Come lavare bene l'insalata

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Mangiare le verdure crude, oltre ad essere molto salutare, è particolarmente gradevole, soprattutto nelle stagioni più calde: insalate e ortaggi crudi, infatti, sono freschi, dissetanti e ricchi di sali minerali fondamentali per il nostro organismo, specialmente in questi periodi.
Lavare bene l'insalata (lattuga, rucola, cavoli….) è una regola da rispettare sempre, per vari motivi: per eliminare il terriccio, per evitare di ingerire batteri, germi ed eventuali parassiti....
Sopratutto in particolari situazioni e condizioni, quali ad esempio la gravidanza, è necessario non solo lavare, ma disinfettare l'insalata, anche durante lo svezzamento dei bambini è opportuno stare molto attenti alla pulizia delle verdure.
Per approfondire l’argomento ecco alcuni utili consigli su come lavare bene l'insalata….

25

Eliminare le foglie rovinate

Il primo passo è quello di eliminare il gambo, il terriccio in eccesso e le foglie esterne, che in genere sono più spesse e rovinate. Per non sporcare il piano di lavoro, è conveniente riporre gli scarti in una ciotola capiente, in tal modo potranno essere riciclati come cibo per i nostri amici animali, ad esempio i conigli e le tartarughe, o come concime organico. Quindi staccare tutte le foglie dal cespo e poi metterle in un'altro recipiente o nel lavandino pulito della cucina. Riempire con l'acqua corrente e lasciare in ammollo l'insalata per almeno 5 minuti.

35

Utilizzare il bicarbonato

Se desideriamo avere una maggiore pulizia dell'insalata, possiamo versare nell'acqua dell'ammollo un cucchiaino di bicarbonato o, in alternativa, utilizzare gli appositi composti igienizzanti disponibili in commercio. Dopo aver lasciato agire per qualche minuto è possibile togliere l'insalata dall'acqua. Dopo l'ammollo è comunque sempre consigliabile sciacquare le verdure sotto l'acqua corrente per eliminare eventuali residui di sporco e batteri.

Continua la lettura
45

Asciugare l'insalata

Dopo esser stata lavata, l'insalata va asciugata. Per farlo è possibile usare le centrifughe per le insalate, le quali girando velocemente, eliminano l'acqua in eccesso e lasciano le foglie asciutte.
In assenza della centrifuga si possono tamponare le foglie con della carta assorbente.
Fatto ciò, l’insalata sarà ben lavata e pronta per essere condita o usata in cucina.
È necessario ricordare alcuni accorgimenti relativamente al consumo dell'insalata.
Va lavata solo appena prima di usarla altrimenti rischierebbe di marcire. Inoltre è sempre bene conservarla in frigo. È utile pulirla dal terriccio e dalle foglie esterne prima di metterla in frigo, e avvolgerla in un canovaccio umido, in questo modo l'insalata si conserverà perfettamente per almeno una settimana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fare un'insalata di farro e orzo estiva

Se volete un'idea originale ed innovativa per mangiare l'insalata e mantenervi sempre in linea, questa guida è proprio quello che fa per voi. Ormai le insalate non solo più quelle "classiche e "tradizionali", a base di lattuga o altre varietà di verdure...
Consigli di Cucina

Come condire l'insalata senza olio

L'insalata è il più classico dei contorni poiché riesce ad accompagnare qualsiasi pietanza. Ne esistono di vari tipi e le varianti sono numerosissime: basti pensare alle diverse insalatone proposte nei menù dei migliori ristoranti per farsi un'idea...
Consigli di Cucina

Insalata di ceci, gamberetti e songino

Chi ha detta che una ricetta sfiziosa debba essere sempre una ricetta che comporta un dispendio di energia notevole? E chi ha detto che solo i piatti ipercalorici vadano apprezzati? Combinare i legumi e il pesce non solo è un abbinamento insolito e piacevole,...
Consigli di Cucina

I vari tipi di insalata

Il termine “insalata” racchiude un intero mondo: nell’accezione comune indica solitamente una pietanza a base di vari ortaggi a foglia da consumarsi cruda. Le influenze derivanti dai diversi paesi in cui viene consumata e le mode del momento le...
Consigli di Cucina

Come fare l'insalata di quinoa, tonno e curcuma

La quinoa è un seme dalle alte proprietà nutrizionali, con poche calorie, quindi adatto a qualsiasi tipi di dieta, infatti si presta nella preparazione di numerose ricette di cucina. Questa pianta è originaria dall'America meridionale, i suoi chicchi...
Consigli di Cucina

Menù di Pasqua vegano

L'alimentazione vegana riscuote sempre più consensi e in molte famiglie si festeggia la Pasqua, realizzando menù ricchi di gusto. La scelta è ampia e per questa occasione è possibile preparare svariati piatti. Per cominciare si possono proporre degli...
Consigli di Cucina

Come disinfettare la verdura cruda con metodi naturali

Sicuramente mangiare frutta e verdura è molto importante per il nostro organismo, ma è bene ricordare di lavare e disinfettare accuratamente questi alimenti per evitare disturbi intestinali, digestivi ed intolleranze varie. Ecco quindi a tal proposito...
Consigli di Cucina

Come utilizzare lo zenzero nelle insalate

Lo zenzero è una pianta che ha le sue origini dall'Asia ma si trova in Europa grazie all'importazione delle spezie durante il periodo dell'impero romano. Comunque trattasi di una spezia che può essere consumata sia fresca che essiccata e si può abbinare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.