Come polverizzare i semi di lino

Tramite: O2O 04/05/2019
Difficoltà: media
16
Introduzione

I semi di lino sono un alimento nutriente ricco di acidi grassi omega-3. Antiossidante e fibre. Essi sono molto utilizzati nella cosmesi per la cura dei capelli. In realtà i semi di lino sono utilissimi anche per cistiti e stipsi. Questo prodotto è molto delicato. Infatti, si irrancidisce facilmente per cui bisogna conservarlo con le dovute attenzioni. I semi di lino si possono consumare sia interi che tritati. Per fare in modo che il proprio organismo possa assorbirli facilmente è consigliabile macinarli prima di consumarli. Leggendo questa breve guida si possono avere alcuni utili consigli su come è possibile polverizzare i semi di lino.

26
Occorrente
  • Elettrodomestico
  • Mortaio
  • Pestello
  • Macinino
36

Macinino

La soluzione più semplice e rapida è quella di utilizzare una macina semi manuale. È un macinino progettato esclusivamente per triturare i semi. Bisogna rimuovere il coperchio e versare i semi di lino all'interno del comparto superiore del macinino. L'attrezzo va posizionato sopra un piatto oppure una ciotola. Successivamente bisogna girare semplicemente la manovella in senso orario. Il procedimento è abbastanza breve. Infatti, per triturare un cucchiaio di semi di lino occorrono circa 30 secondi. Una volta ridotti in polvere i semi di lino cadono nella parte bassa del macinino.

46

Mortaio

La polverizzazione dei semi di lino si può ottenere utilizzando mortaio e pestello. Questo procedimento permette di triturare i semi finemente. All'inizio bisogna mettere i semi nel mortaio per cominciare a ridurli in polvere con il pestello. Quest'ultimo va mosso con un movimento circolare. Inoltre, bisogna premere accuratamente contro il fondo e le pareti. In alternativa si può puntare il pestello in un punto preciso del mortaio e ruotarlo a destra e sinistra sopra i semi. Questa operazione va eseguita per un periodo di tempo di circa 5 minuti. È opportuno controllare se i semi sono stati completamente polverizzati.

Continua la lettura
56

Elettrodomestico

Se non si ha l'esigenza di ottenere una polvere abbastanza sottile si può utilizzare un robot da cucina. Bisogna versare i semi all'interno dell'elettrodomestico e successivamente si deve selezionare la modalità e la velocità più adatta. Prime di effettuare questa operazione è indispensabile consultare il libretto delle istruzioni. È opportuno spegnere di tanto in tanto il robot per rimuovere il coperchio e mescolare i semi utilizzando un cucchiaio. Così facendo si ha la possibilità di avvicinare i semi alla lame. Per ottenere la polvere occorrono circa 15 minuti. Il metodo è molto efficace, ma richiede un tempo maggiore rispetto agli altri.

66
Consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come polverizzare la curcuma

La curcuma è una spezia di origine asiatica particolarmente nota per il suo colore giallo acceso, infatti viene spesso usata come colorante (E100), e per le sue numerose proprietà benefiche.Il suo principio attivo, la curcumina, è contenuto principalmente...
Consigli di Cucina

Semi di chia: come utilizzarli in cucina

Mangiare semi di chia quotidianamente può essere un grande aiuto per l'organismo ed il metabolismo. Essi sono considerati un alimento dai grandissimi effetti benefici. I semi di chia sono pieni di Omega3 (ne contengono più del pesce e dei semi di lino)....
Consigli di Cucina

5 modi per utilizzare i semi di papaya

La papaya è un frutto originario del Centroamerica che contiene calcio, fibre, fosforo, papaina, ferro, niacina, tiamina e molte vitamine. Cristoforo Colombo lo chiamava "il frutto degli angeli". In Messico la papaya era considerata portatrice di fertilità....
Consigli di Cucina

Come preparare i semi di zucca salati

Quando sentiamo la necessità di un momento di pausa dagli impegni quotidiani, perché non concederci uno spuntino stuzzicante e goloso? Per evitare di cedere alla tentazione di snack calorici come le patatine fritte, lasciamoci ispirare da qualcosa di...
Consigli di Cucina

Come essiccare i semi di zucca

La conservazione dei semi di zucca è un'operazione piuttosto comune e molto semplice da effettuare, che permette di rinnovare anno dopo anno il ciclo riproduttivo della stessa pianta. Con una sola manciata, inoltre, è possibile ottenere un grande numero...
Consigli di Cucina

Come essiccare i semi di girasole

I semi di girasole sono degli ingredienti naturali molto versatili. Utilizzati in cucina, si rivelano utili anche per la produzione di olio, cosmetici e preparati. Possiedono interessanti proprietà nutrizionali e sono in grado di apportare benefici alla...
Consigli di Cucina

Semi di sesamo: come utilizzarli in cucina

I semi di sesamo (Sesamum indicum) sono conosciuti per l'alto contenuto di minerali, proteine e carboidrati. Essi sono molto utili per la prevenzione dell'osteoporosi e delle malattie cardiocircolatorie. Generalmente i semi di sesamo vengono utilizzati...
Consigli di Cucina

Come sostituire gli albumi in cucina

L'uovo generalmente è l'alimento che viene utilizzato maggiormente nelle ricette di cucina. Trova largo impiego in cucina per la preparazione di dolci, piatti salati. pasta fresca o una semplice frittata. L'uovo è caratterizzata da una parte interna...