risultati è indispensabile che l'uva abbia raggiunto il giusto punto di maturazione, sia asciutta (non umida né bagnata, meglio non lavarla, specie se biologica), sia stata appena colta, non sia conservata in cesti di plastica (che impediscono la traspirazione e la fanno irrancidire) ma preferibilmente di vimini. Rimuovete meticolosamente foglie, raspi, gambi ed acini marci o troppo molli al tatto.

48

Estrarre il succo

Dall'uva dovete ricavare il mosto. A livello industriale si ricorre ad appositi macchinari per estrarne il succo. Un metodo casalingo per farlo consiste nel pigiare i grappoli d'uva come facevano i nostri nonni, coi piedi, in cassoni di legno. Procuratevi un contenitore capiente e sterilizzato (un barile o una tinozza, purché ben pulito, privo di agenti contaminanti che inficerebbero la fermentazione), lavatevi i piedi (o le mani) e calpestate l'uva. Il vostro scopo è schiacciarla senza danneggiarne i semi. Quindi private il mosto ottenuto dai raspi: lasciate solo polpa e buccia e pressate nuovamente.

Continua la lettura
58

Lasciar macerare il mosto

Una volta pressata occorrono 2 o 3 giorni all'uva per cominciare a fermentare: noterete che il processo di ?cottura? inizia quando sentirete che va letteralmente in ebollizione. Eccovi le regole fondamentali perché il mosto cosí ottenuto possa fermentare. Collocate la tinozza in un ambiente protetto, poco aerato, dove la temperatura possa mantenersi costante fra i 21 e 28º C; il contenitore deve sempre rimanere aperto, mai tapparlo; non riempitelo oltre i ¾ della sua capienza, perché con la fermentazione potrebbe straripare; di tanto in tanto verificate che il mosto non fuoriesca dal contenitore; se optate per una fermentazione prolungata dovete ricordarvi tutti i giorni, 2 volte al giorno, di mescolare il mosto, per prevenire il processo di acidificazione ed un accumulo eccessivo di anidride carbonica. Il ciclo completo di fermentazione puó durare anche vari giorni (fino a 3 settimane) e termina quando tutto lo zucchero viene trasformato in alcol. Potete interromperlo in base alla gradazione che volete dare al vostro vino. In linea di massima per un vino molto leggero possono bastare anche 24-48 ore; per un vino a bassa gradazione alcolica 5-7 giorni; per un vino ad alta gradazione anche 2-3 settimane.

68

Verificare zuccheri e lieviti

Verificate con un densimetro la quantitá di zuccheri presente nel vostro mosto: il contenuto zuccherino ne determina la gradazione finale ma, se inferiore agli 11 gradi, potrebbe non essere sufficiente ad innescare la fermentazione. In tal caso dovreste aggiungere saccarosio (zucchero: alterazione vietata nelle produzioni da porre in vendita): una bassa gradazione alcolica potrebbe anche inficiarne la corretta conservazione. Un'ulteriore ragione di una carente o assente fermentazione potrebbe essere la scarsitá di lieviti: i pesticidi sovente impiegati nelle coltivazioni intensive uccidono i lieviti spontanei presenti sulla buccia dell'uva. Per incrementarli potete ricorrere ad una vigorosa follatura (mescolarlo per far affondare le vinacce nel mosto), aggiungere lieviti di sintesi specifici o immettete anidride solforosa, dall'azione antisettica ed antiossidante.

78

Imbottigliare

In piena fase di fermentazione il mosto gorgoglia, ribolle. Quando termina di emettere bollicine potete setacciarlo, per scartare la vinaccia e travasarlo in botti. Procedete poi coi rinvasi, per lasciarlo sedimentare ed infine imbottigliate. Le bottiglie debbono essere riempite fino al collo e sigillate, di modo che l'aria non vi possa penetrare, altrimenti il vino diventerebbe aceto. Riponetelo in luogo asciutto, buio e fresco: oltre i 30 gradi ricomincerebbe a fermentare.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate sempre strumenti e contenitori sterilizzati: batteri ed impuritá potrebbero inficiare la fermentazione
  • Per ottenere vino bianco occorre separare le bucce prima di riporlo a fermentare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fare l'uva passa

L’uva passa è tra gli ingredienti che si trova più comunemente nelle ricette italiane, usata sia per farcire dolci quali panettoni o biscotti, ma pure per i secondi piatti di pesce, come il baccalà, o per i primi e per l'insalata. Sebbene abbia un...
Consigli di Cucina

Come usare l'estrattore di succo

Sempre più persone decidono di acquistare un estrattore di succo per preparare in casa deliziosi succhi di frutta e di verdura. L'estrattore di succo è diverso dalla centrifuga in quanto "mastica" lentamente il frutto o l'ortaggio ricavandone più succo....
Consigli di Cucina

5 piatti in cui usare l'uva

L'uova è un frutto goloso dalle tante varietà e ricco di qualità importanti per la condizione fisica di una persona: ringiovanisce la pelle, ha un potere disintossicante, elude la carenza di ferro, l'herpes ed è indicata per chi ha l'intestino pigro....
Consigli di Cucina

Ricetta: filetto di merluzzo al succo d'arancia

Il merluzzo è uno dei pesci più usati in cucina. I tipi di cottura del merluzzo sono moltissimi: al cartoccio, al vapore, al forno, in padella e così via. Trattandosi inoltre di carne bianca ricca di fosforo e potassio, dovrebbe far parte della nostra...
Consigli di Cucina

Ricetta: risotto al cocco e succo di limone

Il cocco è un frutto tropicale che sta trovando riscontro nelle cucine di tutto il mondo: con esso si può preparare ogni tipologia di piatto, dagli antipasti ai dolci, per non parlare dei secondi piatti, in particolar modo a base di pesce. Le sue qualità...
Consigli di Cucina

Ricetta: tonnarelli alle noci e succo di limone

Con il sopraggiungere del caldo, si è sempre meno invogliati a perdere tempo nel cucinare piatti molto elaborati. Sono sempre più inoltre coloro che preferiscono acquistare condimenti già pronti. Uno dei piatti che richiede poco tempo di preparazione,...
Consigli di Cucina

Consigli per mantenere la macedonia

Per completare un pasto non c'è niente di meglio che una bella porzione di frutta fresca. Spesso, anche nei ristoranti, questa viene servita sotto forma di macedonia. Realizzarla in casa è davvero semplice ma conservarla intatta può risultare una vera...
Consigli di Cucina

Come fare lo yogurt con il microonde

Lo yogurt è un alimento sano e nutriente. Grazie alla sua consistenza fresca e cremosa, piace sia ai grandi che ai piccini. Grazie all'alto apporto di fermenti lattici aiuta la digestione e previene le infezioni intestinali, proteggendo il nostro corpo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.