Come guarnire i babà

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il babà è uno dei dolci tipici della tradizione napoletana, forse è il dolce tipico napoletano per eccellenza. Ecco, non è che si possa parlare del babà così, come se fosse una cosa qualunque. Il babà a Napoli è una religione, un culto unico, un atto d'amore. A Napoli il babà è un complimento: Sii nu babà. Paradossalmente, ma poi neanche tanto, è anche un insulto: Chell'è proprio nu babà, riferito a persona scarsamente dotata di perspicacia. Di lontane origini polacche, fu creato per lenire le amarezze di un re polacco, detronizzato. Il babà viaggiò per mezza Europa, passando anche per la Francia, ma fu in Italia, nello specifico a Napoli, che grazie ai monsù, trovò la sua casa. C'è chi lo preferisce imbevuto dal famoso sciroppo a base di rum bianco. Il babà ognuno lo sceglie come il proprio palato comanda! Noi possiamo solo suggerirvi in questa guida come guarnire i babà.

25

Occorrente

  • gelatina di frutta, crema di cioccolato, crema pasticciera, amarene, crema al limoncello, ghiaccia.
35

Babà al rum con crema pasticcera alla vaniglia: Per procedere alla preparazione della crema pasticcera, scaldate il latte in un pentolino insieme ai semini della bacca di vaniglia. Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Incorporate alla montata di tuorli, l'amido di mais, mescolando per bene affinché non rimangano grumi. Una volta che il latte sarà ben caldo, versatene una piccola quantità nel composto di tuorli e zucchero, così da renderlo più fluido. Unite il composto appena ottenuto alla parte di latte ancora sul pentolino e, mescolate per rendere il composto omogeneo. Riaccendete a fuoco basso e cuocete la crema, mescolando fino a farla addensare, Non appena si è raggiunto il grado di densità desiderato, trasferite la crema in una ciotola, coprendola con della pellicola trasparente, questo eviterà alla crema di seccarsi in superficie. Lasciate raffreddare, quindi versatela in un sac a poche e, decorate il vostro babà, terminando con delle amarene sciroppate.

45

La pasticceria napoletana ha fatto suo questo dolce, e con la creatività tipica di questo popolo ha ideato deliziose farciture varie e golose tutte molto invitanti e per tutti i palati, rendendolo così un dolce tipico napoletano. Il modo più classico è coprire il dolce con una gelatina di frutta e decorarlo con gocce di ghiaccia, che farai sbattendo 100 gr. Di zucchero a velo con un cucchiaio circa di acqua fredda. La ghiaccia deve essere densa e fluida per poterla colare sul dolce. Per la gelatina di frutta basta leggere le istruzioni sulla scatola. Per lo sciroppo sciogliete sul fuoco 60 gr di zucchero, tre bicchieri di acqua, quando lo sciroppo sarà rappreso aggiungete quattro bicchierini di rum.

Continua la lettura
55

Se non avete molto tempo da dedicare a questo dolce, dopo la bagna guarnitelo con crema di cioccolato alle nocciole, disponibile ampiamente in ogni salumeria, impazziranno tutti dal piacere perché diventa golosissimo; se volete cimentarvi in qualcosa di diverso, ma sempre delizioso, potete bagnare il babà con il liquore limoncello al posto del rum, acqua e zucchero e guarnite con crema al limoncello, servitelo molto freddo e vedrete che bontà. La crema al limoncello si prepara come la crema pasticciera aggiugendo alla fine e fuori dal fuoco cinque o sei cucchiai di limoncello, secondo il vostro gusto, assaggiate man mano che aggiungerete il liquore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Babà al rhum

Il babà ha antiche origini polacche. Ad oggi, è un dessert tipico della pasticceria napoletana, il dolce simbolo della città. Venerato dai buongustai, dalla consistenza morbida e spugnosa, si presta a diverse golose farciture, con panna oppure crema...
Dolci

5 segreti per un babà perfetto

Il babà, dolce caratteristico della deliziosa pasticceria napoletana, è un dessert perfetto per ogni occasione. Da servire a fine pasto, il babà, con la sua bontà travolgente, saprà conquistare i vostri ospiti più golosi fin dal primo assaggio....
Dolci

Come preparare gli autentici babà napoletani

Il babà, insieme alla sfogliatella, rappresenta il classico dolce napoletano. Si dice che per mangiare una prelibatezza tipica di un posto ci si debba recare necessariamente lì, ma noi non siamo affatto d'accordo ed ecco che quindi vogliamo proporvi...
Dolci

Ricetta: il babbà

Il babà pronunciato a Napoli babbà è una ricetta amatissima non soltanto dai partenopei. Questa ricetta a prima vista sembra molto semplice ma non è così. Infatti preparare un ottimo babà richiede esperienza e conoscenza delle dosi giuste. La farcitura...
Dolci

I 5 dolci storici di Napoli

Napoli è una delle città che offre i migliori cibi ma soprattutto i dolci più buoni di tutto il mondo. Infatti è facile che se andate in una città estera e dite che siete italiani o napoletani, dall'altro lato sicuramente vi risponderanno con il...
Consigli di Cucina

Frutta secca: 10 ricete per utilizzarla

Un ingrediente che si può utilizzare per poter realizzare qualsiasi tipo di ricetta è la frutta secca. Quest'ultimo è un alimento ricco di caratteristiche benefiche per l'organismo. Si tratta di frutta essiccata, attraverso un processo che la priva...
Antipasti

Ricetta: Savarin di patate

Il Savarin nasce in Francia, nel 1844. Il dolce venne inventato dai fratelli Julien, rinomati pasticceri parigini, in onore del famigerato politico e gastronomo francese Brillat-Savarin. A quanto sembra, i fratelli Julien si ispirarono alla ricetta del...
Consigli di Cucina

5 piatti della tradizione campana

L'Italia possiede un patrimonio culinario che uguaglia quello artistico ed architettonico. Sulle tavole di ogni regione troviamo i piatti cucinati ancora oggi nel modo tradizionale. Questo accade anche, e soprattutto, in Campania dove i sapori sono ancora...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.